SOS volatili… consigli pratici per soccorrere un animale ferito o caduto dal nido

Maria Laura Gualerni, sostenitrice di LEAL, da più di 40 anni soccorre tutte le specie di volatili in difficoltà. Ha acquisito una vastissima esperienza sul campo al punto che collabora con associazioni di tutela animali e veterinari ornitologi che le affidano volatili in terapia, da svezzare o da recuperare alla libertà dopo il soccorso.
 
sos volatili sito leal
 
Molti di noi si sono trovati con un piccione, un merlo ferito o caduto dal nido o con altre specie meno comuni. In questo caso non sappiamo come intervenire e soccorrere adeguatamente l’animale e si rischia di creare danni invece di aiutare. Invitiamo a leggere e conservare i preziosi consigli di Laura che nascono dall’esperienza e dall’amore per queste creature.

COSA FARE QUANDO SI TROVANO VOLATILI IN DIFFICOLTÀ
 
Spesso ricevo chiamate di persone che si rivolgono a me sapendo che curo e gestisco uccelli da 40 anni, collaborando con varie associazioni e con l’indispensabile aiuto di bravissimi veterinari specializzati ornitologi. Cosa fare quando si trovano uccelli che sono o sembrano in difficoltà? Principalmente bisogna assicurarsi che siano veramente in difficoltà, e non semplicemente dei giovani ancora inesperti seguiti e curati dai loro genitori. I giovani hanno ali poco sviluppate, penne corte o appena accennate che ne impediscono il volo. Anche la coda è poco sviluppata. Sul corpo possono presentare ancora del soffice piumino giallo mentre ai lati del becco si nota una evidente escrescenza giallo-bianca tipica nei piccoli. L’interno della bocca è di un bel rosso vivo. I giovani novelli non temono molto gli uomini e non potendo ancora volare si spostano saltellando qua e là. I piccoli di molte razze di uccelli lasciano presto il nido senza saper ancora volare.
 
Quando trovate un piccolo assicurativi soltanto che il posto non presenti dei pericoli per lui, senza predatori come cani e gatti, o su un marciapiede trafficato, o nel mezzo di una strada. In tutti questi casi basta spostare, o far spostare il piccolo in un posto lì vicino più sicuro. Come sopra una siepe alta o un ramo d’albero alto: i genitori lo troveranno.
 
foto uccellini consigli 3Non abbiate timore di toccarlo delicatamente con le mani, agli uccelli non interessa di sentire il vostro odore! Ma per essere proprio scrupolosi usate un fazzolettino di carta, o toccate della terra o erba prima di prenderlo. Non nutritelo né dategli acqua ci penseranno i genitori richiamati dalle sue grida. Se il piccolo è implume (cioè senza piume e penne) si tratta di un nidiaceo, che da pochi giorni o ore è uscito dall’uovo e caduto dal nido. Lasciarlo lì è rischioso perché anche se i genitori lo nutriranno non potranno tenerlo caldo né proteggerlo da predatori né da piogge e temporali, né dai raggi del sole.
 
Tutti i nidiacei vanno sempre tenuti al caldo e non esposti ai raggi del sole. Se non è possibile trovare il suo nido per rimetterlo insieme ai suoi fratelli, bisogna raccoglierlo, tenerlo caldo, e non nutrirlo, lo avranno già fatto i suoi genitori e contattate una associazione specializzata → Centro Recupero Selvatici: potranno aiutarvi e darvi dei consigli su come gestire il piccolo. Non alimentare i piccoli senza conoscere la razza e il tipo di alimentazione. Possono essere insettivori, granivori, carnivori o onnivori; volendo ci si può rivolgere ad un veterinario ornitologo che potrà visitarlo e darvi indicazioni per alimentarlo. Evitate di rivolgervi a persone “pseudo esperte” o da informazioni spesso errate e dannose che girano su Internet. Ricordate che i nidiacei non bevono acqua, ma assumono liquidi tramite il cibo fornito dai genitori. Eventualmente, e solo se non si ha nessun alimento specifico per il piccolo, si può somministrare qualche goccia di acqua zuccherata.
 
