TRENTO: 12 OTTOBRE LEAL E SALVIAMO GLI ORSI DELLA LUNA AL PROCESSO A UGO ROSSI EX PRESIDENTE DELLA PROVINCIA. CARTELLI E STRISCIONI DAVANTI AL TRIBUNALE

Le associazioni LEAL Lega AntiVIVIsezionista e Salviamo gli Orsi della Luna saranno in aula durante l’udienza per il processo che vede imputati Ugo Rossi, ex presidente della Provincia di Trento e il dirigente del Servizio Fauna Maurizio Zanin per l’uccisione dell’orsa KJ2 rinviata dal 28 settembre al 12 ottobre ore 15.30 dal giudice Marco Tamburrino che nel frattempo ha vagliato le richieste d’ammissione delle costituzioni.


Gli attivisti alle ore 15.00 davanti al Tribunale di Trento, largo L. Pigarelli 1, LEAL e Salviamo gli Orsi della Luna esporranno cartelli e striscioni a tema. Sarà inoltre letta e consegnata alla stampa la dichiarazione integrale di Stefania Sbarra, Barbara Nosari e Loredana Labriola le tre attiviste che dal 21 settembre hanno iniziato uno sciopero della fame per chiedere la liberazione degli orsi detenuti al Casteller, e della quale anticipiamo uno stralcio.

 
“…Anche alla luce del pronunciamento del Tar in data 8 ottobre 2020, che segna una altra pagina vergognosa della ratio jure italiana in tema di animalismo, siamo a dichiarare che non molleremo, e porteremo ovunque la nostra protesta sino a quando a DJ3 – M49 – M57 – e per ultima JJ4 o Mamma Orsa non sarà restituito per legge loro quanto è stato tolto ovvero libertà e dignità. La nostra azione di lotta sposa appieno anche i principi che animano le battaglie legali di LEAL e di Salviamo gli Orsi della Luna.

Con il comunicato odierno infatti siamo a dire che la nostra lotta è certamente per gli orsi vivi ma non dimenticando coloro che sono stati ammazzati da una politica abbietta e da una legge ancora profondamente e pericolosamente antropocentrica.

Appoggiamo e confortiamo qualsiasi azione che verrà intrapresa da LEAL e da Salviamo gli Orsi della Luna perché unanimi sono i principi fondanti il pensiero comune…”.
 

L’orsa KJ2 fu braccata la sera del 12 agosto 2017 mentre era con i suoi cuccioli e venne fucilata dagli uomini della Forestale. La sua uccisione era stata pianificata dando seguito ad una ordinanza di Rossi dopo che mamma orsa si era resa “colpevole” di aver graffiato ad un braccio e alle gambe un anziano escursionista che, passandole in prossimità con il proprio cane, l’aveva messa in allarme.

Gian Marco Prampolini, presidente LEAL, e Natascia Pecorari, presidente di Salviamo gli Orsi della Luna, esprimono la massima solidarietà alle attiviste in sciopero della fame e sottolineano: “In Trentino la convivenza con gli orsi fino ad oggi è stata conflittuale anche a causa di interessi economici. Per incentivare ulteriormente il turismo si è fatta una rete di sentieri sempre più fitta e vasta, urbanizzazione, alberghi, piste da sci e impianti di risalita che hanno invaso gran parte del territorio necessario per sopravvivere alle specie selvatiche. Al poco territorio rimasto ci pensa la zootecnia che a sua volta ha mire espansionistiche: non è difficile comprendere quindi che anche oggi la medaglia della pericolosità vada assegnata all’essere umano. Gli orsi non hanno responsabilità: sono loro le vittime e chiediamo con forza la loro liberazione”.

LEAL e Salviamo gli Orsi della Luna sono rappresentati dai legali Aldo Truncè, Aurora Loprete e Francesco Moschella.

 LEAL DALLA PARTE DEGLI ORSI 


LEAL_5x1000_animata_det → ASSOCIATI SUBITO A LEAL 
 
 → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F.80145210151 

SOSTIENI LEAL: DONA ORA!
EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:

LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L.Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
.tramite C/C Postale 12317202
.bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
.PayPal -online
.per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI.Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 

Questa voce è stata pubblicata in Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri e contrassegnata con , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?