Torino non spara alle nutrie: le sterilizza!

Dopo che si è continuato ad affermare quanto fosse complicata, difficile, costosa la sterilizzazione delle nutrie, dopo che abbiamo assistito a stragi cruente e uccisioni con ogni mezzo anche illecito, LEAL e tanti volontari e attivisti hanno salutato con grande soddisfazione LA STERILIZZAZIONE.

nutrie torino 2

Si è da poco conclusa la terza fase del Progetto Nutrie. I tecnici della Città Metropolitana, in collaborazione con i volontari appartenenti alle Associazioni della Consulta Animalista di Torino, di cui LEAL fa parte, sono riusciti a catturare (grazie alle gabbie trappola e quindi in maniera totalmente non cruenta) 9 nutrie che sono state sterilizzate in loco dai magnifici veterinari del Canc Centro Animali Non Convenzionali.

Simona Donna, responsabile di LEAL sezione Torino, è stata presente alla cattura e rilascio e ha collaborato all’operazione. Ci racconta: “In una gabbia trappola è stato catturato uno scoiattolino,ed è stato sterilizzato anche lui. È immediatamente diventato la mascotte del gruppo e soprannominato Highlander perché “sopravvissuto” a 3 tentativi di anestesia, vari tentativi di fuga dall’unità mobile e due morsicate alle dita del veterinario! Ovviamente è poi stato coccolato fino al risveglio, rifocillato e liberato tra gli applausi”.

Il Progetto Nutrie riprenderà il prossimo mese.

LEAL sezione Torino
Simona Donna, tel. 339 7729680 ore 16.30-20.30
lealsezionetorino@gmail.com

Questo slideshow richiede JavaScript.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Sezioni |
T A G , , , , , |
Lascia un commento

Firma anche qui la nostra proposta di modifica costituzionale

Ricordiamo che con una firma chiederemo l’integrazione all’articolo 117 della Costituzione, laddove si parla di ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali, di inserire il “benessere animale”. Se andrà a buon fine questa proposta per la prima volta nella storia della Repubblica Italiana la nostra costituzione vedrà la parola ANIMALE in un suo articolo.
LEAL_header_2018_firma

Estendere il concetto di benessere al mondo animale al nostro ordinamento avrà come conseguenza la maggiore tutela contro ogni tipo di violenza e maltrattamento. In caso di reati nei confronti degli animali, in fase di giudizio sarà possibile infliggere pene più giuste, severe e certe. La raccolta firme terminerà il 2 aprile 2019.

Inizia la raccolta anche a Napoli, organizzata dall’attivista Paolo Treglia e grazie alla disponibilità del vicepresidente dell’ottavo municipalità, il Consigliere Salvatore Passaro e del Consigliere di Municipalità, Rosario Palumbo.

A NAPOLI SI FIRMA
Ogni lunedì e venerdì fino al 31 marzo
dalle 16 alle 18 saremo presenti presso l’ufficio del Consigliere Palumbo in via Federico Celentano 13, quartiere Marianella-Chiaiano.
Mercoledì 23 gennaio dalle 18 raccogliamo le firme all’evento sul randagismo organizzato da Oipa Napoli in via San Domenico Maggiore 18.
Sabato 26 gennaio dalle 15 alle 17 raccogliamo le firme all’evento “La lettura del cane nel canile” presso il rifugio “L’emozione non ha voce” in via Comunale Margherita 198.
Domenica 27 gennaio sempre allo stesso evento dalle 9 alle 17.

A DESIO MB SI FIRMA
Sabato 19 gennaio
via Garibaldi di fronte alla Banca Popolare dalle 10 alle 18; certificatore Sara Montrasio, Consigliere comunale M5S.

 Vi aspettiamo! 

Se vuoi aiutarci a raccogliere le firme nella tua città chiedi info:
LEAL SEDE
Alessandra Schiavini
tel. 02 29401323
lealsede@leal.it

→ Vuoi cambiare il destino degli animali?

