Mozambico: biodiversità distrutta per produrre cellulosa

La grande fabbrica di cellulosa ancora non c’è, ma ci sono le piantagioni che le forniranno materia prima. Siamo in Mozambico, è uno dei tanti casi di land grabbing (accaparramento di terre) che colpiscono l’Africa e le sue popolazioni e la realtà è davvero desolante.

In Mozambico, per produrre cellulosa, taglieranno fino a 237.000 ha di foresta. La società Portucel vuole sostituire la terra con monocolture di eucalipto. Le popolazioni si sono impoverite. Le conseguenze per la natura sono drammatiche: la biodiversità si riduce, i terreni si degradano, l’equilibrio idrico viene distrutto.

FORESTE MOZAMBICO CELLULOSA LEAL AMBIENTE

Le foreste aride e le savane di miombo nell’Africa meridionale sono un mosaico naturale complesso con oltre 300 specie di alberi. Delle 633 specie di uccelli registrate, 11 sono endemiche e non esistono altrove. Diverse specie di antilopi abitano la zona oltre a elefanti, giraffe e leoni.

Il progetto Portucel in Mozambico lascia poco spazio alla natura come alla popolazione rurale. C’è uno studio che descrive come le famiglie contadine abbiano perso la terra e i mezzi di sostentamento; i posti di lavoro e le migliori condizioni di vita promesse sono solo un’illusione per la maggioranza della popolazione. La Portucel Moçambique vuole produrre 1,5 milioni di tonnellate di cellulosa per il mercato asiatico. Le piantine provengono dal vivaio aziendale, il più grande in Africa.

L’importo da investire per il progetto è di 3 miliardi di euro. Questo indica che il Mozambico sta puntando a fare grandi affari. Non sorprende che vi sia una partecipazione del 20% dell’IFC International Finance Corporation, una controllata della Banca Mondiale.

La fabbrica di cellulosa e le sue piantagioni non sono l’unico grande progetto ambientale problematico. Al contrario, il governo sta espandendo l’agricoltura industriale secondo il modello brasiliano in modo consistente con il programma ProSavana. Portucel Moçambique ha già bonificato migliaia di ettari di foresta. Tra 12 anni verranno stabilite tutte le piantagioni, c’è ancora tempo! Possiamo salvare foreste preziose.

 LEAL HA FIRMATO LA PETIZIONE FIRMA ANCHE TU! 

→ Petizione: “Mozambico: biodiversità distrutta per produrre cellulosa”


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITITUTI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


 CATEGORIE  Ambiente, LEAL informa |
 T A G  , , , , , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?