BURIONI E CORONAVIRUS: “ANIMALI CONTAGIATI? POSSIAMO SPERIMENTARE IL VACCINO”

Il controverso televirologo Roberto Burioni, fondatore dell’ancora più controverso Patto Trasversale per la Scienza da ultimo è stato attaccato da più parti per una sua personale crociata a favore della censura [**] contro le fake news di colleghi, ricercatori (tra questi il dottor Stefano Montanari nei confronti del quale ha presentato un esposto in Procura) e dei media non allineati al pensiero unico scientifico.

Ma è stato durante la puntata di domenica 5 aprile, ospite a Che tempo che fa (*) di Fabio Fazio che Burioni ha giocato l’asso. Una mossa volta a far vacillare ancora una volta la sua credibilità.

“Sembra che gli animali possano essere contagiati, non sappiamo se possano contagiarci, non c’è evidenza di questo. Il fatto che gli animali possano essere contagiati non è solo un elemento negativo… Nel pieno rispetto degli animali e senza farli soffrire, il fatto che possano contrarre la malattia in forma molto lieve ci potrà dare un notevole vantaggio nella sperimentazione dei vaccini. Potremo sperimentare i vaccini su di loro e vedere se sono protetti i nostri amici a quattro zampe possono aiutarci a sconfiggere questa malattia”. Sono le affermazioni di Roberto Burioni e le rassicurazioni irrisorie sul fatto che gli animali non saranno fatti soffrire sono di fatto offensive per tutti i cittadini, gli scienziati, i medici e i ricercatori che chiedono e difendono la ricerca senza animali.

Di fronte ad una “scienza” vivisettoria che vive di postulati e che si pone in modo sprezzante nei confronti dell’etica e del rispetto della vita e della dignità di ogni vivente LEAL ricorda che grazie grazie agli animali uccisi nei laboratori i ricercatori hanno sicuramente sempre ottenuto finanziamenti e progredito nella loro carriera ma la ricerca ha subito ritardi a discapito di tanti malati che sono morti con la speranza di una guarigione o di un rimedio alla loro sofferenza.

(*)
→ Link alla puntata di Che tempo che fa Rai2

[**]
→ ll pensiero del dottor Stefano Montanari

→ Ministero della Salute. GLI ANIMALI DOMESTICI NON CI CONTAGIANO

→ ISS Istituto Superiore della Sanità


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 

Questa voce è stata pubblicata in LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivisezione e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?