Speciale direttiva

La Direttiva europea sulla vivisezione è stata approvata. In dieci minuti, dalle
12.05 alle 12.15 di mercoledì 8 settembre, il Parlamento di Strasburgo ha
trasformato in legge le 131 pagine di un testo tanto crudele nei confronti
degli animali quanto scienti[icamente obsoleto, incollato agli interessi della
casta vivisettoria, lontano anni luce dagli ideali di giustizia e rispetto per le
altre specie viventi.
Nelle pagine che seguono vi raccontiamo come sono andate le cose: gli an
tefatti, la campagna di protesta promossa dalla Leal, le migliaia di [irme che
ci sono arrivate, le inaspettate adesioni e le sorprendenti defezioni, la lenta
ma inarrestabile messa in marcia del movimento che si oppone a questo
stato di cose: dal 2008 alla manifestazione del 25 settembre 2010.

BannerNrSpeciale

Clicca sul banner per leggere la rivista

La VOCE DEI SENZA VOCE ha ricostruito i contenuti, i protagonisti e le tappe principali che hanno segnato la storia di un dibattito durato quasi due anni.

Nello Speciale sulla Direttiva europea trovate 36 pagine che vanno dalla prima stesura della legge datata 2008 fino alla manifestazione del 25 settembre 2010, passando per il voto dell’8 settembre, giorno in cui la Direttiva è stata approvata dal parlamento di Strasbrugo.

Nell’editoriale “Il vero coraggio è dire no” c’è il seme del nostro futuro: la cappa di silenzio e omertà che gravava su questa vergognosa pratica priva di ogni validità scientifica si è squarciata: questo va salutato con soddisfazione. D’ora in poi esplorare le possibilità offerte dell’iniziativa popolare europea (almeno 1 milione di firme a livello della UE) sarà importante. Ma altrettanto decisive, però, saranno le iniziative di tutti i giorni per fare chiarezza, raccontare, approfondire, denunciare. A questo scopo tutte le armi vanno bene: manifestazioni, convegni, appelli, workshop, incontri, articoli di giornale, letture, blog, volantinaggio.

Le pagine di questo Speciale vogliono mantenere viva la memoria e insieme prefigurare gli scenari che ci aspettano. Il loro nome è REACH (il regolamento sulla Registrazione, valutazione, autorizzazione e restrizione delle sostanze chimiche) e Settimo emendamento alla direttiva cosmetici. Accanto a questi c’è il nuovo “giocattolo” dei vivisettori: la sperimentazione sugli organismi geneticamente modificati. Il nostro compito è contrastarli dando voce a chi non ce l’ha. Un lungo lavoro da fare tutti insieme.

Chi desidera anche una copia cartacea dello Speciale, può riceverla associandosi alla Leal (le indicazioni sono a pagina 3).

Sommario

DUE ANNI DI STORIA

3

LA SPERANZA DURA CINQUE MINUTI

22

84.000 FIRME

4

INTERVISTA SHOCK CON SONIA ALFANO

23

IO C’ERO. È ANDATA COSÌ di Mojca Murko

6

GLI EMENDAMENTI VERDI

25

LA LETTERA DEL G.L.E.A

8

HANNO VOTATO SÌ AGLI EMENDAMENTI

26

LA PROTESTA DI EQUIVITA

9

GLI ITALIANI DEL SÌ E DEL NO

27

L’ANALISI di Marco Mamone Capria

10

OPINIONI  Paolo De Castro

28

BRAMBILLA E VERONESI IN CAMPO

11

RAGIONI Lav, Gianni Vattimo,
Vanna Brocca

29

LA DIRETTIVA IN SEI PUNTI

13

GLI ONOREVOLI SECONDO GEAPRESS

30

VIVISEZIONE: IL FATTO QUOTIDIANO

14

BISOGNA SCENDERE IN PIAZZA,
Francesco Pullia

31

LE ADESIONI: I VOLTI NOTI

16

LE FOTO DEL 25 SETTEMBRE

34

IL POPOLO DI FACEBOOK

18


 CATEGORIE  LEAL informa |
 T A G  , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?