LEAL: info dalle sezioni

LEAL logoDiamo il benvenuto a Stefania Sbarra che diventa responsabile della sezione storica di LEAL Sondrio. Ringraziamo Gianluca Moiser che rimane comunque con noi.

LEAL Sondrio
Stefania Sbarra, tel. 388 4725000
leal.sondrio.stefania@gmail.com

LEAL È IN ABRUZZO A PESCARA E A TERAMO

Diamo il benvenuto a Elvira Giancaterino, responsabile delle sezioni di Pescara e Teramo. La situazione sul territorio è davvero complessa e molto critica per gli animali e i volontari sono in perenne difficoltà e emergenza: Elvira ha bisogno del sostegno di tutti, anche del vostro. Buon lavoro Elvira!

LEAL Pescara e Teramo
Elvira Giancaterino, tel. 340 4950650
elvira.giancaterino@gmail.com

→ LEAL Pescara e Teramo pagina fb


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Sezioni |
T A G , , , , , , , |
Lascia un commento

“Come sono stati usati i fondi europei per il ripopolamento e reinserimento del lupo in Toscana e province di Trento e Bolzano?” Dopo le rivendicazione sull’uccisione dei lupi si chiede chiarezza

Le recenti dichiarazioni diffuse tramite agenzie di stampa in cui le Province autonome di Trento e di Bolzano e la Regione Toscana chiedono a Governo e Unione europea di poter gestire in autonomia i lupi, con la possibilità di abbattimenti selettivi in casi estremi, hanno suscitato l’indignazione di tanti cittadini e associazioni che tutelano i diritti degli animali.

LEAL FOTO LUPI

LEAL Lega Antivivisezionista e Progetto L.A.D.L. LE ALI DELLA LIBERTÀ sottolineano come queste istituzioni si sono infatti indiscutibilmente poste come esempi di etica nel rapporto Uomo Ambiente dinanzi a tutta l’Europa utilizzando fondi nazionali e della Unione Europea destinati al ripopolamento di questa particolare specie a rischio estinzione ed ora si arrogano unilateralmente ed a differenza di tutte le altre regioni italiane la libertà di uccidere degli esemplari di Lupo in base a un discrezionale giudizio di pericolosità.

“L’abbattimento locale – sottolineano Gian Marco Prampolini presidente LEAL e Myrta Bajamonte presidente L.A.D.L. in una nota congiunta alle Province autonome di Trento e di Bolzano e alla Regione Toscana – senza una politica comune con gli altri territori confinanti, risulta demagogica ed inutile se non francamente crudele, in spregio dell’art.544 bis Cp. È lapalissiano che la soppressione di un Lupo nella piccola realtà trentina nulla o poco risolverebbe alcun problema locale vista la contiguità di questa piccola provincia con gli altri territori nazionali. Va da sè che la uccisione anche di un solo Lupo sarebbe appunto solamente inutile e crudele, in spregio alle imperative leggi nazionali. Più coerente sarebbe stata una scelta protezionista in toto che non prendesse in alcun modo in considerazione l’abbattimento delle specie. Chiediamo inoltre di istituire un tavolo tecnico presso ognuna delle vostre sedi istituzionali all’interno del quale proporre soluzioni sostitutive a percorsi di abbattimento, quali sistemi di biologia e genetica applicata, che possano consentire eventuali controlli riproduttivi e determinazione degli esemplari maggiormente in grado di garantire la sopravvivenza della specie. Chiediamo inoltre come nostro diritto in quanto associazioni di tutela animali la documentazione relativa all’uso negli ultimi cinque anni di fondi comuni o nazionali volti al ripopolamento e reinserimento di esemplari della specie Canis Lupus Linnaeus sul rispettivo territorio e in ogni caso che attesti la ufficiale tracciabilità dei fondi da Voi ottenuti dalla Comunità europea per la protezione del Lupo”.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , , , , , , |
Lascia un commento

LEAL PARTECIPA AL BOETICO VEGAN FESTIVAL A BOLOGNA

BoEtico Vegan Festival
Bologna Parco dei Giardini
Associazione Ca’ Bura Onlus
via dell’Arcoveggio, 59/8
Ingresso libero

Il festival inizia il 31 agosto ma LEAL e le altre associazioni saranno ospiti nelle giornate del 1 e 2 settembre 2018.

definitivo LEAL AL BOETICO VEGAN FESTIVAL

Vi aspettiamo allo stand LEAL durante queste giornate così speciali per aggiornarvi sul nostro lavoro a tutela degli animali: abbiamo lavorato senza sosta ed ora a settembre ripartiremo con tante importanti novità! Potrete tra l’altro ritirare come sempre il nostro materiale informativo e acquistare il nostro merchandising etico.