Una alimentazione corretta è importante per gli uccelli perché da questa traggono energia vitale necessaria per vivere. La malnutrizione crea gravi disturbi, come dissenteria, infezioni a diversi organi, grave dimagrimento, forti anemie, rachitismo, grave stanchezza con impossibilità di volo, facilità ad ammalarsi, poco sviluppo fisico, perdita di piume e penne, malformazione di organi interni, e molto altro ancora. Porta alla morte! Ecco perché è importante sapere, informarsi e rivolgersi a chi ha competenza ed esperienza se davvero vogliamo aiutarli.
 
Gli uccelli adulti che stanno fermi a terra e si lasciano prendere facilmente, hanno sempre problemi gravi (come anche i piccoli) e si presentano con ferite sanguinanti, sono deboli e barcollanti, con ali rotte o gambe spezzate che trascinano a terra. Vanno soccorsi! Per trasportarli servirsi di un trasportino per gatti o una scatola chiusa a cui avrete praticato dei fori per l’aria. Lasciateli tranquilli al caldo ma non esposti al sole. Per i nidiacei si può fare un nido con qualcosa di lana per tenerli caldi. Bisogna portarli da un veterinario ornitologo che provvederà a curarli e a fargli degli esami. Quindi chiamate le associazioni già citate che se ne prenderanno cura e vi indicheranno cosa fare nell’attesa del loro intervento. Tutti gli uccelli adulti hanno paura degli esseri umani, lasciateli tranquilli, mettete un contenitore per l’acqua a loro disposizione e del cibo adatto a terra. Non usate sonde (cioè dei tubicini sottili collegati a siringhe o pompette) piene di cibo giù nella trachea per alimentarli forzatamente. Può essere dannoso e creare lesioni interne che possono portare lentamente alla morte le povere creature. Una tortura inutile perché tutti gli uccelli adulti, quando hanno fame mangiano da soli e tutti i piccoli aprono il becco quando hanno fame.
 
La sonda è utilissima soltanto ed esclusivamente se l’uccello è fortemente debilitato e incapace di alimentarsi da solo: è una manovra che va praticata da veterinari specializzati e solo se è assolutamente necessario, come mi ha sempre detto il mio veterinario ornitologo di fiducia Giorgio Carubbi di Milano. Io non ho mai avuto necessità di usarle. Non tutti i piccoli però, aprono il becco per essere imboccati: colombi, tortore, piccioni, colombacci (tutti granivori) non hanno questa usanza.
 
I piccoli usano il lungo becco per succhiare dalla gola dei genitori una specie di latte che questi rigurgitano. Quindi non apriranno mai il becco per essere imboccati! Per queste razze “difficili” io mi sono creata un biberon da cui i piccoli possono nutrirsi succhiando come dal gozzo dei genitori. Tutti gli altri metodi per loro sono violenze. Ma se non si ha un biberon (non esistono in commercio) piuttosto che usare un sondino è meglio usare una siringa da insulina (senza ago!) riempirla di cibo adatto a loro, aprire delicatamente il becco e somministrare della pappa più volte al giorno. Ricordate che gli uccelli sono esseri viventi, non dei pupazzi con cui sperimentare, non sono bambolotti da trastullare senza rispettare la loro vera natura selvatica perché poi pagano i nostri errori! Una volta “salvati” non vanno imprigionati a vita. Non ci hanno chiesto nulla, non ci appartengono e non ci devono nulla. Non possiamo obbligare nessun essere vivente ad amarci! Sono creature intelligenti, coraggiose, astute, con grande dignità, che vanno rispettate perché è grande la loro utilità e bellezza. Vanno trattati con gentilezza perché tanto possono insegnarci e, chissà, forse un giorno anche perdonarci!
 
Maria Laura Gualerni
 


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITITUTI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


 CATEGORIE  Argomenti, LEAL informa |
 T A G  , , , , , , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?