Corteo a Genova contro acquari, delfinari e prigioni marine

CORTEO GENOVA 06CORTEO GENOVA 02CORTEO GENOVA 05CORTEO GENOVA 04LEAL Lega Antivivisezionista presente al corteo di ieri sabato 18 febbraio a Genova, organizzato da Associazione Animalisti Onlus e da Animalisti Genovesi un evento nazionale contro acquari, delfinari e prigioni marine. Foto Bruno Stivicevic. Numerose le sigle animaliste presenti e attivisti indipendenti che hanno sfilato con cartelli e striscioni fino davanti al famigerato Acquario di Genova. Durante gli interventi si è spiegato a passanti e visitatori che questi luoghi sono vere e proprie prigioni per questi animali che soffrono fino ad ammalarsi e morire di depressione. In condizioni così diverse da quelle che la natura ha previsto si abbassano le difese immunitarie e si ammalano gravi malattie. I delfini sfruttati per spettacoli anacronistici arrivano all’autolesionismo e a smettere di alimentarsi per porre fine a una vita di torture. Alla stampa e alla città di Genova è arrivato forte e chiaro il messaggio di liberazione per ogni animale anche gli abitanti del mare perché: “Tutti gli animali vogliono essere liberi”!

LEAL CORTEO GENOVA 03

LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , , , , |
Lascia un commento

Sfoglia online l’ultimo numero della nostra rivista “La Voce dei Senza Voce” n. 105

È online l’ultimo numero della nostra rivista “La Voce dei Senza Voce” n. 105 primavera 2017, nella veste grafica curata da Franco Gaffuri Agenzia di Comunicazione e la direzione di Stefano Bianchi. Contributi di:
Gian Marco Prampolini, Stefano Bianchi, Francesca Di Biase, Alessandra Schiavini, Peppo Delconte. Buona lettura.

Sfoglia online → “La Voce dei Senza Voce” n. 105

cover_Voce_105L’editoriale di Gian Marco Prampolini
presidente LEAL

AIUTIAMOLI LEALMENTE
Ripensando alle calamità naturali di questi ultimi mesi (mi riferisco in particolare al terremoto che ha devastato il Centro Italia) non possiamo che addolorarci davanti a tanta distruzione.
Sappiamo che prevenire contribuirebbe a ridurre in modo sostanziale queste catastrofi: ma finché la terra non trema, silenzio. Poi, avvenuto il disastro, più che le istituzioni arrivano in soccorso le tantissime donazioni di noi italiani, peraltro mal gestite e con ritardi che hanno del vergognoso.

E per quanto riguarda gli animali? Grandi mobilitazioni da parte delle associazioni animaliste: chi con squilli di tromba e tanta pubblicità e chi, al contrario, con una silenziosa concretezza fatta di furgoni carichi di cibo, coperte, cucce, farmaci. Un plauso, poi, desidero rivolgerlo agli innumerevoli volontari pronti a sacrificare le loro ferie e il loro denaro pur di salvare animali sommersi dalla neve, impantanati nel fango, senza riparo, privi di tutto.

Creature spesso abbandonate in canili fatiscenti, il più delle volte gestiti da privati o da organizzazioni di dubbia moralità, il cui unico interesse è fare profitto. All’improvviso, ecco che il terremoto fa emergere questi lager che riscuotono soldi dai Comuni; e se non fosse per i volontari che riescono ad avere accesso a queste vere e proprie galere, nulla cambierebbe per quei poveri animali. Se esistessero leggi appropriate sulle sterilizzazioni obbligatorie; se venisse concessa la gestione alle associazioni animaliste serie (ce ne sono anche di fantomatiche, che dietro nomi accattivanti nascondono di tutto), potremmo auspicare per loro un futuro migliore.

Davanti a tanta emergenza, chi ama gli animali corre per dare sollievo a creature che già vivono di stenti. Eppure, c’è sempre chi è disposto a diventare complice di coloro che speculano con cinismo sul mondo milionario della sofferenza animale. Canili-lager, l’ho detto e lo ripeto.

