Novità per i gatti prigionieri nel cantiere dell’ex manicomio di Teramo

18 maggio 2019. Novità per i gatti prigionieri senza acqua e cibo nel cantiere dell’ex manicomio femminile di Teramo. Dopo le vivaci proteste degli attivisti e l’interesse dei media, finalmente venerdì 17 maggio alle ore 18.30 le associazioni che agiscono in tutela degli animali alla presenza di rappresentanti delle Istituzioni e giornalisti, sono entrate nella struttura dell’ex manicomio della città.

LEAL Lega Antivivisezionista ha seguito la terribile vicenda dei gatti dall’inizio e grazie all’impegno della vicepresidente Bruna Monami, coadiuvata della responsabile della sezione locale Elvira Giancaterino, è intervenuta collaborando con i volontari già attivi.

Bruna Monami spiega: “Gli elementi riscontrati all’interno della struttura indicano chiaramente la presenza di animali, anche malati. In via del Baluardo poi sono state trovate gatte in stato di gravidanza e piccoli ancora in lattazione e sono stati recuperati e soccorsi anche dei cuccioli malati già affidati alle cure veterinarie nonché un gattino già deceduto. All’interno della struttura i volontari hanno lasciato abbondante cibo e acqua per coprire il fine settimana fino al lunedì 20 maggio, giorno di riapertura del cantiere dove ci saranno quindi delle persone autorizzate dal Comune che potranno entrare per sfamare gli animali”.

Le Autorità presenti non hanno escluso sul momento una collaborazione con i volontari del luogo, cosa che LEAL dovrà verificare: come associazione deputata al benessere animale LEAL ha la prerogativa di una fattiva collaborazione con le Istituzioni a garanzia di risultati concreti.

LEAL seguirà i felini in attesa che il Sindaco individui il posto che ospiterà definitivamente i gatti. Un luogo che come richiesto dovrà essere idoneo e in sicurezza dove gli animali potranno e dovranno essere tutelati. Nel frattempo i gatti malati devono essere curati, censiti e sterilizzati e poi seguiti dai volontari. I bellissimi cuccioli recuperati saranno dati in adozione appena possibile. Ma anche per il futuro LEAL farà richiesta per poter collaborare al controllo della gestione delle colonie tramite i suoi rappresentanti.

Visto l’incontro con l’Amministrazione, il sit-in di protesta previsto per domenica 19 maggio è annullato.

Nelle foto i gattini recuperati e il cucciolo trovato morto.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


 CATEGORIE  Argomenti, LEAL informa |
 T A G  , , , , , , , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?