→ LEAL in Cassazione per la tutela del benessere animale

→ Pubblicata in Gazzetta Ufficiale la proposta LEAL


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Agenda, LEAL informa, Legislazione, Proteste e Incontri, Sezioni |
T A G , , , , , |
Lascia un commento

Photogallery e abstract interventi conferenza LEAL 12 gennaio: “Maltrattamento animale. Dall’etica al diritto. Quali prospettive?”

La conferenza organizzata da LEAL con la collaborazione di Simone Sollazzo, consigliere comunale M5S Milano, nella prestigiosa sede di Palazzo Reale è stata trasmessa in streaming sulla → pagina LEAL Gruppi e a breve sarà caricata sul canale YouTube di LEAL, grazie alla collaborazione di Massimo Savigni.

Ringraziamo i relatori Niccolò Bertuzzi, Annamaria Manzoni, Massimo Raviola, Marco Strano, David Zanforlini per gli interventi e Anna Barbieri, che ha moderato la conferenza, che ha visto la presenza dell’europarlamentare Eleonora Evi e della Senatrice Simona Nocerino. Grazie anche a Stefania Corradini e Simona Donna responsabili di LEAL sezioni Ferrara e Torino, e a Marco Zecca, lifecoach, per il prezioso contributo grafico.

conferenza maltrattamento PUBBLICO 2

Un ringraziamento particolare ad Alessandro Del Vecchio, musicista e produttore vegano che di batte per i diritti degli animali. Alessandro non ha potuto presenziare alla conferenza ma ci ha inviato il suo messaggio personale e ha condiviso l’evento sui social: la sua voce, le parole e le immagini del suo videoclip “Strange world” hanno colpito ed emozionato la platea.

Abstract interventi conferenza, moderata da Anna Barbieri, medico e attivista LEAL.

Gianmarco Prampolini, presidente LEAL.
L’impegno LEAL contro il maltrattamento animale e raccolta firme
Sono migliaia in Italia gli animali di ogni specie che quotidianamente vengono maltrattati, torturati e uccisi. Le cronache non sempre riportano questi reati perché vengono considerati reati minori o perché sono reati sommersi. Anche quanto i colpevoli sono individuati, denunciati e vanno a sentenza le pene sono sempre esigue rispetto alla oggettiva gravità e alla crudeltà del reato commesso nei confronti di un essere vivente e senziente. Tutto questo avviene perché se nel nostro Codice Civile ci sono leggi che tutelano gli animali questa TUTELA non è contemplata nella Costituzione. Per questo lo scorso 12 settembre LEAL ha depositato in Corte di Cassazione a Roma una proposta di revisione costituzionale di iniziativa popolare per integrare l’art. 117 che già contempla la tutela dell’ambiente, dell’ecosistema e dei beni culturali con la tutela del benessere animale. “Gli italiani ritengono che gli animali non siano oggetti e che la loro tutela non possa essere solo quella a difesa della proprietà o del sentimento umano per gli animali, ma che si debba tutelare il loro diritto a non essere uccisi crudelmente o maltrattati. Una integrazione che ci auguriamo venga accolta in modo da permettere ai giudicanti di applicare pene più severe nei casi di maltrattamento animale appellandosi al nuovo diritto che la Costituzione riconoscerebbe in capo a loro”. LEAL si dedica da statuto ai diritti degli animali e patrocina il “Rapporto sul maltrattamento animale in Italia” per l’anno 2016 e 2017 che raccoglie in più di mille pagine i reati emersi perpetrati nei confronti di ogni specie animale. A sostegno di questo importante progetto, LEAL ha lanciato sui social la campagna di sensibilizzazione “Maltrattare un animale è un reato: denuncia la violenza!”

