Oggi la sentenza per gli assassini del cane Angelo

È di oggi la condanna dei quattro colpevoli della morte del cane Angelo: condannati dal giudice del Tribunale di Paola, Alfredo Cosenza al massimo della pena poi ridotta da 24 a 16 mesi a causa dell’applicazione del rito abbreviato. La pena è stata sospesa e subordinata a sei mesi di volontariato in un canile municipale; il giudice Cosenza ha stabilito inoltre il pagamento di duemila euro di risarcimento danni per ciascuna parte civile e il pagamento delle spese processuali.

giustizia cane angeloprocesso cane angeloprocesso_cane_angeloSi chiude così la storia di Angelo, uno dei capitoli più dolorosi e desolanti della storia del maltrattamento animale anche per il coinvolgimento emotivo di milioni di persone. Una storia iniziata il 24 giugno dello scorso anno quando quattro ragazzi: Giuseppe Liparoto, Nicholas Fusaro, Francesco e Luca Bonanata torturarono, impiccarono e colpirono fino alla morte Angelo, un cane randagio buono e socievole che fino a poco prima aveva giocato con loro.

Il cane subì la violenza senza guaiti e morì scodinzolando ai suoi boia che avevano ripreso le scene del tormento agghiacciante di Angelo con un telefonino e le postarono sui social. Il resto è noto a tutti, perché i colpevoli furono individuati e questo efferato gesto colpì nel cuore tutta l’Italia, valicando anche i confini.

Gian Marco Prampolini, presidente LEAL commenta: “Come associazione ci possiamo definire solo parzialmente soddisfatti perché se il patteggiamento ha già ridotto la pena questa è poi stata sospesa e concessa la “messa alla prova”, da scontarsi tra l’altro presso un canile municipale. Noi auspichiamo di fatto provvedimenti ben diversi: ovvero che i condannati per questo genere di reato non possano più entrare in contatto con gli animali”.

La morte di Angelo non è stato solo un fatto di cronaca ma un episodio che ha unito tantissime persone che si sono battute per onorarne la memoria e continueranno a lottare per chiedere pene certe e più severe.


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!

Questa voce è stata pubblicata in Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a Oggi la sentenza per gli assassini del cane Angelo

  1. Marco Baracca scrive:

    Che vergogna.

  2. Milvia Angela Codazzi scrive:

    Troppo poco come pena.

Rispondi a Marco Baracca Annulla risposta