LEAL – AGNELLI E CAPRETTI: VOGLIONO INVERTIRE I RUOLI NEL GIOCO DELLE PARTI, GLI ALLEVATORI DA CARNEFICI A VITTIME!

Il riconoscimento dei diritti di ogni essere vivente parte dal diritto alla vita. Nel pieno rispetto di questa verità LEAL diffonde la scelta vegana come l’unica davvero sostenibile. Questa filosofia coerente e rigorosa è imprescindibile da uno stile di vita senza crudeltà nei confronti di animali e ambiente.

La raccomandazione di una conversazione al vegan in ogni momento in occasione delle festività, si contrappone con forza rispetto alle scelte alimentari e agli incitamenti di consumo da parte dei portatori di interesse che nascondono la brutalità, la sofferenza, l’agonia e la morte al fine di un ideale e sempre crescente aumento dei guadagni.

Ed ecco che Confagricultura e Coldiretti scendono in campo a gamba tesa e fazzoletto in mano ripetendo il mantra del mantenimento delle tradizioni e chiedendo di sostenere lo sporco mercato di animali allevati e uccisi per le festività pasquali. In previsione della ricorrenza viene abitualmente programmato un aumento di nascite di agnelli e capretti del 90% e le associazioni di categoria stimano che in Italia si allevino 2,8 milioni di ovini e 150mila di caprini. Cifre forse anche sottostimate visto che nel comunicato diffuso da Agensir si parla di 60 mila pastori (ovvero ALLEVATORI) da salvare. (*)

Inoltre Confagricoltura afferma cinicamente che “le vendite sono ferme ma la produzione continua, così come i costi. Gli animali non si possono fermare, vanno nutriti e continuano a fare latte, e questo porta ad un esubero di prodotti”.

“Gli animali morti non sono prodotti – sottolinea Gian Marco Prampolini presidente LEAL –. Come sempre e non solo in occasione della Pasqua o delle festività comandate raccomandiamo di rinunciare al consumo di carne e prodotti di origine e animale e ci auguriamo che il drastico calo dei consumi derivato da una necessaria conversione verso uno stile di vita vegano convinca tanti allevatori a riconvertire la propria attività nella coltivazione di prodotti ortofrutticoli biologici, ecosostenibili e biodinamici verso i quali esiste una domanda sempre in crescita. Cambiare si può e si deve, facciamo in modo che questa terribile contingenza porti ad una maggiore propensione al rispetto e a modificare il proprio stile di vita”.

(*)
→ Agensir – Coldiretti


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 

Questa voce è stata pubblicata in LEAL informa, veganismo, Vivere eticamente e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?