NO DECISO ALLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE

LEAL LEGA ANTIVIVISEZIONISTA è impegnata dal 1978 sulla lotta alla sperimentazione animale (SA) per favorire la ricerca human based (RHB) portando avanti specificatamente motivazioni di natura scientifica, incidendo sul metodo di approccio al ragionamento scientifico, seguito subito dopo dal metodo applicativo.

Finanzia già dagli anni 80 borse di studio per ricercatori che sposano il principio della ricerca human based portando avanti la tematica dei metodi sostitutivi e non alternativi, insieme alla lotta al maltrattamento e allo sfruttamento animale.

Anche nell’attuale compagine storica, caratterizzata dal Covid-19, provocata dal virus SARS – CoV2, LEAL è parte attiva sul campo per informare l’opinione pubblica sulle tecniche innovative nella RHB, per sottolineare ancora oggi come il sostare sull’approccio alla sperimentazione animale sia l’ulteriore fallimento anche questa volta per affrontare il problema della pandemia causata dal nuovo Coronavirus.

Entrando nel merito, i grossi numeri in termini di malati, positivi asintomatici, guariti e purtroppo deceduti, impongono l’uso immediato della sperimentazione sull’uomo, e no di certo ancora l’uso della SA. Oggi, invece, gli sforzi sono puntati sul vaccino frutto di studio mediante inoculazione del virus ad alte dosi sugli animali (malattia indotta artificialmente non è mai la malattia contratta per vie naturali) con risultati fallimentari. Il virus, sia pur partito da specie animali differenti dalla specie animale uomo, ha subito diverse mutazioni genetiche dandogli caratteristiche specie specifiche, mostrando effettiva capacità di sola trasmissione da uomo a uomo, e non da animale all’uomo. Piuttosto appare possibile che l’uomo possa infettare l’animale, tra cui cani e gatti.

La FNOVI, Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani, ha ufficialmente comunicato che gli animali non si ammalano di Covid-19, né tanto meno lo trasmettono. I principi attivi antivirali, come il Favipiravir, il Remdesivir, l’Oseltamivir, testati in diverse strutture ospedaliere, hanno dato esito fallimentare.

Nessuna attenzione su Ozonoterapia, nessuna attenzione su Microbioma Umano, nessuna attenzione su farmaci SNA, Acidi Nucleici Sferici, farmaci a DNA (riproducibili anche a RNA da potere applicare contro i virus) che hanno la capacità o di “silenziare” e quindi rendere inoperativi i geni che codificano per la replicazione del virus, o di “sostituire” i geni frutto della patologia con geni sani all’interno delle cellule umane infettate dai virus. Metodologie di avanguardia, “chirurgiche” nella loro azione farmacologica, che impongono la nostra attenzione in un’era in cui si gestiscono in campo di ricerca scientifica human based, lo studio degli organi on chip, lo studio delle stampanti 3D che riproducono esattamente l’organo o il tessuto umano su cui vanno studiate le caratteristiche isto-fisiologiche, per comprenderne le modalità di ripristino dei normali funzionamenti quando una patologia compare a loro carico.

La National Institute of Health degli USA già dal 2018 sta studiando il DNA di grosse campionature di soggetti umani che si sono messi a disposizione per fornire dati sul proprio DNA (250.000 persone hanno aderito tramite un sito web fornendo cartelle cliniche e recandosi presso ospedali aderenti allo studio, fornendo campioni di sangue e urine per lo studio del loro genoma) così da favorire il progredire dei farmaci SNA, nell’obiettivo di creare farmaci effettivamente risolutivi, non solo frutto dello studio sull’uomo, ma anche tagliati in modo specifico per il soggetto umano malato, eliminando variabili intra-specie nell’uomo, legate non solo all’individualità genetica di ognuno di noi, ma anche alla differente appartenenza di etnia.

PhD. Prof. Mirta Baiamonte
Consulente Scientifico LEAL


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 

Questa voce è stata pubblicata in LEAL informa, Vivisezione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?