LEAL VI ASPETTA IL 19 E IL 20 OTTOBRE AL MIVEG

Vi aspettiamo numerosi al MiVeg a Milano, uno dei più significativi appuntamenti nel panorama della sostenibilità a tutto tondo, per la diffusione della scelta vegana e dei diritti animali! LEAL presente con il nostro materiale informativo, le anteprime di nostre iniziative antivivisezioniste e la nostra raccolta delle vostre firme sulle cartoline “AIUTACI AD USCIRNE VIVI” con consegneremo al Ministro della salute Speranza per chiedere la salvezza e la liberazione dei macachi sottoposti all’atroce esperimento LIGHTUP. Saremo parte integrante di questo evento coinvolgente con gli espositori cruelty free, le associazioni e le interessanti conferenze con autorevoli relatori e tanto tanto buon cibo a base vegetale.

→ Pagina fb evento

MIVEG
East End Studios
via Mecenate 88 Milano

sabato 19 ottobre dalle 10 alle 24.00
domenica 20 ottobre dalle 9.30 alle 22.30
Ingresso libero


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Agenda, LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , |
Lascia un commento

I MACACHI DI PARMA

Eccoli. Sono loro. Sono gli esseri senzienti che saranno sacrificati nel progetto LIGHTUP.
I due macachi in primo piano si chiamano Larry ed Alan. Per il momento sono sottoposti all’addestramento e sono fiduciosi ma presto, molto presto, la loro fiducia nell’essere umano sarà sostituita dalla paura e una domanda non espressa a parole aleggerà sulle gabbie: “Perché?”
Dopo l’esperimento i sei primati verranno uccisi per studiare il loro cervello. Di loro rimarranno delle immagini fissate sui vetrini.

Agli sperimentatori diciamo: “Guardateli questi macachi. Guardateli negli occhi oggi e non solo domani quando cercherete prove dei danni provocati.
Osservate quella creatura che si avvicina al vetro della finestra per guardare un mondo che non vedrà mai e provate a mettervi nei suoi panni.
Guardateli negli occhi. Guardateli con il rispetto dovuto ad ogni forma di vita. Forse riuscirete a capire che è arrivato il momento di cambiare”.
LEAL Leal Antivivisezionista

Il Corriere della Sera (Torino) esce con un articolo che dovrebbe, forse, placare il dissenso espresso da coloro che negano la liceità dell’uso del modello animale nella ricerca.
In realtà l’articolo conferma quanto sia deformato il pensiero di coloro che non esitano a sacrificare animali perseguendo una falsa scienza che DEVE essere sostituita dalla ricerca basata sugli esseri umani (human-based).
La sicurezza alberga in loro. Parlano di benessere animale e di esperimenti autorizzati. Nessun dubbio, nessun ripensamento sulla validità del loro operato. Le leggi sono dalla loro parte e tre controlli superati aumentano la loro sicumera. Prima ancora di insegnare loro a come addestrare i macachi, e a come usarli, sono stati istruiti a non provare emozioni davanti a quello che fanno.

Le affermazioni degli addetti ai lavori sono a dir poco sconcertanti:

* “LA VIVISEZIONE È VIETATA. NEI LABORATORI ENTRANO I POCHI ANIMALI NECESSARI PER LA CONOSCENZA”.

* “I CARTONI ANIMATI CHE VENGONO PROIETTATI SERVONO AD ABBASSARE LA TENSIONE NELLE GABBIE CHE SONO PIÙ LARGHE DELLA MEDIA”.

* “SUI SOCIAL HANNO PROMESSO CHE LI LIBERERANNO… MA NON SONO ANIMALI DA COMPAGNIA”.

Leggendo l’articolo si entra nel laboratorio.

Le immagini che scorrono sugli schermi dei computer sono sezioni dei cervelli delle scimmie. La fisiologa Elena Borra dichiara: “Io contro gli animali? Sono vegetariana, ho un cane e appena laureata mi rifiutai di fare esperimenti sui ratti”. Ha cambiato idea adesso “La vivisezione è vietata, nei laboratori entrano i pochi animali necessari per la conoscenza”.