Niccolò Bertuzzi, assegnista di ricerca e membro di Cosmos (Centre on Social Movement Studies) presso il Dipartimento di Scienze Politiche della Scuola Normale di Pisa.
Oltre il maltrattamento. Prospettive sulla violenza (di specie) presso i movimenti animalisti italiani
Il maltrattamento (non solo animale) fa parte di una categoria socio/psicologica ancora più estesa: la “violenza”, uno dei principali temi affrontati dal pensiero sociologico novecentesco e una delle variabili utilizzate per spiegare il processo di modernizzazione. L’intervento passerà brevemente in rassegna alcune di queste teorie, per poi spostarsi a valutare il rapporto con il tema della violenza intrattenuto da diversi tipi di associazioni, gruppi e singoli attivisti coinvolti nell’animal advocacy in Italia. L’analisi si basa su uno studio empirico nel quale sono stati raccolti 704 questionari e 20 interviste in profondità. Alcune aree si concentrano specificamente sull’aspetto del maltrattamento, proponendo azioni di natura riformista e volte al miglioramento delle condizioni di vita degli animali non-umani nel minor tempo possibile e pertanto tramite l’intervento istituzionale e legislativo. Altri settori di movimento, al contrario, ravvisano proprio nella struttura specista delle società contemporanee la causa del problema: pertanto, con differenti gradi di flessibilità, preferiscono escludere il dialogo e le politiche dei piccoli passi, optando per discorsi volti a un mutamento culturale e strutturale.

Annamaria Manzoni, psicologa e scrittrice.
Gli animali e il rispetto: più in là della legge
Il maltrattamento degli esseri animali può assumere forme estremamente diversificate: se può essere immediato riconoscere quelle che si manifestano con atti di violenza contro gli animali cosiddetti di affezione, molto più complicato stigmatizzare quelle che sono il brodo di coltura di situazioni legalizzate. Riconoscere la violenza ovunque abbia luogo, evitando di misconoscerla anche attraverso un linguaggio che tende a darle una connotazione accettabile, è invece operazione fondamentale per il suo superamento; come è fondamentale la presa d’atto che esiste un legame non sempre immediatamente percepibile tra tutte le manifestazioni di crudeltà, quali che siano le forme in cui di volta in volta si esprimono.

Massimo Raviola, medico veterinario.
Il mito della razza, cani gatti e maltrattamento genetico – Che razza di Bastardo
Ti sei mai chiesto da dove arrivano le razze dei cani e dei gatti? Quali sono i meccanismi che regolano la selezione razziale degli animali venduti? Che senso ha commercializzare degli esseri viventi? Cosa sta dietro questo mercato? Siamo davvero coscienti e informati su cosa stiamo facendo ai nostri animali? Cosa fa un veterinario? Da un veterinario ti aspetti che scriva di animali, invece Massimo Raviola scrive, forse, più di noi esseri umani, e quello che scrive non è facile da digerire. Si interroga tutti i giorni sul senso del proprio lavoro, che è la tutela di un essere vivente e la tutela della relazione profonda che il cane e il gatto hanno con noi esseri umani, e da appassionato di animali e della vita, si addentra sotto la superficie del sistema. Accompagnandoci tra sorprese, scandali e dubbi, mostrando come gli animali di razza, proprio a causa dei metodi di selezione, siano molto, troppo spesso affetti da malattie genetiche di vario tipo, cardiache, articolari, oculari, del metabolismo ed altre ancora. Addirittura con alcune specifiche razze si arriva all’assurdo di selezionare specificatamente animali malati o malformati perché la malformazione è proprio la caratteristica estetica voluta, alimentando inoltre un enorme mercato degli affetti, che con l’amore per gli animali ben poco ha a che fare. A questo che è a tutti gli effetti un “maltrattamento genetico” si aggiungano poi i metodi di accoppiamento e di allevamento, la “distribuzione” ed il mercato illegale, la soppressione delle fattrici esauste e dei cuccioli poco tipici o imperfetti, la vendita come fossero merci. È ora di chiedersi qual è il costo che gli animali pagano per soddisfare il nostro piacere di volerli “di razza”.

