Billy cane di quartiere come il cane Angelo: ucciso per fastidio, noia e tanto per ridere

Zungri è un piccolo centro vicino a Vibo Valentia in Calabria, dove il cane di quartiere Billy, eterno cucciolo che elemosinava attenzioni e coccole e in cerca di bocconi, è stato attirato dai mostri vicino al campo sportivo. Lì si è consumato il delitto: il 3 agosto, ad un anno dalla orrenda morte del cane Angelo, è stato impiccato, torturato, trafitto a morte.

cane Billy ucciso a ZungriBilly con la sua fiducia, simpatia, il suo pelo morbido e il suo essere di nessuno è morto, nel peggiore dei modi. Il delitto non ha per ora colpevoli e indiziati. Nessuno ha visto o sentito e non sappiamo se si stanno cercando i colpevoli.

Si ripete la storia di Angelo: la legge continua a considerare gli animali beni mobili (ovvero tanto quanto oggetti o spazzatura), qualcuno piange, altri si indignano, qualcuno augura la stessa morte agli assassini e ancora se ne scriverà a proposito e a sproposito.

Quello che rimane è il crimine che sale di livello, la violenza vigliacca, il sadismo, il godimento alla sofferenza atroce di un povero cane, l’omertà di chi tace e la nostra disumanità trasfigurata in una smorfia oscena e raccapricciante come “L’Urlo” di Munch. Poi l’art. 544-bis del codice penale: “Chiunque, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da quattro mesi a due anni” rimarrà anche questa volta lì tanto per far vedere i muscoli atrofizzati di una legge inadeguata per gli animali.

Per questo Billy non sarà dimenticato e sarà tristemente ricordato nel prossimo “Rapporto Maltrattamento Animale in Italia 2017” patrocinato da LEAL e curato da Silvia Premoli con la collaborazione di Giovanna Rossi, che sarà consegnato al Parlamento per dare conto della quantità e crudeltà dei delitti perpetrati in Italia nei confronti degli animali di ogni specie. (leggi e scarica gratuitamente il pdf del “→ Rapporto Maltrattamento Animale in Italia 2016“).

LEAL chiede alle istituzioni che latitano ad affrontare il fenomeno randagismo di destinare fondi alle sterilizzazioni e a campagne di sensibilizzazione a partire dalle scuole dell’infanzia, per abbassare il numero dei cani vaganti e reclusi nei canili lager a conferma che spesso il randagismo non è una piaga ma un business per molti. La scusa è che le casse comunali sono vuote ma i fondi per finanziare processioni pagane, feste folcloristiche e popolari con animali o senza e sagre del maiale o comunque a base di cadaveri di animali si trovano sempre: sono consensi e voti, altro che proteggere gli animali. Panem et circenses: gli antichi romani avevano ragione.


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


 CATEGORIE  Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
 T A G  , , , , , |
2 commenti

2 risposte a Billy cane di quartiere come il cane Angelo: ucciso per fastidio, noia e tanto per ridere

  1. Grande Leal. Condivido pienamente il commento.

  2. giovanna scrive:

    Certamente bisogna agire in modo da dissuadere chiunque a commettete tali tremendi crimini. Mi chiedo anche come mai nessuno degli abitanti si sia degnato di adottate questo cucciolo visto anche l’ambiente in cui vivono.

Vuoi lasciare un commento a questo articolo?