Su uno schermo scorrono immagini di un cartone animato. “È il cartone preferito dalla figlia del tecnico. Lo trasmettiamo per abbassare la tensione nelle gabbie, che sono più larghe della media. A volte diffondiamo anche musica ambient” dice Benedetta Zattera, una dottoranda di 25 anni compiaciuta nel credere di provvedere al benessere degli animali in quel modo.

I macachi sono alle prese con l’addestramento. Il prossimo anno sarà installato un perno di titanio alla testa degli animali, per tenerla ferma durante la ricerca. “Da novembre 2018 — spiega Bonini — abbiamo superato 3 ispezioni ministeriali”. Un record per l’Italia, dove sono 600 i primati oggetto di sperimentazioni. Solo dieci avvengono nelle università, dove ogni ricerca è autorizzata due volte: dal ministero e da un organismo interno che vigila sul benessere animale.

Dopo l’esperimento i macachi verranno uccisi per studiare il loro cervello. Di loro rimarranno delle immagini fissate sui vetrini.

A Parma cinque laboratori pubblici sono autorizzati per esperimenti sui primati.
Tra questi c’è il progetto LIGHTUP.

Fonte (articolo e video)
→ torino.corriere.it

Questo slideshow richiede JavaScript.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivisezione |
T A G , , , , , , , |
Lascia un commento

LA STORIA A LIETO DI FINE DI CIKO DALL’ABBANDONO AD UNA FAMIGLIA MERAVIGLIOSA

Articolo di Giovanna Rossi, LEAL sezione Monza e Brianza, estratto dall’ultimo numero della nostra rivista “La Voce dei Senza Voce” n. 114-115 estate-autunno 2019 con i contributi di: Gian Marco Prampolini, Giovanna Tarquinio, Mirta Bajamonte, Francesca Di Biase, Piero M. Bianchi, Giovanna Rossi, Silvia Premoli. Buona lettura.

Sfoglia online → “La Voce dei Senza Voce” n. 114-115

 → ABBONATI ALLA NOSTRA RIVISTA “LA VOCE DEI SENZA VOCE” 

Giovanna Rossi
LEAL sezione Monza e Brianza

Il giorno più fortunato della vita del cane Ciko è stato il 2 giugno scorso quando è stato segnalato al presidente LEAL Gian Marco Prampolini che con Alessandra Schiavini e Giovanna Rossi era sul territorio del sisma per consegnare aiuti destinati agli animali randagi. Abbiamo chiesto a Giovanna Rossi, responsabile LEAL sezione Monza e Brianza, di raccontarci la storia del salvataggio di questo meraviglioso cane.

“Ciko, un cane di poco più di un anno, ci è stato segnalato dall’amica e volontaria Daniela che abita a Sommati frazione di Amatrice e che segue con impegno i randagi del territorio. Ciko già dai suoi primi mesi di vita ha con tutta probabilità mostrato il suo disinteresse nello svolgere il ruolo di “custode” delle pecore e per questo un pastore lo ha abbandonato sul territorio. Durante i vari mesi di vagabondaggio tra il freddo e la neve, Ciko si avvicinava alle case in cerca di un po’ di cibo e nell’inverno del 2019 ha trovato in Daniela un’amica che si è presa cura di lui. Inizialmente ospitò Ciko in un riparo di fortuna su un suo terreno dove lei già accudisce i suoi 5 cani salvati dopo il grave terremoto del 2016. Purtroppo la convivenza con gli altri cani è risultata molto difficile nonostante molti tentativi. Dopo vari mesi Daniela ha chiesto ad un amico di ospitare il cane, ma anche questa soluzione si è rivelata un fallimento perché Ciko che ha un carattere mite subiva gli attacchi continui degli altri cani, soprattutto maschi e spesso scappava impaurito.
Fortunatamente Daniela era sempre sui suoi passi e come un angelo ha sempre vegliato su di lui e gli ha sempre assicurato il cibo e le cure pur lasciandolo libero. Il carattere confidente e il bisogno di contatto umano di Ciko che lo porta ad avvicinare le persone stava purtroppo infastidendo molti paesani con il rischio di mettere a repentaglio la sua incolumità. A questo punto Daniela ha chiesto aiuto al presidente di LEAL. La decisione è stata rapida e Ciko è stato caricato in auto destinazione Milano.