Per non parlare dei mattatoi e tutto quello che avviene negli allevamenti da pelliccia e nei laboratori di ricerca. C’è stato il processo di Norimberga, per i lager nazisti. Per milioni di animali che ogni anno vengono sterminati, nulla. Mai una vera giustizia. Siamo stanchi di tanta sofferenza.

Durante le catastrofi si parla di loro solo tramite i “poveri allevatori” che verranno risarciti per ogni capo perso. E quelli vaganti? Chi se ne importa se muoiono di fame e di stenti. Anche da queste cose si misura la civiltà di un popolo… Ma ora prepariamoci alla Pasqua, col suo consueto fiume di sangue versato da agnelli innocenti nel nome di una tradizione che di cristiano non ha proprio nulla. E accogliamo l’indecente proposta di legge di abbattere i lupi perché in sovrannumero.

Un favore, evidentemente, a quegli allevatori e a quei cacciatori che vedono nel lupo (il quale a sua volta caccia la selvaggina) una perdita di risorse. Agnelli e lupi sono allo stesso modo vittime: perché la malvagità e la speculazione non fanno distinguo.

E allora non mangiamo gli agnellini, difendiamo i lupi e puniamo seriamente chi maltratta e uccide questi nostri fratelli. Buona Pasqua a tutti.

Sfoglia online → archivio “La Voce dei Senza Voce”

Info → abbonamento “La Voce dei Senza Voce”

DONA ORA! SOSTIENI I NOSTRI PROGETTI
. → Io sto con Bruno e non solo
. → Borsa di studio

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
Lega Antivivisezionista Onlus
via Settala, 2 – 20124 Milano
indicando nome, cognome e indirizzo e
precisando sempre nella causale se è per:
. donazione
. iscrizione

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. online con carta di credito in modo assolutamente sicuro e riservato

Logo standard PayPal


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


CATEGORIE Donazioni, LEAL informa |
T A G , , , , , |
Lascia un commento

LEAL sostiene Animal Alliance of Canada per dire NO AL RODEO durante la festa nazionale

LOGO ANIMAL ALLIANCELEAL Lega Antivivisezionista, con altre associazioni di tutto il mondo in aiuto ad Animal Alliance of Canada per rendere globale la protesta “NO RODEO”. Gli attivisti ci hanno informato che stanno cercando di ostacolare in tutti i modi una serie di rodei che sono in fase di programmazione per le celebrazioni di Montreal che festeggia i 357 anni della sua fondazione coloniale che coincidono con il centocinquantenario del Canada. Montreal sposa una tradizione statunitense perché di fatto la cultura del rodeo non fa parte della storia di questa città e viene abitualmente proposta come attrazione turistica visto che genera un giro d’affari molto interessante.

Rodeo Riders Non è difficile immaginare come sia pericoloso e coercitivo per cavalli e tori, scelti tra soggetti particolarmente docili, e poi addestrati per apparire selvaggi. Per indurre il cavallo a impennarsi e sgroppare viene utilizzata una cinghia (flank) stretta attorno alla groppa. La pressione esercitata è insopportabile e l’animale montato (cavalli, tori, vitelli) cercano di liberarsi saltando e agitandosi furiosamente. Queste movimenti innaturali ed esasperati sono spesso eseguiti “a freddo”, causando gravi e dolorosi traumi muscolari, ma anche danni ai tendini e fratture del metacarpo. Sono sempre molto numerosi i casi di gravi incidenti e soppressioni degli animali.

Ancora una volta si cerca di utilizzare degli animali per fare spettacolo, nonostante gli occhi del mondo sia puntati su queste celebrazioni non si rinuncia a un “divertimento” crudele che abusa di esseri viventi. Nessuna specie animali deve essere costretta ad esibirsi per lucro e divertimento umano.

Gian Marco Prampolini, presidente LEAL, ha scritto al sindaco di Montreal e alle autorità del Quebec affinché si prevedano per i festeggiamenti attività e gare sportive senza animali al posto dei rodei.

