LEAL: MAZZALI E DONAZZAN GIÙ LE MANI DAI NOSTRI FIGLI E DAGLI ANIMALI!

LEAL Lega AntiVIVIsezionista stigmatizza le dichiarazioni di Barbara Mazzali F.d.I., consigliere della Regione Lombardia, che sottoscrive la proposta dell’Assessore all’Istruzione e al Lavoro della Regione Veneto Elena Donazzan la quale chiede che la caccia sia insegnata a scuola. La Mazzali rincara la dose e afferma: “La scuola dovrebbe essere promotrice di progresso culturale ed etico… L’arte venatoria insegnata a scuola porterebbe ad un’interdisciplinarietà delle materie, ad un collegamento tra scienze, botanica, agricoltura, chimica, geografia, cucina e perché no anche storia…” (1).

Non è difficile smontare una ad una le argomentazioni di Donazzan e Mazzali a partire dall’etica che in un contesto venatorio dove si uccidono esseri viventi per divertimento è davvero difficile da immaginare.

Nella suo ode alla caccia sfuma in poetiche: “Sveglie all’alba, l’abilità di intuire che ore sono in base alla posizione del sole e senza il bisogno costante di un telefono in mano, il profumo del bosco, il rumore degli animali, la capacità di ascolto e di ammirazione dei doni della natura, dei campi di colture di saperli riconoscere e tutelare, l’importanza della biodiversità e il rispetto dei cacciatori per questa”.

Come se tutte queste gratificanti e salutari attività non si potessero fare senza un arsenale in mano e per il semplice piacere di camminare o di fare bird watching.

Mazzali inoltre dimentica che le materie da lei elencate possono essere trasmesse ai ragazzi come già in molti casi avviene con una visione che prenda atto dei cambiamenti climatici, politici e geografici del Pianeta Terra, che le dissennate politiche scelte dell’essere umano stanno distruggendo. Ricordiamo che la caccia offende di fatto la natura depredandola e la avvelena spargendo tonnellate di piombo e altrettanta plastica sotto forma di cartucce.

“Numerose ricerche hanno dimostrato come il munizionamento da caccia rappresenti una fonte non trascurabile di inquinamento da piombo, in grado di avvelenare gli uccelli selvatici, contaminare il terreno e determinare un rischio sanitario per l’uomo” come afferma Ispra (Istituto Superiore per la Protezione e Ricerca Ambientale nel Rapporto sulle problematiche legate al piombo nelle munizioni da caccia, Rapporto Ispra, 158/2012).

Con questa vergognosa uscita la cacciatrice Barbara Mazzali tiene alto il morale dei portatori di interesse (cacciatori e industria delle armi) che hanno sostenuto lei e la sua campagna elettorale e ora passano all’incasso.

LEAL difende l’ambiente e la biodiversità tutelando gli animali di ogni specie ed il territorio e chiede le dimissioni della Mazzali e della Donazzan per incitamento alla violenza ritenendo inconcepibile come rappresentanti delle istituzioni possano contrabbandare per cultura e per tutela ambientale il fatto di sparare alla fauna.

Per questo accoglie l’iniziativa di LAC Veneto e anche noi scriviamo al Miur per chiedere che bambini e ragazzi siano tenuti distanti dalla violenza che la caccia rappresenta. Scriviamo tutti a:
Capo dipartimento MIUR Dott.ssa Carmela PALUMBO
+ Direzione Istruzione in Veneto:
direzione-veneto@istruzione.it
DPIT.segreteria@istruzione.it
drve.ufficio1@istruzione.it
ufficio1fin.veneto@istruzione.it
direzione-lombardia@istruzione.it

(1)
→ Articolo sito cacciapassione.com
→ Articolo sito cacciaedintorni.it


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


 CATEGORIE  LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivere eticamente |
 T A G  , , , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?