LEAL a Torino al corteo NO ZOO: superati i mille partecipanti

Tanti cittadini provenienti da diverse regioni italiane hanno detto NO AGLI ZOO – NO ALLA SVENDITA DEL PATRIMONIO PUBBLICO un lotta sentita e partecipata che riguarda tutti, senza limiti geografici.

prampo e stella strizione torino zoostriscione grande leal noo zoo importantecorteo no zoo torino 06corteo no zoo torino 11Superate di molto le mille presenze attese per il corteo NO ZOO di ieri sabato 27 maggio a Torino. Il corteo ha visto tra gli organizzatori con SOS Gaia anche LEAL Lega Antivivisezionista presente alla manifestazione con il presidente Gian Marco Prampolini, la responsabile della sezione di Torino, Monica Fontana, che ha fatto parte del comitato organizzatore dell’evento, e tutti i volontari LEAL Milano oltre che il professore Bruno Fedi, consulente scientifico LEAL (nella foto, a destra con Gian Marco Prampolini).

Al termine del corteo ci sono stati interessanti interventi da parte dei portavoce e dei responsabili delle numerose associazioni e movimenti presenti.

Gian Marco Prampolini ha ribadito l’impegno di LEAL di chiudere gli zoo come è stato fatto per Cavriglia e aprire le gabbie degli stabulari dove gli animali sono detenuti per essere vivisezionati.

Nessuno dimenticherà la causa NO ZOO fino ad accantonamento di questo anacronistico progetto.



LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


 CATEGORIE  Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
 T A G  , , , , , , , |
1 commento

Una risposta a LEAL a Torino al corteo NO ZOO: superati i mille partecipanti

  1. Bravi e peccato che non c’ero ieri.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?