Tutti possiamo scrivere per esprimere il nostro dissenso al link seguente:
→ Pledge/Petitizione AAC




LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

Sos sisma: 15 furgoni carichi di aiuti in partenza da Cremona

Leal_CR_aiuti_terremotoLEAL sezione di Cremona ha collaborato con l’associazione SOS A-Mici per inviare aiuti agli animali (e non solo) colpiti dal terremoto. Sono stati riempiti 15 furgoni che partiranno nel fine settimana del 17/18/19 febbraio dai vari paesi nella provincia di Cremona per Bettona in provincia di Perugia, base scelta dai volontari del luogo per organizzare poi la partenza per le aree interessate.

Sappiamo dal nostro presidente Gian Marco Prampolini, che si è appena recato nelle zone del sisma, che sono davvero tanti i cani vaganti da sfamare e le scorte si assottigliano sempre velocemente. Grazie a chi con generosità ha donato cibo, farmaci, antiparassitari, trasportini o ha fatto donazioni per garantire sterilizzazioni e cure veterinarie.

LEAL Cremona
Giovanna Tarquinio
via Castagnino Secco 12
26022 Castelverde (CR)
tel. 339 3840199
giovanna.tarquinio@libero.it

Se desideri contribuire
EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:

Lega Antivivisezionista Onlus
via L. Settala, 2 – 20124 Milano
indicando nome, cognome e indirizzo e
precisando sempre nella causale:
EMERGENZA QUATTRO ZAMPE TERREMOTO

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. online con carta di credito in modo assolutamente sicuro e riservato

Logo standard PayPal


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


CATEGORIE Argomenti, Donazioni, LEAL informa, Sezioni |
T A G , , , , , , , , , |
Lascia un commento

17 febbraio giornata nazionale del gatto

Il 17 febbraio ricorre il ventisettesimo anniversario della Festa Nazionale del Gatto che si celebra in Italia dal 1990 su idea della giornalista gattofila Claudia Angeletti. Questa giornata è ricordata con entusiasmo da un numero infinito di persone visto che il gatto è l’animale domestico più diffuso al mondo e se volessimo scrivere una raccolta di episodi e storielle “gattesche” che quotidianamente ci vengono riferiti da amici e conoscenti appassionati dei propri miagolanti compagni di vita non basterebbero mesi di lavoro.

gatto_festaRaccogliamo testimonianze di “gatti sveglia” che si lanciano ogni mattina, feste comprese, dagli armadi alle 5 del mattino per atterrare sul malcapitato familiare umano chiedendo cibo e attenzioni. Gatti generosi che portano prede in dono, o che giocano e riportano la palla, abilissimi a fare buca e goal. Moltissimi i “felini grimaldello”: abili scassinatori che aprono cassetti, frigoriferi, ante di armadi e porte. Consistente anche il numero dei “gatti pattumiera” che famelici divorano il risotto dai piatti o il minestrone dalla tavola. Altri mici sono dei gran chiacchieroni e intrecciano lunghe conversazioni con i familiari umani. Ci riportano ancora di “gatti colbacco” che anche con temperature equatoriali dormono acciambellati sulla testa dell’umano di riferimento. Tutti conosciamo almeno un gatto che “impasta” instancabilmente, altri che quando fanno le fusa sono rumorosi come un tir fermo al semaforo. Qualcuno dei nostri gatti si presenta puntuale ai pasti per poi ritirarsi nelle proprie stanze: solitari e forse un po’ altezzosi ma non per questo meno amati. Si contrappongono ai “gatti cozza” che vivono attaccati alle nostre gambe o sulle nostre ginocchia riempiendoci di peli senza alcuna pietà.

I gatti sono proprio per tutti i gusti: spesso non li scegliamo, sono loro che scelgono noi o ci “capitano” per destino e stanno comodi nelle nostre cose come noi staremmo in un resort a sette stelle. LEAL non si dimentica di offrire un aiuto a chi con grande spirito di sacrificio e infinito amore aiuta i gatti affamati e malati e abbandonati per le strade. Vi invita a fare altrettanto, a non ignorare gli animali in difficoltà e ricorda che la sterilizzazione è la miglior prevenzione a randagismo e abbandono.


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa |
T A G , , , , |
1 commento

Presidio LEAL davanti al Consorzio che dà lavoro agli uccisori del cane di Bondeno

Lunedì 20 febbraio ore 11.00 Consorzio di Bonifica di Burana, via Vittorio Veneto 48/50, Bondeno Ferrara.

