VIVISETTORI IN FUGA: IL RICERCATORE LUCIANO FADIGA ED IL SUO SOSTITUTO LUCA FERRARO SI NEGANO AD UN CONFRONTO E AL PUBBLICO DIBATTITO

Fadiga con la sua equipe conduce ricerche sui neuroni specchio presso i laboratori dell’Ateneo di Ferrara utilizzando macachi ed altri animali. Sono stati invitati ad un convegno per il 13 marzo (poi sospeso per le attuali restrizioni in vigore) al quale LEAL sarebbe stata presente al tavolo dei relatori e nonostante non ci fossero al momento dell’invito le attuali restrizione per l’emergenza sanitaria hanno rifiutato un civile e pubblico confronto.

Ricordiamo che LEAL sta attenzionando da anni i macachi e gli animali detenuti negli stabulari di Unife anche con azioni di protesta e blitz.

Vedi articoli:

LEAL e Senatore Lello Ciampolillo M5S blitz a Unife

Unife: il Rettorato non ha ancora confermato l’incontro con LEAL e con il Senatore Lello Ciampolillo

Blitz di LEAL e Senatore Ciampolillo M5S agli stabulari Rettorato Unife sortisce effetto: si apre il dialogo

LEAL deposita in Procura estensione alla denuncia per maltrattamento di animali fatta nei confronti di Unife dal Senatore Lello Ciampolillo M5S

COMUNICATO DI ANNA FERRARESI CONSIGLIERE COMUNALE DI FERRARA

Dopo mesi di ostacoli, rifiuti, impossibilità di affrontare un tema così importante come la sperimentazione sui macachi rinchiusi da anni nello stabulario di Ferrara, finalmente ero riuscita a raccogliere il numero minimo di firme dei consiglieri di opposizione, al fine di richiedere la IV commissione.

È stato invitato il prof. Fadiga, Professore Ordinario per la sua conduzione di esperimenti sui primati non umani nell’ambito della Sezione di Fisiologia umana del Dipartimento di Scienze Biomediche e Chirugico Specialistiche dell’Università di Ferrara .

Tra i relatori il Dott. Maurilio Calleri, Presidente Limav (Lega Internazionale dei Medici per l’Abolizione della Vivisezione), Gian Marco Prampolini, Presidente LEAL, Yuri Bautta, responsabile rapporti istituzionali LAV e mediatore per la liberazione dei macachi dell’Università di Modena.

La commissione fissata per venerdì 13 marzo, per ovvie ragioni legate all’emergenza coronavirus è stata RINVIATA, in quanto i nostri ospiti provengono da zone rosse (Modena, Milano, Sanremo).

Ci tengo a precisare che il Prof. Fadiga HA RIFIUTATO di partecipare, come il suo sostituto dott. Luca Ferraro. Non esiste NESSUNA VOLONTÀ di accettare un contraddittorio con professionisti quali il dott. Calleri.

Sebbene questa volta vi sia stata la disponibilità dell’assessore Balboni, ad essere presente in commissione.

Ci si chiede quale risultato mai si potrà avere, se i baroni della scienza sono barricati nelle loro stanze di laboratorio a tenuta stagna?

Quale paura sussiste nel confronto? O ci si crede che gli esseri umani sono superiori per status e valore agli altri animali, e pertanto devono godere di maggiori diritti?

Ho scritto al Magnifico Rettore Giorgio Zauli, sperando che interceda e possa aiutarmi a convincere gli scienziati al dibattito (ancora senza risposta).

Esistono ricerche all’avanguardia Human Based oramai consolidate.

Continuare all’ostruzionismo, a chiudere le porte dei laboratori a chi vorrebbe quantomeno sapere le condizioni degli animali non è motivo di vanto, nè porta prestigio ad Unife.

Attendo fiduciosa un segno di apertura verso una ricerca scientificamente valida e rigorosa ed eticamente sostenibile.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivisezione |
T A G , , , , , , , , |
Lascia un commento

Il risveglio dell’orso

L’orso M49 è uscito dal letargo e con lui si sono risvegliati istantaneamente gli allarmi sulla sua pericolosità. L’orso ha razziato un’arnia e forse tentato di predare un animale abbandonato: normalissimo comportamento di ogni orso che all’uscita dal letargo ha necessità di ricostituire l’equilibrio energetico compromesso dal lungo digiuno.

