NO AL CIRCO

 I NOSTRI VOLANTINI E MANIFESTO: NO AL CIRCO 

→ Volantino testo NO al circo (con fotografie – istituzionale)
→ Volantino testo NO al circo (con disegni – per bambini)
→ Manifesto 70x100cm NO al circo


IL CIRCO CON GLI ANIMALI: UNA COSTANTE E ABERRANTE VIOLAZIONE DI DIRITTI

FATECI RIDERE: QUANTO COSTA AGLI ANIMALI IL SORRISO DI TUO FIGLIO?
I circensi che detengono e fanno lavorare gli animali hanno da sempre impostato lo spettacolo in un confronto/sfida/coercizione tra l’uomo e l’animale: per “divertire” gli spettatori impongono esercizi al comando del domatore. Nei pochi minuti di spettacolo in pista vengono nascosti i quotidiani, faticosi e umilianti momenti dell’addestramento e del dominio, volti a piegare l’animale alla volontà dell’uomo che li costringe ad esibirsi in quanto di più lontano dalle caratteristiche etologiche.
Il concetto di nomadismo del circo non è stato scelto dagli animali, esattamente come non è stata da loro scelta la condizione di schiavitù: le gabbie piccolissime adatte ai viaggi in camion e i cambiamenti climatici anche estremi rendono il circo incompatibile con qualsiasi principio etico e irrispettoso dei principali bisogni degli animali. Videoinvestigazioni e dichiarazioni di ex circensi pentiti, che fanno il giro del web e del mondo, mostrano animali feriti da pungoli e fruste, lacerati da catene, puniti con pugni o colpi sulla testa, affamati per piegare la loro volontà. Un orrore senza fine occultato solo per pochi istanti dalle luci della ribalta.

LEAL no-circoIL CIRCO FA MALE ANCHE AI BAMBINI
Annamaria Manzoni, psicologa e scrittrice, è promotrice di un documento, sottoscritto da oltre 600 colleghi, sulle valenze antieducative e antipedagogiche di spettacoli e contesti che usano gli animali, quali zoo, circhi, sagre ecc. Gli animali non sono al servizio dell’uomo che ne può disporre a piacimento. L’educazione deve avere alla propria base il rispetto per l’altro, tanto più doveroso quanto l’altro è più debole (→ leggi l’articolo di Annamaria Manzoni).

volantino leal no circo cateneIL CIRCO CON ANIMALI È SOVVENZIONATO DA TUTTI I CITTADINI
Il Rapporto Eurispes – Istituto di Studi Politici Economici e Sociali 2016 rileva che il 71,4% degli italiani è contrario ai circhi con animali, ma nonostante questo lo Stato italiano ancora li finanzia con i soldi dei contribuenti grazie al Fondo Unico dello Spettacolo con elargizioni milionarie. Il Ministero per i Beni e le Attività Culturali, per effetto della Legge 163/85, ogni anno stanzia attraverso il Fondo Unico per lo Spettacolo (Fus) oltre 6 milioni di euro per le attività circensi.

I NUMERI AL CIRCO
Sono circa 100 i circhi in Italia e sono 2.000 gli animali loro prigionieri, dei quali 400 equidi. I numeri comprendono molti altri animali, tra questi: leoni, tigri, elefanti, cammelli, serpenti, ippopotami, rinoceronti, cani, pinguini e persino istrici.

THE SHOW MUST GO ON
Alcuni circhi hanno fatto la scelta virtuosa di non sfruttare gli animali: i canadesi “Cirque du Soleil”, gli australiani “Flying Fruit”, i francesi “Les Colporteurs”, gli americani “Minimus”, “Nuage”, “Hiccup”.

LEAL LEGA ANVIVISEZIONISTA SI BATTE DA SEMPRE CONTRO OGNI FORMA DI SFRUTTAMENTO E ABUSO NEI CONFRONTI DEGLI ANIMALI, DIFFONDE E SOSTIENE UNO STILE DI VITA ETICO E VEGAN.

 SOSTIENI LEAL CON IL TUO 5×1000 C.F. 80145210151 


 NO AL CIRCO: ULTIMI ARTICOLI PUBBLICATI 


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!