Durante il viaggio è stato tranquillo ed appoggiava il suo muso sulle nostre gambe, sempre in cerca di coccole guardandoci con gli occhioni tristi ma nello stesso tempo speranzosi. Ciko si è rivelato un cane buonissimo, ha accettato subito il guinzaglio ed è sempre stato docile e paziente. La sua prima destinazione è stata il rifugio La Fenice di Limbiate MB dove è stato affidato ad una volontaria che gli ha assicurato cibo e coccole oltre che una bella toelettatura visto che il suo pelo era in più punti aggrovigliato con la paglia.

è stato quindi sottoposto ad una accurata visita veterinaria ed esami che hanno certificato il suo buono stato di salute. A questo punto abbiamo fatto a Ciko una promessa: quella di trovargli molto presto una famiglia. Promessa puntualmente mantenuta! È arrivata grazie alla splendida volontaria e amica Simona una richiesta per lui: una famiglia ideale di cui fanno parte Kira una bella e brava cagnolona e tre gatti che convivono felicemente in una casa con un ampio giardino a disposizione. Dopo un inserimento con gli altri animali di casa ora Ciko è stato ufficialmente adottato e la sua vita è finalmente cambiata! Spesso passo a salutare Ciko ed i nuovi amici e la sua famiglia. Cambiare in meglio il destino di un animale in difficoltà è sempre una grande gioia”.


Sfoglia online → archivio rivista “La Voce dei Senza Voce”


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Sezioni, Vivere eticamente |
T A G , , , , , , , , , |
Lascia un commento

ANCHE LEAL A ROMA DAVANTI A MONTECITORIO PER I MACACHI

LEAL il 5 ottobre in piazza a Roma davanti a Montecitorio con gli attivisti più motivati e tenaci che lottano per chiedere la liberazione dei 6 macachi già detenuti negli stabulari dell’Università di Parma e in fase di addestramento per l’esperimento LIGHT-UP. Un esperimento che prevede un intervento alla corteccia visiva che li renderà parzialmente ciechi.

Questo slideshow richiede JavaScript.

All’evento anche la nostra vicepresidente Bruna Monami con le volontarie LEAL. Apprezzata la presenza del professor Bruno Fedi, illustre e storico antivivisezionista, e del saggista e opinionista Franco Libero Manco di Ava Associazione Vegan Animalista.

Per questa impegnativa battaglia le città coinvolte dalle proteste sono Roma in quanto sede di Montecitorio, Torino sede dell’Università, che con Parma sta portando avanti l’esperimento, e Parma, che ospita anche gli stabulari dove ci sono i macachi. Tre città e tanti eventi in rapida successione per non spegnere i riflettori su questa crudeltà, sulla vivisezione e per dare modo a sempre più attivisti e comuni cittadini di essere presenti e chiedere la liberazione di questi primati e l’abolizione degli esperimenti sugli animali.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivisezione |
T A G , , , , , , , , , |
Lascia un commento

4 OTTOBRE GIORNATA MONDIALE DEGLI ANIMALI: PARTE LA CAMPAGNA ASSOCIATIVA LEAL

In occasione del 4 ottobre giornata mondiale dedicata agli animali, giornata che coincide con la festa di San Francesco d’Assisi patrono dell’ecologia, LEAL lancia la sua campagna associativa.

Abbiamo la consapevolezza che questa giornata, inizialmente nata per aumentare lo status degli animali al fine di migliorarne lo standard di benessere in tutto il mondo, si debba trasformare in un maggiore impegno per la liberazione di ogni specie animale e per la tutela dell’ambiente.

Con la volontà di fare informazione, di non scendere a compromessi controproducenti per la causa e di stare sempre INCONDIZIONATAMENTE DALLA PARTE DEGLI ANIMALI.

 STATE CON NOI PER LORO 

→ ISCRIVITI SUBITO!


