Cruelty behind Beauty: quando la bellezza diventa crudele

LEAL ringrazia Linda Guerra per avere realizzato e prestato il suo volto al video intitolato “Cruelty behind Beauty” sul tema della sperimentazione animale. L’argomento non è mai sufficientemente diffuso!

Dall’11 marzo 2013, in Europa è entrato in vigore il divieto totale per i test su animali degli ingredienti realizzati per i prodotti cosmetici. Rimane comunque valido lo standard internazionale cruelty-free, perché vi sono alcuni casi non coperti e comunque il divieto non vale per i detersivi. Purtroppo non possiamo essere certi che gli ingredienti realizzati dopo il 2013 non verranno mai usati nei cosmetici venduti in Europa e la Commissione l’ha dichiarato esplicitamente: è vero che esiste ora il divieto assoluto di test su animali ma solo se un ingrediente è stato creato appositamente per uso cosmetico. Si possono aggiungere però ai cosmetici ingredienti realizzati per essere usati in un altro prodotto, non cosmetico, e quindi testato per quell’uso.

LEAL_Stop_Vivisezione_coniglio_nero_-LEAL Lega Antivivisezionista ha promosso il proprio marchio di certificazione etica di prodotti non testati che offre garanzie e rispetta i diritti dei consumatori. Dal 1981 finanzia la ricerca senza animali e il marchio di certificazione → Coniglio Nero STOP VIVISEZIONE di LEAL guida gli acquisti per prodotti cruelty free.

Al link seguente un elenco di prodotti e aziende che testano su animali: → Black list


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


 CATEGORIE  LEAL informa, Vivere eticamente, Vivisezione |
 T A G  , , , |
1 commento

Una risposta a Cruelty behind Beauty: quando la bellezza diventa crudele

  1. Linda Guerra scrive:

    Grazie di cuore per la condivisione e le parole di apprezzamento. Linda

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?