Il Coniglio Nero che dice stop ai test cosmetici

LEAL Lega AntiVivisezionista ha presentato il nuovo marchio di certificazione etica di prodotti non testati che offre garanzie e rispetta i diritti dei consumatori. Il Coniglio Nero STOP VIVISEZIONE di LEAL ha debuttato ufficialmente al Vegan Fest tenutosi i giorni scorsi a Bologna, e certificherà con assoluta trasparenza e certezza i prodotti non testati su animali.

Consulente scientifica di LEAL per questa importante svolta nell’ambito dei test cosmetici su animali è la biologa Valeria Roni che durante la presentazione del marchio in occasione di un convegno dedicato all’argomento ha fatto chiarezza su molti punti: “Dall’11 marzo 2013 in Europa è entrato in vigore il divieto totale per i test su animali per i cosmetici e questo significa che in ambito UE non si possono vendere cosmetici che siano stati testati sugli animali dopo questa data: questo vale sia per il prodotto in toto che per i singoli componenti. La ricerca e il progresso forniscono alle case produttrici strumenti tecnologici e scientifici che permettono di studiare le sostanze in modo innovativo, efficace e privo di crudeltà. Un importante esempio per tutti è un sistema di Orgonovo, azienda statunitense, in grado di produrre pelle con le stampanti 3D”.

Alla domanda “Cosa non è stato ottenuto o che cosa lascia perplessi in questa legge?” Valeria Roni ha chiarito: “I detersivi e prodotti per la casa non sono inclusi in questo divieto di test su animali e ci sono ancora troppi escamotage per chi testa in vivo. Infatti, l’industria chimica può testare una sostanza denunciandola come componente di un detersivo e poi scoprire che può essere utile per una crema ed inserirla in seguito nella composizione del cosmetico. Inoltre, un’azienda che produce e vende in tutto il mondo, potrà benissimo testare su animali in altre nazioni fuori dalla comunità europea. Mentre, per legge, farmaci e altre sostanze chimiche messi in commercio devono essere a oggi ancora testati su animali. Le ditte che producono cosmetici spesso fanno parte di multinazionali che finanziano ancora la ricerca sugli animali: è importante quindi essere informati su queste liste di marche che comunque anche se indirettamente finanziano la vivisezione. Ognuno diventa responsabile di se stesso e può impedire che queste ditte finanzino i test sugli animali boicottandole”.

Trovate le liste nel sito La voce dei conigli.

LEAL continuerà a battersi per una ricerca senza animali e il Coniglio Nero STOP VIVISEZIONE sarà d’ora in avanti in prima linea per guidare gli acquisti di prodotti senza crudeltà.

LEAL_Stop_Vivisezione_coniglio_nero

Questa voce è stata pubblicata in LEAL informa, Vivisezione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?