Corte Ue: Polonia viola direttive UE e mette a rischio foresta Białowieża

La notizia battuta dall’Ansa il 20 febbraio 2018 mette in tutta evidenza il pericolo ambientale causato dal programma di disboscamento della foresta Białowieża. La Polonia ha violato le direttive Ue habitat e uccelli. Sono le conclusioni dell’avvocato generale della Corte Ue sul caso di una delle ultime foreste vergini d’Europa, patrimonio Unesco e sito protetto Natura 2000, dal 2016 al centro di un piano di sfruttamento da parte di Varsavia.

Winter logging in BieszczadyIl neoministro dell’ambiente polacco Henryk Kowalczyk ha assicurato che la Polonia rispetterà e attuerà la sentenza della Corte di giustizia europea. Il piano di sfruttamento della foresta Białowieża è stato contestato dalla Commissione europea che, dopo aver deferito la Polonia, aveva chiesto di sospenderlo in attesa della sentenza. Le autorità polacche hanno sempre sostenuto che il disboscamento fosse necessario a causa dell’invasione di un coleottero nocivo e avevano continuato ad autorizzare il taglio di legname nonostante la domanda della Commissione.


LEAL_5x1000_animata_detBasta un clic:  FIRMA ORA LE NOSTRE PETIZIONI 
 
Il tuo 5×1000 a LEAL C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


 CATEGORIE  Ambiente, LEAL informa |
 T A G  , , , , , |
Lascia un commento

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?