Tutto il programma alla → pagina fb dell’evento


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, veganismo |
T A G , , , , |
Lascia un commento

Estate tempo di giochi anche all’aperto con il nostro amico cane: educare giocando per crescere insieme!

Estratto dall’ultimo numero della nostra rivista, da leggere e sfogliare online → “La Voce dei Senza Voce” n. 110

Se cerchiamo sul vocabolario la parola “giocare” viene descritta sinteticamente come dedicarsi a un gioco per ricreazione o passatempo. Per scoprire il vero significato però, bisogna scavare un po’ più a fondo e trovare quelle parole che ne fanno comprendere il reale valore quali complicità, affetto, fiducia, felicità, attenzione, concentrazione, riflessione, soddisfazione, serenità, apprendimento, emozione, condivisione. Ingredienti fondamentali per spiegare al meglio il concetto di gioco, proprio perché da questa divertente attività svolta insieme al nostro cane nasce e si rafforza la relazione, la nostra affinità reciproca.
Certamente occorrerà valutare l’individualità del soggetto per poter impostare al meglio ogni sessione ludica e non standardizzare le modalità di insegnamento senza tenere conto del carattere e delle reazioni del cane con cui ci approcciamo nel gioco, che comunque deve essere fatto con delle regole chiare e comprensibili, in un clima disteso e di allegria, in modo da evitare fraintendimenti e confusione: sentimenti che non lascerebbero un bel ricordo al cane del nostro tempo condiviso.

DI_BIASE_01

Una buona base di partenza però può essere definire uno start di inizio per attirare la sua attenzione, come un “Pronto?!” e uno stop di fine gioco per far capire al nostro cane che il momento ludico è terminato, come un “Finito”. Utile è quindi dare delle indicazioni vocali al cane come anche il “Vai” quando lanciamo una pallina, il “Prendi” quando gli offriamo una treccia o il “Lascia” quando chiediamo al nostro cane di cederci il suo gioco. Tante volte, senza accorgercene, accompagniamo tali richieste con la gestualità (come il braccio che si alza per lanciare l’oggetto, il braccio che si tende per proporre la treccia o il dito puntato verso terra quando chiediamo che lasci il gioco); tali gesti sono molto utili al nostro cane per comprendere chiaramente le nostre richieste e permettergli di collaborare facilmente nelle interazioni.

Palline e trecce sembrano essere i giochi maggiormente proposti ai nostri amici a 4 zampe. Ma come si possono gestire correttamente questi oggetti affinché si possa rendere il momento ludico anche costruttivo?
– LA PALLINA: consiglio di averne sempre due identiche in modo da impostare un gioco gratificante per il cane nell’inseguire una preda (la pallina) ma anche un gioco educativo con il proprio partner a due zampe (lo scambio). Se il cane ci starà lontano con la pallina in bocca, dovremo essere così bravi da rendere la nostra molto più interessante ai suoi occhi: lanciandola in aria, facendola suonare o usando toni allegri. Dovremo sempre guardare le sue risposte e non appena lascerà la sua pallina per venire da noi, gli lanceremo subito la nostra dalla parte opposta a dove ha lasciato l’altra, premiando la sua decisione.
– LA TRECCIA: consiglio sempre di scegliere la lunghezza e lo spessore adatto alla fisicità del cane con cui giocheremo in modo da impostare, non solo un gioco gratificante dal punto di vista fisico e competitivo (quante volte abbiamo osservato due cani contendersi pacificamente un legnetto?) ma anche perché gli permetteremo di usare la bocca per giocare con noi grazie ad un oggetto. Lo svolgimento corretto è quello di proporre al cane di afferrare la treccia che gli offriamo agitandola a terra e, una volta presa, effettuare una trazione lenta e calibrata alla stretta mandibolare del cane, esattamente come fanno tra simili. In questo gioco bisogna osservare molto attentamente i suoi movimenti per cercare di riproporli fedelmente ed evitare di fargli e di farci male. È un gioco di calma e concentrazione. Una competizione dove potrebbe vincere il cane ma anche il partner umano; in questo secondo caso il gioco dovrebbe proseguire lanciandogli ugualmente la treccia per concludere il gioco senza una sua reale sconfitta. Terminare il gioco facendo sì che il nostro cane ne esca spesso vincente è utile per mantenere la sua stabilità emotiva. In questo modo infatti, continuerà a credere nelle sue capacità e a provare piacere giocando insieme perché sarà contento di poter competere con noi senza che nasca un gioco negativo di sola forza.