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “ISCRIZIONE” o “LIBERA DONAZIONE”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Ambiente, Argomenti, LEAL informa, Vivere eticamente |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

I cinque articoli più letti di settembre 2019



LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivere eticamente, Vivisezione |
T A G , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |
Lascia un commento

LEAL PRESENTE A PETS IN THE CITY MILANO

LEAL vi aspetta alla prima edizione di Pets in the City a Milano dal 4 al 6 ottobre 2019, Fieramilanocity dalle 10.00 alle 19.00 ingresso Portello.

La manifestazione offre un interessante programma in collaborazione con partner, professionisti e associazioni di volontariato impegnate sul territorio italiano. Sarà l’occasione per conoscere meglio i propri pet e comprendere quali scelte fare per il loro benessere in modo consapevole e rispettoso della loro specifica natura. Sono previste aree speciali dedicate al rispetto e benessere dei nostri compagni di vita, spazi con esperti per guidare i bambini a rapportarsi in modo corretto con gli animali e persino un Pronto Soccorso Pet dimostrativo, dove esperti veterinari daranno indicazioni importanti su come intervenire in aiuto del nostro amico in difficoltà.

Programma completo e info → petsinthecity.it


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Agenda, LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , |
Lascia un commento

LEAL SOSTIENE LA MANIFESTAZIONE CONTRO LA SPERIMENTAZIONE ANIMALE FALSA SCIENZA TOTALMENTE PRIVA DI ETICA E VOCATA AL PROFITTO

Sabato 5 ottobre 2019 a Roma dalle ore 14.00 alle 17.00 Piazza Montecitorio. Evento organizzato da Animal Aid Italia, Comitato Tutela Diritti Animali e Meta presenti a Montecitorio davanti al Parlamento dalle 14.00 alle 17.00.
Noi non ci stiamo e chiediamo la partecipazione dei cittadini che dissentono da questa falsa scienza vocata al profitto e totalmente priva di etica, per mettere fine alla crudele, ridicola (e multimilionaria) sperimentazione “LIGHTUP” coordinata da Marco Tamietto dell’Università di Torino. Non siamo soli a batterci contro questi assurdi test sulle scimmie. Lo fanno anche noti ricercatori di tutto il mondo, che ne mettono a nudo i presupposti scientifici, la natura e i risibili risultati. Facciamola finita con i “modelli animali”.

→ Pagina fb evento

LEAL per L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE ripropone di seguito l’intervento del suo referente scientifico Prof. Mirta Bajamonte all’evento del 7 settembre sempre in Piazza Montecitorio a Roma.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivisezione |
T A G , , , , , , , , , , |
Lascia un commento

CANI INVISIBILI? NO, GRAZIE! NASCE IL PROGETTO WORKING DOG

Articolo di Francesca Di Biase, educatore e formatore cinofilo, estratto dall’ultimo numero della nostra rivista “La Voce dei Senza Voce” n. 114-115 estate-autunno 2019 con i contributi di: Gian Marco Prampolini, Giovanna Tarquinio, Mirta Bajamonte, Francesca Di Biase, Piero M. Bianchi, Giovanna Rossi, Silvia Premoli. Buona lettura.

Sfoglia online → “La Voce dei Senza Voce” n. 114-115

 → ABBONATI ALLA NOSTRA RIVISTA “LA VOCE DEI SENZA VOCE” 

Francesca Di Biase
educatore e formatore cinofilo
ABC DOG TEAM A.S.D. → abcdogteam.it

Il Progetto Working Dog (Facebook @Progettoworkingdog) nasce per aumentare l’indice di adottabilità dei “cani invisibili” del Canile e dar loro la possibilità di una nuova vita, tramite programmi di lavoro cuciti su misura per ciascun 4 zampe che attualmente ne fa parte.
È un’importante missione che, da circa sei mesi, vede arruolati Educatori cinofili Abc Dog Team e Volontari LEAL del Canile Fusi di Lissone (MB) in una coinvolgente sinergia quotidiana, la cui unica ricompensa è vedere questi cani tornare nei box soddisfatti, dopo ogni sessione di lavoro. Cosa accomuna le persone coinvolte in questo Progetto? Il desiderio di capire meglio i comportamenti di questi pelosi, la volontà di rieducarli per dargli un futuro migliore e la consapevolezza di poterci riuscire, insieme, come una squadra.
Il Progetto infatti non sarebbe realizzabile senza i Volontari che ogni giorno si dedicano a questi cani, ma non lo sarebbe nemmeno senza gli Educatori cinofili che, ad ogni incontro e/o mini-corso, danno i giusti suggerimenti per migliorare quegli atteggiamenti poco graditi che non li ha ancora fatti scegliere.

