La buona politica porta i suoi frutti: fondi in Piemonte per una ricerca scientifica innovativa senza animali e con metodi finalmente più attendibili

OGGI 3 LUGLIO 2018 APPROVATA LA LEGGE PER PROMUOVERE METODI SOSTITUTIVI ALLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE. ORA INVESTIRE NELLA FORMAZIONE DEI RICERCATORI.

ARTICOLO FONDI SOVVENZIONE 5 STELLE PIEMONTE PER SITO LEAL

La legge sulla sperimentazione animale, portata in Consiglio regionale dal Movimento 5 Stelle a prima firma Francesca Frediani, è stata approvata oggi. Un risultato importante per la diffusione di una nuova mentalità per sistemi di ricerca moderni, efficaci e rispettosi della vita di tutti gli esseri viventi.

Il Piemonte si allinea quindi all’Europa in coerenza con il principio delle tre “R” che prevede la riduzione del numero degli animali utilizzati, la limitazione delle sofferenze e la sostituzione dei modelli in-vivo con le tecniche alternative.

Finalmente saranno stanziati fondi per approfondire le tecniche sostitutive e in particolare per formare nuovi ricercatori verso gli studi scientifici più innovativi che non prevedono lo sfruttamento degli animali.

Il Piemonte, grazie al Movimento 5 Stelle, decide quindi di puntare sull’innovazione scientifica nel campo della sperimentazione scientifica per superare i limiti della sperimentazione animale già evidenziati da numerosi studi.

La tradizione è comoda, l’innovazione costa. Ma porta maggiori benefici. Lo comprenderà anche chi guarda con scetticismo questa rivoluzione e non ha ancora scelto di investire risorse in questa prospettiva.

Francesca Frediani, Capogruppo M5S Piemonte

→ Piemonte5Stelle


LEAL, che dal 1981 finanzia la ricerca senza animali, plaude alla conquista del Gruppo Consigliare della Regione Piemonte e all’impegno alla causa antivivisezionista di Frencesca Frediani, che appoggiata dai colleghi ha ottenuto quello che dovrebbe essere scontato: una legge che prevede lo stanziamento di fondi pubblici per una ricerca con metodi sostitutivi e la formazione di metodi di ricerca innovativi.

“La ricerca – sottolinea Gian Marco Prampolini, presidente LEAL Lega Antivivisezionista -, si avvale del modello animale in tutti gli ambiti della sperimentazione che vanno dall’ambito medico a quello cosmetico, da quello alimentare a quello bellico. Non vediamo un impegno se non a parole sostituire i modelli animali con i metodi sostitutivi già esistenti. La sperimentazione animale è un metodo mai validato e tuttavia ritenuto dalla quasi totalità dei ricercatori l’unico attendibile. La ricerca a dispetto del nobile significato della parola rimane ancorata all’uso primitivo di animali nei laboratori, metodo che ha sempre consentito ai ricercatori di ottenere finanziamenti milionari. Non la pensano così i cittadini, secondo i dati Eurispes è l’81,6% del campione rappresentativo di cittadini italiani a schierarsi contro la vivisezione, contro il 16% dei favorevoli. Se la buona politica – conclude Gian Marco Prampolini – ci affiancherà nella nostra lotta otterremo importanti vittorie”.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITITUTI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


 CATEGORIE  Argomenti, LEAL informa, Vivisezione |
 T A G  , , , , , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?