Marco Strano, criminologo e profiler, presidente del CSLSG Centro studi per la legalità, la sicurezza e la giustizia.
Sviluppo del contrasto investigativo al maltrattamento degli animali
Studi criminologici avanzati ci suggeriscono che i crimini nei confronti degli animali sono un fenomeno delittuoso grave, sia per quanto riguarda la pericolosità sociale degli autori che per quanto riguarda il giro economico che ruota intorno ad alcune forme di maltrattamento. Sovente anche la criminalità organizzata è cointeressata al maltrattamento animale in special modo attraverso un giro di scommesse sui combattimenti clandestini di cani e sulle corse illegali di cavalli. La necessità di rendere più efficace il contrasto a questa tipologia di illeciti appare quindi evidente e tale efficacia è strettamente correlata a modifiche normative (prima tra tutti la possibilità di arresto facoltativo nei casi di maltrattamento), a una maggiore consapevolezza e formazione professionale degli organi di polizia giudiziaria e della magistratura e all’impiego di strumenti investigativi moderni ed efficaci, in special modo centrati su una raccolta, conservazione e consultazione mirata di dati provenienti da tutto il territorio nazionale. Il carattere transnazionale di alcuni traffici illeciti che coinvolgono gli animali, infine, induce ad auspicare dei protocolli di collaborazione internazionale tra le forze di polizia, così come già avviene per altre tipologie di reati.

David Zanforlini, avvocato del Foro di Ferrara e consulente legale LEAL.
Art. 117 lett s: la necessità di modificare la Costituzione per cominciare a difendere gli animali
In questo momento storico è indubbio che esista una sempre maggiore attenzione al “benessere animale”, non solo per quelli da affezione, ma per tutti gli animali in generale, siano essi in cattività, così come liberi in natura. Questa esigenza deve tradursi in una regolamentazione normativa capace di rappresentare il pensiero degli Italiani in questo campo, che di fatto si pone, per il diritto, come una via del tutto nuova. Infatti quello che è stato fatto sino ad ora, peraltro sino dalla promulgazione del Codice Penale nel 1930, è stato di tutelare il solo “sentimento umano per gli animali, perché nella Costituzione italiana gli animali non sono citati e tanto meno è indicato un diritto a una loro precisa collocazione nel nostro ordinamento, al punto da relegarli a semplici oggetti. Ora i tempi sono maturi perché anche la nostra Costituzione consideri gli Animali parte del nostro vivere quotidiano e così come è stato previsto dalla Costituzione di tutelare l’Ambiente, così dovranno essere tutelati gli Animali, perché, come l’Ambiente, anche loro non possono difendersi da soli.

Questo slideshow richiede JavaScript.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 

 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI!


CATEGORIE Agenda, Argomenti, LEAL informa, Legislazione |
T A G , , , , , , , , , , , , |
Lascia un commento

Da LEAL sezione Palermo emergenza volontari e adozioni

CAMPAGNA DI SENSIBILIZZAZIONE PER I GATTI DISABILI ACCUDITI DA GIUSI TERRAZZINO.
Diversamente Micio Palermo – LEAL sezione Palermo

Abbiamo bisogno di validi e seri volontari che si occupano di GATTI DISABILI con vescica neurologica, che possano aiutare i mici palermitani, spesso forastici. Questi gatti rischiano l’eutanasia perché i volontari di Palermo che si occupano di disabili sono oltre il limite lecito consentito per il benessere dei mici stessi. Giusi e i volontari stanno cercando di sensibilizzare le persone e incoraggiarle ad adottare e amare un micio disabile: “Il loro cuore batte ma spesso la mano umana è costretta a fermarlo per sempre”.

 CI AIUTATE A SALVARE UNA VITA? 

→ Evento pagina fb

LEAL Sezione Palermo e provincia
Giusi Terrazzino

lealpalermo@libero.it

campagna di sensibilizzazione LEAL palermo


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Sezioni |
T A G , , , |
Lascia un commento

LEAL partecipa al sit-in contro ogni forma di sopruso e discriminazione

MODENA
DOMENICA 20 GENNAIO
CORSO DUOMO
DALLE ORE 11.30 ALLE ORE 14.00
Quanto è stretto il legame tra specismo e razzismo? Siete tutti invitati a partecipare a un sit-in contro ogni forma di sopruso e discriminazione.