Consorzio_Burana_01A seguito dell’uccisione di un cane, avvenuta nei giorni scorsi a Bondeno (→ Spara a morte al proprio cane LEAL si costituisce parte civile) LEAL Lega Antivivisezionista sezione di Ferrara e Animaliamo onlus di Bondeno organizzano un presidio pacifico e autorizzato davanti al Consorzio di Bonifica di Burana a Bondeno.

L’evento che vedrà la presenza di tanti attivisti e volontari provenienti anche da altre città avrà lo scopo di sollecitare i vertici aziendali affinché prendano provvedimenti nei confronti di entrambi i dipendenti di questo ente coinvolti nell’uccisione di un povero cane di cui non si conosce nemmeno il nome.

Sono invitate a partecipare tutte le associazioni animaliste e i liberi cittadini che vorranno esprimere il proprio dissenso. Presenti gli organi di stampa.


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Sezioni |
T A G , , , , |
2 commenti

LEAL presente al corteo nazionale di Genova per la difesa degli animali marini

Corteo Nazionale Genova: NO ALLE PRIGIONI MARINE
Sabato 18 febbraio 2017 concentramento Piazza della Vittoria alle ore 15.00 arrivo in Piazza Caricamento.

Partecipate numerosi!

L’Associazione Animalisti Onlus e Animalisti Genovesi organizzano per il 18 febbraio 2017 un corteo nazionale per chiedere la chiusura dei delfinari e parchi marini in Italia. Il corteo partirà da Piazza della Vittoria alle ore 15.00 e arriverà in Piazza Caricamento per una protesta con tutte le altre associazioni e gruppi che hanno aderito a questa protesta: Sea Shepherd, Animalisti Italiani, LEAL Lega Antivivisezionista, N.a.l.a., Meta, Riscatto Animale, Avi, Fronte Animalista, Animal Renegade, Tursiopi Liberi, Cani Sciolti, oltre a gruppi e movimenti di animalisti italiani.

delfini_I delfini sono animali dotati di un localizzatore, chiamato bio-sonar, lo utilizzano per orientarsi nel mare per comunicare, cacciare e per evidenziare a distanza l’esistenza di ostacoli, producono infatti, ultrasuoni e percepiscono l’eco riflessa dagli ostacoli che trovano sul loro cammino. Nei delfinari sono rinchiusi in prigioni d’acqua e cessano di utilizzare il loro bio-sonar. Basterebbe già solo questo per impedire la reclusione di questi tursiopi, ma non è tutto: un delfino costretto in una vasca artificiale può vivere la metà degli anni di un delfino che vive in mare. Nei parchi marini o acquari raramente un delfino vive oltre i 20 anni, viceversa in mare può vivere fino ad oltre 50 anni.

Gli acquari, gli zoo marini e i delfinari sono strutture con finalità di lucro che utilizzano i delfini per esibirli in spettacolo e numeri di carattere ludico. In realtà i tursiopi sono costretti a lavorare per divertire i visitatori. Queste esibizioni non hanno nulla di naturale, vengono indotte con pratiche di addestramento contrarie alla natura dei delfini, tra cui la privazione di cibo e rinchiudendoli, come punizione, in vasche minuscole.

Ad oggi, l’India ha proibito i parchi marini e/o delfinari sulla base del riconoscimento dei delfini come “persone non umane”. Già molti non hanno delfinari o ne hanno proibito l’apertura: Austria, Croazia, Cipro, Estonia, Irlanda, Lettonia, Lussemburgo, Polonia, Regno Unito, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e Ungheria, ma anche Vietnam, Messico, Malesia, Cile e Costa Rica.

Chiediamo che anche l’Italia vieti la reclusione degli animali marini, che disponga la chiusura degli attuali acquari, zoo marini e delfinari e ne impedisca l’apertura con una legge specifica che tuteli gli animali.