Sia il gioco con la pallina che il gioco con la treccia sono molto utili per aumentare le capacità collaborative nel cane e per far crescere la fiducia e la complicità nel nostro rapporto, ma anche per abbassare il livello di possessività e di competitività che rischierebbero di sfociare in spiacevoli incomprensioni reciproche. Con entrambi è possibile giocarci oltre che in casa anche all’aperto, ma attenzione! nella stagione estiva, per salvaguardare la salute del nostro cane, è preferibile evitare gli orari centrali della giornata scegliendo invece le prime ore del mattino o del tardo pomeriggio; in presenza di altri cani nelle aree a loro dedicate, evitiamo nel modo più assoluto di giocare con qualunque oggetto per evitare litigi dettati dalla competizione, lasciando spazio alle interazioni intraspecifiche; per i cani anziani o con delle problematiche fisiche meglio orientare il momento ludico in attività di ricerca olfattiva o di problem solving per mantenere accesa la loro riflessività mentale senza sovraccaricare la struttura fisica.

Nel gioco non si deve mai richiedere una performance al cane: non avere aspettative è il segreto per rendere i momenti insieme, dei momenti speciali; si gioca per divertirci, per condividerci. Quindi non arrabbiamoci se il nostro cane riportandoci una pallina la lascia distante, ma premiamo anzi il fatto di averla lasciata per continuare a giocare con noi; non offendiamoci se una volta che il nostro cane, vincendo la treccia con cui stiamo facendo il tira e molla, si allontana per sdraiarsi trionfante lontano da noi ma sediamoci semplicemente accanto a lui dimostrandogli così che non siamo dei rivali ma dei compagni di gioco senza dover temere il “furto” della sua finta preda, acquisendo così ulteriore fiducia ai suoi occhi.

Infine, è un bene smettere di giocare con il nostro cane quando ci sembra soddisfatto e appagato pur senza essere eccessivamente stanco e, una volta messi via i giochi, dedicarci del tempo per riposare insieme ed insieme godere di quella sensazione di pace e benessere restando accanto a lui.

È il momento giusto per scambiarci delle coccole rilassanti, una parte importantissima della fine del gioco; quella del semplice far nulla, dello starsi vicini e del sentirsi l’uno per l’altro. Non c’è attimo migliore per ritrovarsi nell’unicità di una relazione speciale.

testo Francesca Di Biase
educatore e formatore cinofilo

→ ABC DOG Team A.S.D.
3339240420

 → ARCHIVIO “LA VOCE DEI SENZA VOCE” 

 → ABBONATI ALLA NOSTRA RIVISTA “LA VOCE DEI SENZA VOCE” 


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa |
T A G , , , , , |
Lascia un commento

Emergenza per tutti i mari della Terra

Solo il 13,2% degli oceani e dei mari del mondo può ancora essere classificato come incontaminato. A dirlo è uno studio capitanato dall’Università del Queensland e pubblicato sulla rivista Current Biology, che ha preso in esame le aree marine prive di impatti umani significativi come la pesca e il trasporto marittimo.