SIT IN MODENA

Saranno forniti cartelli; potrete intervenire come relatori, vi chiediamo solo di partecipare tenendo in mano un libro: il 25 dicembre scorso, durante la celebrazione della messa di Natale, davanti al Duomo di Modena un venditore di libri ambulante di origine africana si appoggia infreddolito a un pilastro di delimitazione del sagrato. Lo staff della chiesa interviene per allontanarlo.

Alcuni attivisti per la liberazione animale impegnati per un evento in piazza assistono alla scena e intervengono per difendere il venditore ambulante tra l’indifferenza dei passanti. La Chiesa, che dovrebbe accogliere sempre, allontana proprio il giorno di Natale: gli ultimi sono soggetti scomodi quando non sono funzionali a trasmettere spot per raccogliere l’8×1000.

La deriva specista, xenofoba, sessista della civiltà occidentale deve spingerci a una riflessione trasversale: rompiamo le gabbie culturali che ci stanno imprigionando! Quanto è stretto il legame tra specismo e razzismo? Angela Davis, attivista e vegana, una delle figure politiche più importanti dello scorso secolo, è la testimonianza vivente che questo legame è strettissimo. Angela Davis è diventata celebre negli anni Sessanta come attivista dei diritti civili degli afroamericani e delle donne: Angela dimostra quanto spesso autori e filosofi che hanno dedicato la loro vita alla lotta contro il razzismo si siano mostrati sensibili anche alla questione animale, intimamente collegata alla discriminazione ai danni delle minoranze umane.

Peter Singer ha emblematicamente espresso questo concetto negli anni Settanta riconoscendo nel sessismo, nel razzismo e nello specismo la stessa identica radice di violazione del principio fondamentale di uguaglianza: “Il razzista viola il principio di eguaglianza attribuendo maggior peso agli interessi dei membri della sua razza qualora si verifichi un conflitto tra gli interessi di questi ultimi e quelli dei membri di un’altra razza. Il sessista viola il principio di eguaglianza favorendo gli interessi del proprio sesso. Analogamente, lo specista permette che gli interessi della sua specie prevalgano su interessi superiori dei membri di altre specie. Lo schema è lo stesso in ciascun caso”.

Richard Ryder, psicologo britannico e pioniere della lotta per la liberazione animale soprattutto nell’ambito della sperimentazione scientifica, fu un teorizzatore di questo concetto postulando che le basi su cui si fondano specismo e razzismo possano essere smontate attraverso argomentazioni affini e coniando il termine “painismo” (1990) in base a cui qualunque essere vivente che è in grado di provare dolore ha rilevanza morale: “Come l’antirazzismo rifiuta la discriminazione arbitraria basata sulla presunzione dell’esistenza di razze umane e l’antisessismo respinge la discriminazione basata sul sesso, così l’antispecismo respinge la discriminazione basata sulla specie (definita specismo) e sostiene che l’appartenenza biologica alla specie umana non giustifica moralmente o eticamente il diritto di disporre della vita, della libertà e del corpo di un essere senziente di un’altra specie” (Proposte per un manifesto antispecista).

→ Evento pagina fb.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Sezioni |
T A G , , , , , , , |
Lascia un commento

Nitsch in mostra a Mantova? Anche LEAL tra gli oppositori

LEAL è tra le 27 associazioni che si battono per i diritti degli animali e si schiera contro la mostra di Hermann Nitsch prevista per la prossima primavera a Mantova. Le associazioni firmatarie chiedono con forza che l’evento venga cancellato dal calendario. L'”artista” austriaco è famoso e avversato dagli attivisti è noto per le sue performance con corpi di animali mutilati e crocifissi mentre le loro viscere e sangue sono utilizzati per dipingere le tele.

LEAL NITSCH

Sottolinea Giovanna Tarquinio responsabile LEAL sezione Cremona: “Secondo la Dichiarazione dell’Unesco del 1978, nessun animale deve essere usato per il divertimento dell’uomo. Le esibizioni di animali e gli spettacoli che utilizzano gli animali sono incompatibili con la dignità dell’animale (art. 10 della Dichiarazione). Sangue alle pareti, carcasse squartate non sono arte perché comportano una forma di sadico maltrattamento e un inaccettabile vilipendio di cadaveri animali”.