La presidenza della Provincia Autonoma di Trento ha prontamente fatto sapere che l’ordinanza di rimozione, incautamente emessa la scorsa estate, è sempre valida. Questo significa che a breve riprenderà la caccia all’unico orso presente nel Trentino orientale. M49 è stato trasportato dalla forestale trentina in un’area dove non c’erano orsi con una operazione di cattura magistralmente inutile. Com’è noto il giovane orso dopo la fuga dalla prigione dove volevano rinchiuderlo a vita, è sfuggito, entrando e uscendo a suo piacere dalle trappole a tubo piazzate per lui, ad altri tentativi di cattura.

È possibile che ci saranno predazioni e danni, ma non è detto: M49 ha dimostrato di essere schivo ed elusivo e fugge alla vista dell’uomo. La responsabilità, in ogni caso, sarà dell’amministrazione provinciale che ci ha tenuto a dimostrare la cattiva gestione di questo splendido animale.

M49 non ha colpe: conduce una vita da orso e non è responsabile della malvagità dell’essere umano che attende predazioni e danni senza adottare le necessarie misure di prevenzione per poi perseguitarlo a scopo propagandistico.

Il 6 marzo avrà inizio il processo contro Ugo Rossi, l’ex presidente della PAT che fece uccidere la mamma orsa KJ2. Le scriventi associazioni colgono l’occasione per sconsigliare anche l’attuale presidente PAT dall’adottare azioni ostili a M49 e gli altri orsi presenti in Trentino.

Nulla lasceremo di intentato per ottenere giustizia e corretta gestione della popolazione di orsi trentina che non è responsabile della cattiva amministrazione e delle idee ostili alla biodiversità.

GAIA Animali e Ambiente
LAC Trentino Alto Adige/Südtirol
LEAL Lega AntiVIVIsezionista
LIMAV Italia OdV
OIPA – Organizzazione Internazionale Protezione Animali
Salviamo gli Orsi della Luna
Coordinamento Grandi Predatori e Fauna Selvatica


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , |
Lascia un commento

ASSOLTI! UNA SENTENZA STORICA: LA CORTE D’APPELLO DI BRESCIA CANCELLA LA CONDANNA AI 12 ATTIVISTI CHE LIBERARONO I CANI DI GREEN HILL!

Oggi 4 marzo una sentenza importantissima che costituisce un precedente giuridico di grande rilevanza: la Corte d’Appello di Brescia ha assolto i 12 attivisti che il 28 aprile 2012 che hanno liberato i cani all’interno dell’allevamento di Green Hill (Montichiari, Brescia) successivamente chiuso definitivamente per uccisione e maltrattamento degli animali con condanna di dirigenti e veterinari. L’allevamento di Green Hill ha visto migliaia di attivisti di ogni parte d’Italia protestare, attivarsi e alla fine entrare in questo luogo infernale destinato alla “produzione” di cani di razza Beagle destinati ai laboratori di vivisezione.
La cancellazione della condanna e l’assoluzione ha riconosciuto l’intento degli attivisti di liberare degli animali in quanto esseri viventi senzienti per salvarli dallo uno stato di sofferenza e destinati alla morte. Gli animali non sono oggetti e anche noi di LEAL ci battiamo affinché finalmente lo riconosca nero su bianco anche il nostro Codice Civile.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivisezione |
T A G , , , |
Lascia un commento

I cinque articoli più letti di febbraio 2020

→ ISCRIVITI SUBITO!



LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, Donazioni, LEAL informa, Legislazione, Letture, Proteste e Incontri, Sezioni, Vivere eticamente, Vivisezione |
T A G , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |
Lascia un commento

CORONAVIRUS: NON ESISTONO PROVE CHE GLI ANIMALI DA COMPAGNIA DIFFONDANO IL VIRUS!

1 marzo 2020 – Primo piano

A cura di Umberto Agrimi, direttore del Dipartimento sicurezza alimentare, nutrizione e sanità pubblica veterinaria dell’Istituto Superiore di Sanità.

Il 28 febbraio 2020 le autorità di Hong Kong (Hong Kong Agriculture, Fisheries and Conservation Department – AFCD) hanno segnalato che sulla mucosa orale e nasale di un cane appartenente ad una donna colpita dal SARS-CoV-2, sono state trovate tracce dello stesso virus.

Il cane non presenta sintomi di malattia e, come comunicato dall’OMS, si sta lavorando per capire se la debole positività al test diagnostico riscontrata nel cane fosse dovuta ad una reale infezione ovvero ad una contaminazione occasionale.

Non si può escludere che all’origine della positività del cane vi sia la malattia della proprietaria. Infatti, a scopo puramente precauzionale, il Centro per il controllo delle malattie degli Stati Uniti, suggerisce alle persone contagiate da SARS-CoV-2 di limitare il contatto con gli animali, analogamente a quanto si fa con le altre persone del nucleo familiare, evitando, ad esempio baci o condivisione del cibo (www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/about/steps-when-sick.html).

Al momento non esistono prove che dimostrino che animali come cani o gatti possano essere infettati dal SARS-CoV-2, né che possano essere una fonte di infezione per l’uomo.

→ Comunicato ufficiale dell’Istituto Superiore della Sanità


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa |
T A G , , , |
Lascia un commento

LEAL: A PASQUA GLI ANIMALI NON SI COMPERANO MA SI SALVANO, ANCHE NON MANGIANDOLI!

Associazioni e rifugi hanno quotidianamente richieste da parte di persone che hanno animali da mettere al sicuro e di cui occuparsi. I rifugi sono in primis sommersi da richieste di privati che propongono loro di accogliere animali e prendersene cura è altrettanto evidente che purtroppo non è possibile accontentare tutti per motivi di spazio, risorse economiche e forza lavoro dei volontari. Gli animali salvati e ospiti dei santuari hanno la necessità di essere accuditi amorevolmente e al meglio in ogni fase della loro esistenza. In occasione dell’avvicinarsi di qualche festività o evento aumenta il comprensibile desiderio di sottrarre alla crudele e sanguinaria violenza dei menù tante vittime predestinate.
LEAL invita a non acquistare animali pagando e finanziando il mercato “della carne” che implementa il suo giro d’affari sostituendo solo l’animale con un altro che andrà comunque e tristemente incontro alla morte. LEAL chiede a tutti di rinunciare ogni giorno al consumo di carne e prodotti di origine animale e di diffondere le scelte alimentari e uno stile di vita senza crudeltà salvando in questo modo migliaia di vite.
Il → Rifugio Miletta è un luogo che ospita animali di varie specie provenienti da situazioni di disagio, sofferenza e schiavitù. Ha diffuso un video che argomenta molto bene le ragioni per cui si chiede di non pagare allevatori e macellai e sottolinea come una volta “riscattati” vadano poi affidati responsabilmente contribuendo al loro mantenimento.

LEAL È PER LA SCELTA VEGANA E UNO STILE DI VITA CRUELTY FREE.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, veganismo |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

LEAL CONTRO IL CIRCO CON ANIMALI AD AREZZO: I CIRCENSI MINACCIANO GLI ATTIVISTI

Momenti di tensione sabato 29 febbraio ad Arezzo durante la protesta davanti al Circo gli attivisti sono stati gravemente minacciati dai circensi. Bruna Monami di LEAL: “Assurda la presenza di un circo con animali nella città che si propone come capitale della cultura 2021”.

Momenti di tensione oggi ad Arezzo, durante la manifestazione organizzata davanti al circo “Rolando Lara Orfei” da LEAL Lega AntiVIVIsezionista. “I circensi – dichiara Bruna Monami, vicepresidente nazionale di LEAL – hanno gravemente minacciato i partecipanti al presidio e offeso pesantemente le attiviste che protestavano per chiedere un circo senza animali, mentre venivano distribuiti volantini ideati anche per i bambini e stavamo facendo come al solito opera di sensibilizzazione. Vale la pena di ripetere che non siamo contro i circhi ma chiediamo che nei circhi non siano “usati” gli animali. Rispettiamo i lavoratori e gli artisti del circo ma proprio perché siamo consci delle loro capacità artistiche crediamo che dovrebbero proporre uno spettacolo in grado di trasportare lo spettatore in un mondo incantato, che possa ricreare la “magia del circo”, una magia che non può esistere dove c’è lo sfruttamento di altri esseri senzienti”.

L’ultimo circo con animali ad Arezzo era attendato un anno fa. Nel frattempo in Parlamento era stato presentato un Disegno di Legge che doveva stabilire il divieto di usare animali esotici negli spettacoli, ma come molte volte accade la conclusione è stata un nulla di fatto.

