LEAL: prosegue la campagna NO TELETHON

DICHIARAZIONI FORTI DA PARTE DI UN ONCOLOGO CHE ACCUSA LA RICERCA DI ESSERE PIÙ INTERESSATA AL DENARO CHE ALLA CURA DELLE MALATTIE E AMMETTE: “QUALCOSA NON VA NELLE GARE DI SOLIDARIETÀ”.

Già nel 2011 LEAL aveva pubblicato un dossier intitolato “VITTIME DELLA SOLIDARIETÀ”: un rapporto sugli esperimenti crudeli e scientificamente inattendibili finanziati dalle associazioni di ricerca medica che chiedono soldi al pubblico ovvero nostri soldi per le loro ricerche “scientifiche” sugli animali.

All’interno di questo dossier, tradotto e diffuso in Italia da LEAL e realizzato da Adrian Stallwood e André Ménache per conto di Animal Aid, vi sono quattro pagine che trascrivono le mancate interviste di LEAL con Telethon Italia e con Airc, e i dati più recenti sulla diffusione del cancro, delle malattie cardiocircolatorie, del Parkinson e dell’Alzheimer nel nostro Paese. “Come vengono usati i milioni raccolti dalle associazioni no profit che si appellano al pubblico?” Lo abbiamo chiesto senza ottenere risposte.

→ Leggi e scarica il dossier “Vittime della solidarietà”

Le amare ammissioni del Professore Ermanno Leo pubblicate il 10 gennaio scorso ci fanno capire che anche in campo medico e scientifico qualcuno si sta accorgendo della deriva della ricerca che per cercare di curare malattie sperimenta soprattutto su animali e ribadendo quanto LEAL Lega Antivivisezionista sostiene da sempre.

Al link seguente l’intera intervista all’oncologo Ermanno Leo, ma ne trascriviamo alcune affermazioni che da medico di grande esperienza come lui ci paiono rivoluzionarie soprattutto quando afferma: “Temo che la ricerca sia più finalizzata alla ricerca del denaro che alla ricerca della cura … continuiamo a pubblicare studi ma si pensa ai soldi… E si buttano via milioni … Qualcosa non va nelle gare di solidarietà. Una follia le 800 società scientifiche … Scoperte? E quali? Dopo anni e anni non conosciamo i meccanismi del cancro … pubblichiamo ricerche i cui risultati non si traducono in cure e illudiamo la gente … vengono finanziate ricerche anche quando si sa che non porteranno a nulla … i soldi da destinare alla ricerca sembrano pochi perché l’ingordigia nel raccattare fondi fa in modo che vengano mal usati. Avviene anche con le nostre donazioni. Dire che i soldi raccolti servono alla ricerca è un grande passpartout … il ricercatore scientifico in Italia non è libero la ricerca resta imbrigliata nella logica dei brevetti e legata a doppio filo alle multinazionali”.

→ Leggi e scarica l’intervista a Ermanno Leo

LEAL chiede che la scienza si adegui e si doti di strumenti e metodologie che aboliscano la sperimentazione sugli animali.

gatto vivisezione con elettrodi


LEAL_5x1000_animata_detBasta un clic:  FIRMA ORA LE NOSTRE PETIZIONI 
 
Il tuo 5×1000 a LEAL C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


 CATEGORIE  LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivisezione |
 T A G  , , , , , , , , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?