LEAL – MAIL BOMBING AL MINISTERO PER CHIEDERE L’ABROGAZIONE DELLA DEROGA CHE CONSENTE UNA SOSTA DI 72 ORE AL MATTATOIO AGLI AGNELLI MANDATI A MORTE PER LA PASQUA

Apprendiamo dai comunicati che anche quest’anno è stato prolungato fino a SETTANTADUE (72) ore il tempo di attesa degli agnelli prima di essere uccisi.

Un tempo così prolungato può essere equiparato ad una barbarie che viene a rendere ancora più traumatica la breve vita di queste creature. I cuccioli di ogni specie dovrebbero stare con le madri e non essere fatti nascere per essere mangiati, né, tantomeno, dovrebbero trascorrere le ore piangendo, terrorizzati, in attesa della macellazione. Una scelta che privilegia le ragioni economiche a tutela di un comparto sempre molto garantito.

Il direttivo di LEAL ha inviato una Pec al Ministro Roberto Speranza e al Direttore Generale Silvio Borrello per chiedere di abrogare questa crudele agonia. Scriviamo tutti utilizzando il testo facsimile che vi proponiamo, e ricordiamo che ogni essere ha diritto alla vita e l’unica soluzione compassionevole è la scelta vegana da adottare e diffondere.

TESTO PER SILVIO BORRELLO – SANITÀ ANIMALE

sanita.animale@sanita.it
PEC: dgsa@postacert.sanita.it

Al Direttore Generale della Sanità animali e farmaci veterinari
dott. Silvio Borrello

Nel momento in cui il paese sta vivendo l’emergenza covid 19, è da ritenersi quantomeno inconcepibile la nuova ed ulteriore deroga ad opera del Ministero della Salute per il trasporto e la macellazione di ovini e caprini.
La circolare emanata dal ministero della salute firmata dal Direttore Generale dott. Borrello conferma per quest’anno, come negli anni precedenti, una grave deroga alle disposizioni di legge permettendo che gli agnelli sostino fino a 3 giorni prima della macellazione. Questo provvedimento, emanato ad esclusivo favore del comparto zootecnico (allevatori di ovini e caprini) non solo non tiene conto della sofferenza degli animali (stressati poiché tolti alle madri, sottoposti a lunghi viaggi stipati su camion e costretti a vivere per giorni ammassati senza la sicurezza che siano rispettate le adeguate condizioni igieniche) ma neppure della salute pubblica.
In quanto associazione che si adopera per il benessere animale, e in quanto cittadini che rispettano le normative, non possiamo accettare che in questo comparto specifico si agisca in virtù di una deroga che rischia di aumentare l’attuale crisi sanitaria in atto. Riteniamo quanto meno irresponsabile, nei confronti degli animali e della salute pubblica, un provvedimento di tale natura che consente di bypassare le regole in un comparto in cui dove l’assembramento e l’ambiente risultano già di per sè non salutari.
Qualora, per deroghe o inadempienze, venissero disattesi i minimi standard di sicurezza, riportati nei DPCM (distanze di sicurezza e divieto di assembramento), e si verificassero contagi di coronavirus tra gli addetti e/o i consumatori di carne, gli animali verrebbero automaticamente accusati di aver diffuso il virus e questo porterebbe in ogni caso ad un peggioramento delle loro condizioni di vita, già miserabili in molti casi, oltre che ad un peggioramento dell’emergenza in corso.
CHIEDIAMO di attenersi alla legge e di NON DEROGARE DALLA NORMA NEL MOMENTO ATTUALE. CHIEDIAMO altresì di EVITARE DEFINITIVAMENTE DI CONTRAVVENIRE ALLA LEGGE in futuro emanando deroghe simili, cosa che invece accade da anni.

Nome Cognome e città

 

TESTO PER IL MINISTRO SPERANZA

segreteriaministro@sanita.it

Al Ministro della Salute
Onorevole Roberto Speranza

Nel momento in cui il paese sta vivendo l’emergenza covid 19, è da ritenersi quantomeno inconcepibile la nuova ed ulteriore deroga ad opera del Ministero della Salute per il trasporto e la macellazione di ovini e caprini. La circolare emanata dal ministero della salute firmata dal Direttore Generale dottor Silvio Borrello conferma per quest’anno, come negli anni precedenti, una grave deroga alle disposizioni di legge permettendo che gli agnelli sostino fino a 3 giorni prima della macellazione. Questo provvedimento, emanato ad esclusivo favore del comparto zootecnico (allevatori di ovini e caprini) non solo non tiene conto della sofferenza degli animali (stressati poiché tolti alle madri, sottoposti a lunghi viaggi stipati su camion e costretti a vivere per giorni ammassati senza la sicurezza che siano rispettate le adeguate condizioni igieniche) ma neppure della salute pubblica.
In quanto associazione che si adopera per il benessere animale, e in quanto cittadini che rispettano le normative, non possiamo accettare che in questo comparto specifico si agisca in virtù di una deroga che rischia di aumentare l’attuale crisi sanitaria in atto. Riteniamo quanto meno irresponsabile, nei confronti degli animali e della salute pubblica, un provvedimento di tale natura che consente di bypassare le regole in un comparto in cui dove l’assembramento e l’ambiente risultano già di per sè non salutari.
Qualora, per deroghe o inadempienze, venissero disattesi i minimi standard di sicurezza, riportati nei DPCM (distanze di sicurezza e divieto di assembramento), e si verificassero contagi di coronavirus tra gli addetti e/o i consumatori di carne, gli animali verrebbero automaticamente accusati di aver diffuso il virus e questo porterebbe in ogni caso ad un peggioramento delle loro condizioni di vita, già miserabili in molti casi, oltre che ad un peggioramento dell’emergenza in corso.
CHIEDIAMO perciò a Lei, Ministro, di farsi portavoce delle nostre richieste chiedendo al Ministero della Salute e al Direttore Generale dott. Silvio Borrello di attenersi alla legge e di NON DEROGARE DALLA NORMA NEL MOMENTO ATTUALE. CHIEDIAMO altresì di EVITARE DEFINITIVAMENTE DI CONTRAVVENIRE ALLA LEGGE in futuro emanando deroghe simili, cosa che invece accade da anni.

Nome Cognome e città


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 

Questa voce è stata pubblicata in LEAL informa, Legislazione, veganismo, Vivere eticamente e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?