Morire A CENTINAIA per la dea Gadhimai

I nostri amici della PETA ci pregano di aiutarli a fermare questo spargimento di sangue. Ogni cinque anni, centinaia di migliaia di animali vengono radunati e fatti incamminare verso il sito del tempio della dea indù Gadhimai, dove troveranno la morte. Succederà anche quest’anno, il 23 e 24 novembre, a meno che facciamo un intervento urgente.

 

Inviamo un messaggio al Presidente e il Primo Ministro del Nepal chiedendo loro di fermare questa usanza.

 

Centinaia di migliaia di capre, polli, bufali e altri animali saranno costretti a viaggiare verso Bariyarpur, nel distretto di Bara , circa 100 miglia (160 km) a sud della capitale Kathmandu nel sud del Nepal. Gli animali saranno uccisi per offrirli alla dea indù Gadhimai, dea del potere. I partecipanti ritengono che i sacrifici di animali portino prosperità.

Il numero di animali usati per questo sacrificio è altissimo, gli agricoltori vengono esortati a vendere a questo scopo i loro capi. Dopo che i bufali sono stati sacrificati dal Sacerdote si procede con gli altri animali. Nel 2009 più di 20.000 bufali sono stati sacrificati il primo giorno. Si stima che 500.000 animali sono stati uccisi durante il festival Gadhimai del 2009.

 

Poichè gli uomini che assumono il ruolo di uccidere gli animali sono in gran parte non qualificati gli animali sono hanno morti lente e dolorose.

 

Questa frenesia uccisione contraddice il principio indù chiave di ahimsa o non violenza. E ‘crudele, violento e completamente ingiustificabile.

 

Il turismo è estremamente importante per il Nepal, quindi abbiamo bisogno di far sapere ai loro leaders politici che questo massacro è dannoso per la loro reputazione internazionale.

LINK per inviare il messaggio ai leaders politici del paese

INSERITE NOME COGNOME, VOSTRA E-MAIL, CITTA’, NUMERO DI CODICE POSTALE. PAESE.

POI CLICCATE SU “submit”.

http://action.peta.org.uk/ea-action/action?ea.client.id=5&ea.campaign.id=32679#action&ea.url.id=302714&forwarded=true

 


 CATEGORIE  LEAL informa |

Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?