Cosa fare in caso di ritrovamento di un cane o di un gatto?

sad dog8Innanzitutto cercare di capire se è possibile avvicinarlo e prenderlo in custodia. Chiedere ai negozi vicini o a qualche casa li intorno se per caso conoscono l’animale. Magari è solo scappato da qualche cancello! Se possibile, verificare se il cane sia dotato di microchip o di tatuaggio (nel caso di esemplari più anziani) recandosi da un veterinario. Nel caso in cui non sia possibile risalire al padrone o il cane non si faccia prendere, è importante chiamare la Polizia Locale che si occuperà di verbalizzare il ritrovamento e di chiamare l’accalappiacani di zona. Perché è importante? Perché l’uscita dei Vigili Urbani consente di certificare il ritrovamento dell’animale sul territorio e automaticamente obbliga il comune di riferimento a farsi carico del mantenimento dell’animale. Se vi recate con l’animale al rifugio o al canile più vicino molto spesso sarà impossibile per la struttura accettarlo, perché il comune di competenza non interverrà nel mantenimento. Per il gatto spesso è molto più difficile il ricongiungimento tramite microchip, perché al momento non sussiste l’istituzione, per legge, di una Anagrafe felina regionale e, pertanto, l’inserimento di un microchip non è obbligatorio. In entrambi i casi potete comunque scattare una bella foto e mettere un appello sui social network, oltre ad affiggere qualche cartello nella zona in cui avete ritrovato il cane o il gatto.


 CATEGORIE  LEAL informa, Legislazione |

Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?