Tutto il lavoro di training rieducativo è basato sul gioco o su esercizi ludici, affinché il tempo dedicato possa essere per ciascun cane motivante ed appagante. Non una semplice uscita per sgambare quindi, ma un’uscita dal box in cui il cane può sentirsi utile collaborando con l’uomo e ricompensato con un premio (giochi, lodi, coccole o biscottini) per ogni risposta adeguata data.
Del resto, la principale problematica che li riguarda è una “non-educazione” che ha portato a comportamenti sgraditi come tirare eccessivamente al guinzaglio, saltare addosso in modo prepotente per ottenere attenzioni, trattenere i giochi con marcata possessività e usare la bocca in modo inappropriato arrivando anche a pinzare, talvolta involontariamente, mani o vestiti delle persone con cui interagiscono.

Un’altra complicanza caratteriale è quella data dalla diffidenza verso il genere umano da cui molto probabilmente hanno subìto una cattiva gestione ed un rapporto conflittuale, per poi abbandonarli a sé stessi. Questi cani, che riportano dei traumi emotivi notevoli, reagiscono alle interazioni talvolta con timore ed altre con estrema difesa. Quasi tutti tollerano male la manipolazione come una semplice carezza o la vestizione della pettorina. Come biasimarli del resto? Chi avrebbe dovuto proteggerli e farli vivere nella tranquillità, ha fatto l’opposto! Ecco perché tramite i giochi di scambio, le richieste di educazione di base, la Mobility Dog, la Ricerca Olfattiva e la Rally Obedience, si cerca di ridare loro gli strumenti necessari per riporre nuovamente fiducia nelle persone. Senza fiducia infatti non ci sarebbe alcun miglioramento, mancherebbe la serenità per poter apprendere. E invece, grazie al rapporto che questi cani hanno instaurato negli anni con alcuni Volontari e da qualche mese con gli Educatori, stanno facendo giorno dopo giorno, passi da gigante.

Ma conosciamo alcune di queste meraviglie che ogni giorno si impegnano nel reagire positivamente alle attività proposte:

– Polly mix cane da pastore, ha circa 5 anni ed in Canile da 3. È un cane esuberante con tanta voglia di fare. Durante le sessioni di lavoro ha dimostrato volontà di interagire e di imparare. Inizialmente aveva tempi di attenzione molto bassi, ma durante questi mesi è migliorata tantissimo fino ad arrivare a rimanere in uno stato di serenità anche in presenza di altri cani con cui inizialmente non aveva feeling. Lei è pronta per essere adottata da una famiglia che non abiti in città e che non sia alla prima esperienza, che abbia tempo di qualità da dedicarle per fare ogni giorno attività che appaghino le sue necessità collaborative.

– Pelù mix cane pastore ha circa 4 anni ed è in Canile da 2. È un tipo tosto che sa il fatto suo e che tende a controllare e voler gestire sempre la situazione, gli spazi, le persone e le risorse, ma con chi ha imparato a conoscerlo sa essere davvero un gran cane. Insomma, un 4 zampe dall’involucro ruvido come il suo pelo, ma dal cuore dolce. Col percorso sta scoprendo che può anche rilassarsi pensando semplicemente ad annusare l’aria mentre viene spazzolato… e ce la sta facendo! Lui aspetta la sua famiglia ideale che non deve essere alla prima esperienza e soprattutto deve avere la capacità di non farsi sopraffare dalle sue manie di controllo, dunque anche senza bambini. La sua futura casa dovrebbe avere un ampio giardino in cui poter dare sfogo correttamente ai suoi istinti territoriali e protettivi che fanno comunque parte del suo Dna.