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , , , , |
1 commento

Sisma ad Amatrice: LEAL non si dimentica di animali e volontari

LEAL AMATRICE 2017 03LEAL AMATRICE FEBB 2017 01nLEAL AMATRICE 2017 05 _nleal amatrice 2017 o4LEAL Lega Antivivisezionista ha consegnato altri aiuti per gli animali vittime del sisma ad Amatrice. Il presidente Gian Marco Prampolini, durante le giornate del 10 e 11 febbraio, è tornato nelle zone del disastro per continuare la collaborazione con Animalisti Italiani supportando con cibo, cucce e farmaci le tante emergenze. Sono stati apprezzati dai volontari i numerosi trasportini consegnati, indispensabili per lo spostamento dei gatti negli ambulatori veterinari per le prossime sterilizzazioni.

LEAL riesce a garantire le continue forniture anche grazie alle proprie sezioni più attive. Un ringraziamento speciale a Stefania Corradini di LEAL Ferrara, Manuela Regaglia di LEAL Como-Lecco, Mònica Fontana di LEAL Torino e Susanna Salaorni di LEAL Verona, che in diverse riprese hanno raccolto di tutto per gli animali più sfortunati.

Se desideri contribuire
EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:

Lega Antivivisezionista Onlus
via L. Settala, 2 – 20124 Milano
indicando nome, cognome e indirizzo e
precisando sempre nella causale:
EMERGENZA QUATTRO ZAMPE TERREMOTO

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. online con carta di credito in modo assolutamente sicuro e riservato

Logo standard PayPal


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


CATEGORIE Argomenti, Donazioni, LEAL informa |
T A G , , , , , , , , , , , |
1 commento

Spara a morte al proprio cane: LEAL si costituisce parte civile

Un uomo, aiutato da un collega di lavoro, uccide freddamente il proprio cane a colpi di fucile. Il gravissimo episodio di animalicidio è avvenunto lo scorso 2 gennaio a Bondeno (Ferrara). Il cane è stato giustiziato all’interno dell’impianto idrovoro locale dove i due uomini sono dipendenti. Qualcuno del personale si è accorto del fatto quando l’animale era già stato ucciso e stava per essere caricato su di un auto. LEAL stigmatizza questo ennesimo abuso nei confronti degli animali, che ultimi degli ultimi sono sempre più spesso fatti oggetto di ogni genere di abuso, e dichiara di costituirsi parte civile e di voler seguire da vicino l’evolversi della vicenda affinché i colpevoli di questro grave reato ne rispondano nelle sedi opportune.

CANE MORTO FOTO ARCHIVIOStefania Corradini, responsabile LEAL Lega Antivivisezionista sezione Ferrara in una nota sottolinea: “La barbara uccisione a colpi d’arma da fuoco di un povero cane che, in base alle notizie riportate, non aveva mai mostrato segni di aggressività, da parte delle stesse mani “umane” che lo avevano nutrito e accudito durante la sua breve vita, non può che suscitare indignazione e sdegno in chiunque dotato di un minimo senso di civiltà. Ma questi sentimenti non bastano a promuovere una cultura di rispetto nei confronti di ogni essere vivente, tanto più quando questo ha condiviso una parte della nostra vita. Nell’attesa che si faccia luce sulla dinamica dell’accaduto e sulle motivazioni (se ce ne sono) che hanno portato al brutale gesto, tanto più grave perché coinvolte due persone, ci chiediamo perché una notizia così grave viene resa nota a più di un mese di distanza. Perché la vittima era “solo” un cane? Uno dei tanti che subiscono maltrattamenti, sevizie, torture e infine la morte, causate volontariamente da esseri umani non degni di questo nome e che sempre più riempiono le cronache? Quei poveri animali non li vedremo più, ma è insieme a questi carnefici che saremo costretti a convivere? Non solo. L’accaduto solleva il problema della concessione del porto d’armi, in particolare quello ad uso venatorio, per il cui rilascio è richiesto il possesso di precisi requisiti psico-fisici. Si può definire psichicamente stabile chi si getta all’inseguimento del proprio cane con un fucile da caccia, legalmente detenuto, per poi sparare senza esitazione? Chi uccide in tal modo può rivolgere quell’arma contro chiunque! La sezione LEAL Ferrara organizzerà a partire dai prossimi giorni dei sit-in di protesta davanti al Consorzio per chiedere all’azienda di prendere gli opportuni provvedimenti nei confronti dei due individui. Come associazione che difende i diritti degli animali invitiamo a una profonda riflessione a tutti i livelli sociali e istituzionali”.