Le associazioni firmatarie della lettera aperta, assieme ai cittadini di buon sento che amano la città di Mantova o che semplicemente riconoscono il diritto alla vita e alla dignità degli animali, tutti chiedono di impedire che Mantova e il Palazzo Ducale così come qualsiasi altro spazio mantovano possano accogliere il presunto artista Hermann Nitsch e le sue altrettanto presunte opere d’arte. Questo evento programmato per la primavera 2019 al Palazzo Ducale era già stato ostacolato negli anni scorsi in altre città non solo da chi ama gli animali ma anche da chi ama l’arte, quella vera, che usa colori o smalti e non animali o il loro sangue. Ci sembra assurdo e totalmente inaccettabile che vengano pubblicizzate e sostenute iniziative che si basano sulla sofferenza altrui e vogliamo sperare che l’autorità cittadina preposta vieti questa infamia.

Chiediamo alla Soprintendenza dei Beni Culturali di annullare o non autorizzare la mostra e chiediamo altresì una posizione seria ed irrevocabilmente contraria da parte del Sindaco, dei destinatari della lettera aperta e della città di Mantova.

° L’UNIONE FA LA FORZA – Referente Cristina Spagna 392 1502181
° ADOZIONI DEL CUORE – Referente Valentina Margonari 339 5088227

Ulteriori firmatarie:
° LEAL sezione Cremona
° OIPA MANTOVA
° 4 ZAMPE NEL CUORE ITALIA
° GATTORANDAGIO ONLUS
° EQUINOZIO ONLUS
° COMITATO UNITIPERLORO
° MANTOVA4ANIMALS
° F.I.A.F. Federazione Italiana Associazioni Feline
° ZAMPE D’ORO Onlus
° INTERNATIONAL ANIMAL PROTECTION LEAGUE CHARITABLE FOUNDATION
° I.A.P.L. ITALIA onlus
° LAV Sez. Mantova
° LAV Lega AntiVivisezione
° E.R.A. Ethological Relationship with Animals
° M.A.R.E. Movimento Antitraffico Randagi in Europa
° A.V.A. Associazione Vegana Animalista
° L.A.C. LEGA ANTI-CACCIA
° MOVIMENTO ANTISPECISTA
° ASSOCIAZIONE CINOFILA MANTOVANA Onlus – Rifugio del Cane Abbandonato
° CIRCOLO AMBIENTALE CAMPANIA Ass. Riconosciuta dal Min. San. e Farmaco Vet.
° ASSOCIAZIONE PROGETTO CUORI LIBERI Onlus
° LEGIO URSA
° ANIMA METICCIA ONLUS
° CORAZON DE GALGO RESCUE ITALIA
° FRECCIA 45 No Profit

LEAL sezione Cremona
Giovanna Tarquinio, tel. 339 3840199
giovanna.tarquinio@libero.it


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri, Sezioni |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

Aiuti per gli animali in difficoltà in partenza da LEAL sezione Cremona: anche i bambini della scuola materna hanno collaborato alla raccolta

Sono pronti per la spedizione i quattro scatoloni di 25/30 kg di cibo per cani, gatti, coperte e medicinali, destinati al Sud a persone che seguiamo o in risposta ad appelli, grazie alle generose donazioni raccolte fra dicembre e i primi di gennaio. Giovanna Tarquinio, responsabile di LEAL Cremona, ringrazia pubblicamente i sostenitori per le donazioni di coperte, cibo per cani e gatti, trasportini, una cuccia per cane.

FOTO-SPEDIZIONE-AIUTI-LEAL-CREMONA

Agli appelli di aiuto per i casi che Giovanna segue personalmente si è unita Patrizia, una meravigliosa dipendente della Scuola d’Infanzia di Bonemerse, un piccolo paese in provincia di Cremona. Patrizia ha coinvolto gli alunni di ogni classe per portare a scuola quello che potevano per gli animali bisognosi: un grande esempio di sensibilizzazione per i bambini fin dalle scuole primarie.