– Puntino è un molossoide di taglia contenuta, ha circa 4 anni e in Canile da 1. È senza dubbio il cane più complicato inserito nel Progetto. A lui manca la consapevolezza del potenziale della sua bocca che, attualmente, usa in modo inappropriato per prendere e tenere i giochi per sè. Quando esce dal box il suo stato di eccitazione è altissimo e non gli permette di concentrasi per interagire e rispondere anche alla più semplice delle richieste. Ci vuole tempo, ma da quando ha iniziato questo percorso è migliorato già tanto e da poco ha cominciato anche a cimentarsi con la Mobility Dog che lo aiuta a calmarsi, a riflettere e a collaborare con il proprio partner umano. Puntino non è ancora adottabile, ma Educatori e Volontari ce la stanno mettendo tutta, e anche lui.

– Melissa è una molossoide di media taglia di circa 2 anni in Canile da 1. È la più giovane del Progetto ed ha un carattere speciale. Appena viene liberata è sempre molto gioiosa e manifesta la sua felicità saltando. Non è mai aggressiva con le persone anzi, è molto curiosa e quando si calma si avvicina in cerca di contatto. È un po’ timorosa verso la figura maschile ma lei, nel dubbio, ci prova lo stesso a interagire anche se con più cautela rispetto alla figura femminile. Melissa è pronta per trovare la sua nuova casa. Per lei si cerca una famiglia che ami avere accanto un cane decisamente affettuoso e che abbia tempo da dedicarle, da impiegare in attività in cui farla concentrare e sentire utile poiché questo contribuisce a darle più sicurezza.

Tanto ancora ci sarebbe da dire su questi cani, così simili nelle loro tristi storie, che da quando hanno iniziato a seguire questo percorso di rieducazione col Progetto Working Dog hanno fatto dei progressi enormi. Ma non sono tanto le abilità o le competenze che stanno acquisendo a stupire. Del resto, sul fatto che un cane seguìto correttamente e con costanza avrebbe manifestato un miglioramento, c’erano pochi dubbi. È lo sguardo. Sono i loro occhi ad essere cambiati. Hanno un’aspettativa oggi. Quella di un futuro d’amore e libertà, fuori dal Canile.

Sfoglia online → archivio rivista “La Voce dei Senza Voce”


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa |
T A G , , , , , |
Lascia un commento

LEAL PER L’AMBIENTE E LE SCELTE ETICHE E SOSTENIBILI

Non possiamo fare a meno di notare come durante questa settimana dedicata all’ambiente sempre più persone stiano facendo il collegamento tra consumo di carne e l’impatto ambientale degli allevamenti, l’uso di estensioni di territorio necessarie per la coltivazione di cereali da destinare agli animali, il consumo di risorse quali l’acqua necessaria in tutte le fasi dell’industria della carne e derivati e dell’inquinamento dell’aria e delle falde acquifere a causa delle deiezioni.

Ma a fronte dell’impegno di pochi singoli attivisti e cittadini in questo nostro mondo sempre più globalizzato e alleato, come evidenziano i fatti, a danneggiare l’ambiente, le notizie che passano le agenzie sono allarmanti e anche sconfortanti. Ansa fa sapere che 10.000 tonnellate di maiale da riserve (immaginiamo quanti possano essere gli animali macellati per fare queste quantità) e di soia sono state acquistate dalla Cina, ma come annuncia il Ministero per il Commercio di Pechino saranno battute all’asta altre 10.000 tonnellate di maiale di riserve strategiche (→ ansa.it).

Tornando a una dimensione più nazionale, apprendiamo dal Rapporto Coop che gli italiani sono preoccupati per l’ambiente ma golosi di carne. Non ci si aspettava nulla di molto diverso, ma questo deve farci riflettere su come scelte personali edoniste ed egoistiche vengano messe ancora troppo spesso al primo posto a discapito dell’etica, della sicurezza ambientale e della salute. Avremo sicuramente ancora tanto lavoro di sensibilizzazione e di informazione quotidiana sulla scelta vegana, sul rispetto ambientale e sullo spreco delle risorse. Oggi siamo in tanti nelle piazze per contarci e per far sapere ai poteri forti che governano il Pianeta che non ci bastano parole e promesse ma servono decisioni importanti, irrevocabili e forse anche scomode per rallentare la devastazione della Terra (infografica dal → Rapporto Coop 2019).


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Ambiente, LEAL informa, veganismo |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento