“Omicidio” di caccia: morto un ragazzo sparato da cacciatore. Non era un cinghiale. Addio Nathan

LEAL diffonde con indignazione quanto riportato dalle cronache locali e nazionali. Un giovane di soli 19 anni mentre, da come riportano i media, passeggiava con il suo cane è stato ucciso da un cacciatore che ha visto muoversi delle foglie al suo passaggio.

leal incidente caccia

Gian Marco Prampolini, presidente LEAL, e tutto il team di LEAL sono vicini alla famiglia e addolorati per la giovane vita che si è spenta. LEAL consapevole dell’interminabile elenco delle vittime, umane e animali, dell’attività venatoria è per una linea abolizionista del sistema caccia.

Non ce l’ha fatta il giovane colpito questa mattina da una fucilata nei boschi di Apricale, nella zona del rio “Merdanzo”. Si tratta del 19enne Nathan Labolani che, stando alle prime informazioni, pare stesse passeggiando all’alba in una zona piuttosto impervia tra Apricale e Pigna.
Un cacciatore, sentendo i movimenti, ha sparato colpendolo a una spalla e all’addome. Inutili i soccorsi, il giovane è morto poco dopo per via della gravissime ferite riportate.
Sul posto era stato chiamato a intervenire anche l’elisoccorso da Cuneo, oltre al Soccorso Alpino, al 118 e ai Carabinieri della locale stazione.
La notizia ha sconvolto la piccola comunità di Apricale dove il giovane e la sua famiglia sono molto conosciuti.
Sul caso ora stanno indagando i Carabinieri che dovranno chiarire la dinamica dello sparo fatale al giovane Nathan Labolani.
→ Fonte Sanremo News

LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


 CATEGORIE  Argomenti, LEAL informa |
 T A G  , , , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?