Quest’anno l’attendamento del circo ha seguito di pochi giorni la notizia che la città di Arezzo si propone come Capitale della Cultura 2021 e a questo proposito Bruna Monami incalza: “Poiché la città di Arezzo si propone come Capitale della Cultura 2021 ci chiediamo quale apporto culturale possa fornire una tigre che salta in un cerchio, o un elefante che fa l’inchino al pubblico, a meno che non si intenda con cultura la mera dimostrazione della supremazia (ottenuta con metodi coercitivi) dell’essere umano su altri esseri senzienti. Che poi l’addestramento degli animali venga ottenuto con metodi coercitivi viene confermato anche dai circensi. Sono sempre di più le persone che prendono le distanze da questa realtà e raccontano cosa succede quando il pubblico non è presente”.

LEAL sezione Arezzo
Vicepresidente LEAL Lega AntiVIVIsezionista
Bruna Monami,
tel. 347 6192617
lealarezzo@gmail.com




LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Sezioni |
T A G , , , , , |
Lascia un commento

LEAL SI AFFIANCA ALLA BATTAGLIA CONTRO IL FINANZIAMENTO DELLA REGIONE PIEMONTE PER NUOVI STABULARI

LEAL sarà presente al presidio organizzato per il 9 marzo dove oltre che per i macachi del progetto LightUp si protesterà contestualmente per questo inaccettabile finanziamento!

→ Pagina fb evento

Frediani (M5S): “La Regione finanzia una struttura per allevare mammiferi destinati alla ricerca. Ignorata la legge che privilegia metodi alternativi”.

La Regione ha finanziato con 1 milione e 500 mila euro la realizzazione di una nuova infrastruttura di stabulazione, dove verranno allevati piccoli mammiferi per la ricerca pre-clinica. La conferma è arrivata direttamente dall’assessore all’Ambiente Marnati.

Eppure la stessa Regione Piemonte ha approvato, non più di un anno e mezzo fa, la proposta di legge a prima firma Francesca Frediani, divenuta Legge 9/2018 dal titolo “Norme in materia di promozione dei metodi sostitutivi alla sperimentazione animale”. Una legge con un obiettivo chiarissimo fin dal titolo.

Pur con la consapevolezza dell’impossibilità di poter adottare da subito metodi sostitutivi, prevale il rammarico pensando a quante borse di studio per giovani ricercatori si sarebbero potute finanziare, come previsto dalla norma regionale, investendo cifre ben inferiori a quelle utilizzare per il nuovo stabulario.

Questo intervento è compreso nel progetto StabuMBC2, proposto da Università di Torino e finalizzato a realizzare una nuova infrastruttura di stabulazione per ricerca pre-clinica, ed è stato ammesso a finanziamento nell’ambito del bando INFRA-P “Sostegno a progetti per la realizzazione, il rafforzamento e l’ampliamento di IR pubbliche” pubblicato il 22 agosto 2017. La graduatoria che ha disposto l’ammissione al finanziamento del progetto StabuMBC2 è stata approvata con Determinazione Dirigenziale n.41 del 9 febbraio 2018, con uno stanziamento di 1,5 milioni di euro sui 3 milioni di costo complessivo.

Il Presidente Cirio ha più volte dichiarato la propria sensibilità animalista: durante la prossima discussione del bilancio previsionale chiederemo con forza alla nuova Giunta di dare piena attuazione alla Legge 9/2018 e di dare un segnale stanziando adeguate risorse.

Francesca Frediani
Capogruppo regionale M5S Piemonte


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Legislazione, Proteste e Incontri, Vivisezione |
T A G , , , , , , , |
Lascia un commento

LEAL: MAZZALI E DONAZZAN GIÙ LE MANI DAI NOSTRI FIGLI E DAGLI ANIMALI!

LEAL Lega AntiVIVIsezionista stigmatizza le dichiarazioni di Barbara Mazzali F.d.I., consigliere della Regione Lombardia, che sottoscrive la proposta dell’Assessore all’Istruzione e al Lavoro della Regione Veneto Elena Donazzan la quale chiede che la caccia sia insegnata a scuola. La Mazzali rincara la dose e afferma: “La scuola dovrebbe essere promotrice di progresso culturale ed etico… L’arte venatoria insegnata a scuola porterebbe ad un’interdisciplinarietà delle materie, ad un collegamento tra scienze, botanica, agricoltura, chimica, geografia, cucina e perché no anche storia…” (1).

Non è difficile smontare una ad una le argomentazioni di Donazzan e Mazzali a partire dall’etica che in un contesto venatorio dove si uccidono esseri viventi per divertimento è davvero difficile da immaginare.