LEAL sezione Cremona
Giovanna Tarquinio, tel. 339 3840199
giovanna.tarquinio@libero.it


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Donazioni, LEAL informa, Sezioni |
T A G , , , |
Lascia un commento

I cinque articoli più letti di dicembre 2018

Telethon_151221_foto_maratona_chiusura_assegno_scritta


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, Donazioni, LEAL informa, Legislazione, Proteste e Incontri, Sezioni, Vivisezione |
T A G , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |
Lascia un commento

LEAL sezione Torino consegna la calza della Befana agli animali di un rifugio

Le volontarie LEAL con Simona Donna, responsabile della sezione di Torino, hanno consegnato per l’Epifania la simbolica “calza della Befana” al rifugio “Maison di Naja e Hamar” nel canavese.

Un rifugio gestito da Marina e Roberta che hanno salvato a loro spese tanti animali da situazioni di maltrattamento, strada, perreras spagnole, cacciatori e mattatoio. Tra gli ospiti 6 cani, 17 gatti, 3 cavalli anziani, 1 asino, 12 maiali (dei quali uno è stato chiamato Simo in onore della nostra Simona!) e una capretta, quest’ultima salvata in extremis dal rito halal.

Marina e Roberta si occupano di tutti gli animali con cura e amore incondizionato, ma le spese sono tante e il regalo LEAL è stato gradito e apprezzato tantissimo.

Chi volesse donare cibo per gli animali del rifugio può contattare Simona per avere informazioni e prendere accordi. Grazie a chi non si dimentica mai di chi ha bisogno.

LEAL sezione Torino
Simona Donna, tel. 339 7729680 ore 16.30-20.30
lealsezionetorino@gmail.com

Questo slideshow richiede JavaScript.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 

 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI!


CATEGORIE Donazioni, LEAL informa, Sezioni |
T A G , , , , |
Lascia un commento

LEAL invita alla conferenza “MALTRATTAMENTO ANIMALE: DALL’ETICA AL DIRITTO. QUALI PROSPETTIVE?”

Conferenza organizzata da LEAL Lega Antivivisezionista e Movimento 5 Stelle Milano
a cura di Silvia Premoli e Simone Sollazzo

12 gennaio 2019
Palazzo Reale
Piazza Duomo, 14 – Milano
ore 16.00 – 18.00
Sala conferenze 3 piano
Ingresso libero

PROGRAMMA

Saluti
Simone Sollazzo
, Consigliere comunale M5S
Silvia Premoli, giornalista, ufficio stampa e comunicazione LEAL

Proiezione video trailer documentario “DOMINION”

Interventi
Anna Barbieri
, moderatore, medico e attivista LEAL

Niccolò Bertuzzi, assegnista di ricerca e membro di Cosmos (Centre on Social Movement Studies) presso il Dipartimento di Scienze Politiche della Scuola Normale di Pisa
Oltre il maltrattamento. Prospettive sulla violenza (di specie) presso i movimenti animalisti italiani

Annamaria Manzoni, psicologa e scrittrice
Gli animali e il rispetto: più in là della legge

Gian Marco Prampolini, presidente LEAL
L’impegno LEAL contro il maltrattamento animale e raccolta firme

Massimo Raviola, medico veterinario
Il mito della razza, cani gatti e maltrattamento genetico – Che razza di Bastardo

Marco Strano, criminologo e profiler, presidente del CSLSG Centro studi per la legalità, la sicurezza e la giustizia
Sviluppo del contrasto investigativo al maltrattamento degli animali

David Zanforlini, avvocato del Foro di Ferrara e consulente legale LEAL
Art. 117 lett s: la necessità di modificare la Costituzione per cominciare a difendere gli animali

LEAL Lega Antivivisezionista → www.leal.it
Movimento 5 Stelle Milano → www.5stellemilano.it

(clicca sull’immagine seguente per ingrandire)


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Agenda, Argomenti, LEAL informa, Legislazione |
T A G , , , , , , , , , , , , |
Lascia un commento