Un cavallo preso a calci in processione: LEAL condanna il gesto

A Quartu Sant’Elena durante la Festa di San Giovanni Battista, una delle tradizioni più vecchie dell’intera Sardegna, è prevista anche una processione molto partecipata, con carri e calessi, trainati da cavalli, riservati alle personalità e agli organizzatori.

CAVALLO PROCESSIONESe per festeggiare e commemorare si utilizzano animali la festa si trasforma in abuso e sopraffazione. E quest’anno lo sfruttamento animale si è trasformato in un grave maltrattamento quando un cavallo sfinito dal caldo torrido e dai chilometri percorsi trascinando un pesante carro carico di persone si è accasciato a terra. Il malessere non era previsto per l’andamento della cerimonia ed ecco che il cavallo è stato preso a calci senza pietà e con violenza per farlo rialzare. L’episodio, riportato anche dai quotidiani locali, è avvenuto sotto gli occhi di tutti, compresi bambini e turisti, e sicuramente rimarrà una terribile pagina di violenza per la città e per gli organizzatori.

Gian Marco Prampolini, presidente di LEAL, si appella al Sindaco di Quartu, Stefano Delunas, e all’assessore alla Cultura e alle Tradizioni Popolari, Lucia Baire, e li invita ad individuare i colpevoli del maltrattamento per denunciare il reato e fare una riflessione sul senso di quanto accaduto, sul concetto di sfruttamento di viventi, in questo caso i cavalli, per una festa che si dovrebbe svolgere senza abusi.


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


 CATEGORIE  Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
 T A G  , , , , |
5 commenti

5 risposte a Un cavallo preso a calci in processione: LEAL condanna il gesto

  1. loredanagerosa scrive:

    L’umano è senza anima che schifo!

  2. Giovanna Tarquinio scrive:

    È un episodio odioso. Il caldo torrido colpisce anche gli animali e costringerli inoltre a delle fatiche fisiche è indice di mancanza di intelletto e di sensibilità. Un atto di tale gravità deve essere duramente punito per dare una lezione di civiltà e progresso sociale.

  3. soraya scrive:

    Questa è un’altra testimonianza che persone ignoranti e poco sensibili non devono possedere animali di qualsiasi genere. Si deve insegnare ad avere rispetto di flora e fauna sin da piccoli nelle scuole! Sanzioni severe per i trasgressori.

  4. Alessandro scrive:

    Che roba, e per fortuna che è una processione.

  5. concetta lorizzo scrive:

    Brave le persone sul carro che hanno permesso che il cavallo venisse preso a calci. Brave persone che seguivono la processione. Perché non vi siete sostituite al cavallo che non ce la faceva? Certo e facile maltrattare un animale indifeso!

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?