L’Orso M49 non è pericoloso: abbiamo le prove!

COMUNICATO STAMPA CONGIUNTO ANIMAL AMNESTY, ANIMALISTI 2.0, AVI, COORDINAMENTO LIFE FOR URSUS, GAIA, LAC, LEAL, LIDA, LIMAV ITALIA OdV, OIPA, ORSI DELLA LUNA

Ci appelliamo ancora al Ministro dell’Ambiente Sergio Costa, che si è già espresso in favore della tutela dell’orso, affinché blocchi un’ordinanza brutale e priva di ogni fondamento, e permetta a M49 di vivere libero, nel suo habitat, come peraltro previsto dal progetto Life Ursus, che ha riportato gli orsi in Trentino oltre 20 anni fa.

25 luglio 2019

LIFE FOR URSUS

L’orso identificato con la sigla M49 è stato avvistato mercoledì mattina da una escursionista.
Il plantigrado era stato catturato il 14 luglio scorso, ma era riuscito a fuggire immediatamente dal recinto del Casteller, in Trentino, dove era stato rinchiuso. Da allora sono nate favole e leggende su un orso in grado di scavalcare una recinzione elettrificata alta 4 metri, esemplare violento pronto ad attaccare chiunque. Più probabilmente era dotato di teletrasporto.

Accusato di essere pericoloso per l’uomo e di fare razzie in pascoli e allevamenti, l’orso ha in realtà causato danni ridicoli, quantificati in circa 13.000 euro, avendo predato 6 animali da reddito, su oltre 100.000, nell’arco di 5 mesi.

L’ultima ordinanza emessa dal Presidente della Provincia Autonoma di Trento Maurizio Fugatti, datata 22 luglio, condanna a morte il plantigrado, definito ormai pericoloso per l’uomo, e autorizza i forestali a sparare per uccidere l’orso.

Due giorni fa una escursionista si è imbattuta nell’animale; la donna si è fermata e ha fatto alcuni passi indietro, comportamento responsabile di chi sa muoversi per i boschi: M49 l’ha ignorata e ha proseguito per la sua strada.

Questo semplice fatto è sufficiente a smontare le motivazioni dell’ordinanza di Fugatti, fondata su una pericolosità presunta ma non avvalorata dai fatti, che al contrario la smentiscono.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


 CATEGORIE  Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
 T A G  , , , , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?