Vivisezione: fare informazione per cambiare la cultura

Interessante incontro quello avvenuto lo scorso 29 giugno presso il ristorante SoleLuna di Galliate (Novara). Ad organizzarlo l’associazione culturale Carpe Diem, che si occupa di animalismo, musica, fotografia, pittura. La lotta alla vivisezione è tra i loro scopi principali, e si battono perché le persone prendano coscienza del dramma che essa costituisce per migliaia di animali. E’ importante che l’opinione pubblica comprenda che la sperimentazione animale è falsa scienza, e che solo l’approccio specie-specifico può consentire di raggiungere risultati affidabili per trovare nuovi rimedi alle peggiori malattie del nostro secolo.
Al convegno hanno partecipato in qualità di relatori il nostro Presidente, Gian Marco Prampolini, la responsabile della nostra sede di Tortona, Bianca Poluzzi, la vice Presidente Liv, Maria Teresa Pera, i delegati di No RBM, Roberto Brognano e Andrea Pedicini, il dott. Massimo Tettamanti e infine il giurista internazionale Edoardo Gandini. Il presidente dell’associazione Carpe Diem, Pasquale Fierro e il suo vice Filippo Invernizzi, si sono dichiarati molto soddisfatti dell’affluenza e del riscontro avuto dalla conferenza e hanno annunciato un prossimo incontro sul tema del randagismo, perché, come loro stessi hanno affermato l’essere umano non possiede più diritti di qualsiasi altro essere vivente, bensì dei doveri in più, il primo quello di prendersi cura degli altri esseri viventi che ci circondano

Conferenza Novara 29 giugno


 CATEGORIE  LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivisezione |
 T A G  , , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?