LEAL Lega Antivivisezionista
Sezione Ferrara
Stefania Corradini
tel. 349.4021232
lealferrara@libero.it


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Sezioni |
T A G , , , , |
2 commenti

100% crudeltà: le pecore da lana e la tosatura indescrivibile inferno in Italia e nel resto del mondo

Non tutti vogliono sapere, cambiare richiede di fare un pensiero e fare una scelta precisa, ma oggi con i mezzi di comunicazione non possiamo più nasconderci la verità. Dobbiamo essere informati e scegliere se la maglia di lana, merino o cachemire vale davvero tutto questo dolore.

lana pecore 02pecore leal 04pecore leal 051) Le pecore allevate a milioni per il loro vello soprattutto in Argentina e Australia sono geneticamente modifica per produrre più lana del loro necessario per essere difese dai rigori esterni.

2) Vengono tosate brutalmente da operatori pagati a cottimo per volume di lana, maltrattate e picchiate per costringerle alla immobilità vengono ferite dagli strumenti taglienti utilizzati.

3) Il più delle volte la tosatura avviene “a macchina” e gli ovini vengono spinti velocemente dentro queste macchine infernali che arrivano a ferire e addirittura a tagliare lembi di pelle e porzioni di carne.

4) Le pecore allevate per la lana merino hanno una pelle rugosa e ricca di pliche (più superficie di pelle uguale a più lana) le pieghe si infettano e nelle piaghe le mosche vi depositano delle larve che si mangiano viva la pecora. Gli allevatori per ovviare a questo inconveniente asportano senza anestesia porzioni di carne al vivo intorno alla coda e parte posteriore della coscia, generando però il più delle volte una infezione peggiore.

5) La tosatura avviene quando la lana è al massimo della sua resa e abbondanza ovvero prima dell’inizio primavera quando fa ancora freddo e si calcola per difetto che siano un milione ogni anno le pecore morte di freddo.

6) Appena gli ovini sopravvissuti a queste torture, per età e sfruttamento non producono più una lana bella e abbondante, vengono caricati su camion e costretti a viaggi della morte: calpestati, assetati, terrorizzati e disperati verso i mattatoi. Lì sarà l’inferno.

7) Gli ovini maschi alla nascita vengono privati della coda usando un coltello e senza anestesia, poi sempre senza anestesia vengono decornati con cesoie e vengono tagliati i testicoli fermando l’emorragia con fascette legate strette.

8) Animali senzienti tenuti in queste condizioni disumane hanno un elevatissimo tasso di mortalità che viene ovviato facendo nascere sempre più soggetti e sfruttando con le pecore con gravidanze continue. Nella sola Australia ogni anno muoiono dieci milioni di agnelli ad un paio di giorni dalla nascita. E solo perché questi animali sono migliaia e migliaia nessuno se ne cura.

Ricordiamo che anche altre specie animali come capre, conigli e alpaca vengono allevati e sfruttati nelle medesime condizioni per avere lana di angora, cachemire e alpaca. Esistono molti materiali tecnici anche per cappotti, giacconi e maglie. Materiali sintetici che sono sempre più morbidi, caldi. Poi confortevoli pile oppure alternative naturali come il cotone e la flanella di cotone.

Rifiutatevi anche voi di incrementare e di sottoscrivere questo orrore scegliendo di rispettare ogni specie vivente!

Video investigazione Peta che rivela la realtà della tosatura in Italia


Tosatura della lana: tutto il Mondo è Paese!
→ Video Peta FB


LEAL_5x1000_animata_detil tuo 5×1000 a LEAL
C.F. 80145210151


SEGUI LEAL VIA EMAIL Per non perdere nessuna notizia pubblicata sul sito leal.it ti invitiamo a lasciare il tuo indirizzo email al link seguente (attenzione: per aggiornamento del nostro database, l’invito a registrarsi è rivolto anche a chi è già iscritto alla nostra newsletter). Riceverai gratuitamente in anteprima nella tua casella di posta tutte le notizie pubblicate sul sito: → SEGUI LEAL VIA EMAIL ISCRIVITI ADESSO!


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , , |
Lascia un commento