Nella suo ode alla caccia sfuma in poetiche: “Sveglie all’alba, l’abilità di intuire che ore sono in base alla posizione del sole e senza il bisogno costante di un telefono in mano, il profumo del bosco, il rumore degli animali, la capacità di ascolto e di ammirazione dei doni della natura, dei campi di colture di saperli riconoscere e tutelare, l’importanza della biodiversità e il rispetto dei cacciatori per questa”.

Come se tutte queste gratificanti e salutari attività non si potessero fare senza un arsenale in mano e per il semplice piacere di camminare o di fare bird watching.

Mazzali inoltre dimentica che le materie da lei elencate possono essere trasmesse ai ragazzi come già in molti casi avviene con una visione che prenda atto dei cambiamenti climatici, politici e geografici del Pianeta Terra, che le dissennate politiche scelte dell’essere umano stanno distruggendo. Ricordiamo che la caccia offende di fatto la natura depredandola e la avvelena spargendo tonnellate di piombo e altrettanta plastica sotto forma di cartucce.

“Numerose ricerche hanno dimostrato come il munizionamento da caccia rappresenti una fonte non trascurabile di inquinamento da piombo, in grado di avvelenare gli uccelli selvatici, contaminare il terreno e determinare un rischio sanitario per l’uomo” come afferma Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale nel Rapporto sulle problematiche legate al piombo nelle munizioni da caccia, Rapporto Ispra, 158/2012).

Con questa vergognosa uscita la cacciatrice Barbara Mazzali tiene alto il morale dei portatori di interesse (cacciatori e industria delle armi) che hanno sostenuto lei e la sua campagna elettorale e ora passano all’incasso.

LEAL difende l’ambiente e la biodiversità tutelando gli animali di ogni specie ed il territorio e chiede le dimissioni della Mazzali e della Donazzan per incitamento alla violenza ritenendo inconcepibile come rappresentanti delle istituzioni possano contrabbandare per cultura e per tutela ambientale il fatto di sparare alla fauna.

Per questo accoglie l’iniziativa di LAC Veneto e anche noi scriviamo al Miur per chiedere che bambini e ragazzi siano tenuti distanti dalla violenza che la caccia rappresenta. Scriviamo tutti a:
Capo dipartimento MIUR Dott.ssa Carmela PALUMBO
+ Direzione Istruzione in Veneto:
direzione-veneto@istruzione.it
DPIT.segreteria@istruzione.it
drve.ufficio1@istruzione.it
ufficio1fin.veneto@istruzione.it
direzione-lombardia@istruzione.it

(1)
→ Articolo sito cacciapassione.com
→ Articolo sito cacciaedintorni.it


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivere eticamente |
T A G , , , |
Lascia un commento

LA SOFFERENZA ANIMALE È ARRIVATA A HOLLYWOOD. GRAZIE A JOAQUIN PHOENIX CHE IN UN DISCORSO ANTISPECISTA RICORDA GLI ANIMALI PER I QUALI SI IMPEGNA

Il maltrattamento animale e la scelta vegana non fanno spettacolo e l’argomento è sempre stato ben occultato dai portatori di interesse quali allevatori, macellai, commercianti e tenuto lontano da ogni contesto perché considerato indecente. Ma ecco che il 9 febbraio 2020 a Los Angeles durante la cerimonia di assegnazione degli Oscar si è infranto un tabù e dal più mondano palcoscenico del mondo durante l’“acceptance speech” si è levato un discorso destinato soprattutto a orecchie non abituate ad argomenti scomodi e dolorosi. Milioni di persone in tutto il mondo hanno ascoltato l’imbarazzante verità del destino che l’uomo riserva agli animali. Joaquin Phoenix, che si è speso anche contro ogni discriminazione, ha sottolineato che il dono più grande che il mestiere d’attore gli ha dato è poter dar voce a chi non ce l’ha.

Una presa di posizione così forte e incisiva lascia sperare che sempre più persone aprano gli occhi sulla condizione animale e su ogni forma di abuso e scelgano di diffondere il veganesimo che è l’unico modo per rispettare e difendere gli animali e il pianeta.
LEAL ringrazia Joaquin Phoenix attore e attivista per i diritti degli animali per il suo impegno civile e sociale.

→ Joaquin Phoenix Oscar 2020


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Vivere eticamente |
T A G , , , , |
Lascia un commento