Ambiente_mare_inquinamento

Stando agli esperti, le uniche acque ancora intonse si trovano al Polo Nord, in Antartide e intorno ad alcune isole remote del Pacifico. “Le aree marine che possono essere considerate incontaminate stanno diventando sempre più rare poiché le imbarcazioni per la pesca e i trasporti commerciali marittimi stanno espandendo il loro raggio d’azione in quasi tutte le acque del mondo, mentre il deflusso dei sedimenti soffoca molte aree costiere – ha affermato il professore Kendall Jones dell’università australiana, autore principale dello studio -. I miglioramenti nella tecnologia di navigazione comportano che anche le aree più remote potrebbero essere minacciate in futuro, comprese le acque ricoperte di ghiaccio che sono ora accessibili a causa del cambiamento climatico”. A complicare la situazione, il fatto che la maggior parte dei mari ancora vergini non rientri in aree marine protette.

Dalla notizia battuta recentemente dall’Ansa arriva l’ulteriore conferma se mai ce ne fosse bisogno della totale e devastante ingerenza dell’uomo sull’ambiente, acque comprese. I mari come abbiamo più volte ricordato costituiscono una emergenza assoluta. Un ecosistema meraviglioso turbato e compremesso in molti casi irrimediabilmente da scarichi inquinati, plastica, imbarcazioni a motore, navi, petroliere, pesca indiscriminata. Ogni singolo deve impegnarsi a ridurre al minimo l’impatto ambientale seguento e sostenendo le campagne di informazione per la tutela dell’ambiente.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Ambiente, Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , , |
Lascia un commento

I cinque articoli più letti di luglio 2018

suini gestazione


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri, Sezioni, veganismo, Vivere eticamente |
T A G , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , |
Lascia un commento

Uccisione di KJ2: fissata udienza per il prossimo 31 ottobre a Trento. LEAL presente in aula

Nella serata di sabato 12 agosto 2017 gli agenti del corpo forestale della Provincia autonoma di Trento hanno abbattuto l’orsa KJ2 in attuazione dell’ordinanza emessa dal presidente della Provincia, Ugo Rossi, per garantire la sicurezza delle persone. Il provvedimento era stato emesso dopo che il 22 luglio, l’orsa aveva ferito un uomo che passeggiava nei boschi con il suo cane.

orsa kj2 per sito udienza_

LEAL aveva depositato opposizione all’archiviazione tramite il proprio rappresentante legale avvocato David Zanforlini. Secondo la Procura, la Provincia avrebbe agito in “stato di necessità” mentre secondo LEAL ci sono ancora diversi aspetti da chiarire.

Ricordiamo che la denuncia di LEAL andava oltre l’uccisione di KJ2, accusando la Provincia di Trento di aver messo in una condizione di non sopravvivenza i cuccioli. Gli orfani, dei quali non è stato fatto sapere più nulla, senza la tutela materna non erano in grado di sopravvivere, costretti a una condizione di pericolo e abbandono insopportabili.

La povera KJ2, accusata di aver ferito una persona, è stata velocemente giustiziata senza nemmeno valutare se si fosse trattato veramente di un’aggressione o piuttosto di un atto di difesa nei confronti di un uomo che era entrato nel suo territorio, in compagnia del proprio cane, e come da lui ammesso durante una intervista a un TG locale le aveva sferrato una bastonata come reazione alle rimostranze di KJ2 contro l’invasione.

“Non sono mai stati chiariti molti aspetti su questa crudele uccisione – dichiara Gian Marco Prampolini presidente LEAL -. Non è stata effettuata la cattura dell’orsa come inizialmente previsto e a distanza di una anno nessuno è riuscito a sapere che ne è stato dei cuccioli. Riscontriamo che anche con KJ2 il Trentino quando ha problemi con gli animali selvatici del territorio predilige la “soluzione finale” e così è stato anche per mamma orsa. Ricordiamo che l’art. 544bis del Codice Penale sanziona l’uccisione senza necessità di un animale”.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

Aperta per visite la Fattoria L’Arca sostenuta da LEAL

La Fattoria “L’Arca” è un progetto sostenuto da LEAL per diffondere la cultura del rispetto nei confronti di ogni specie animale e la scelta vegana. In questo paradiso i visitatori possono avvicinare gli animali e capire come tutti siano speciali, senzienti e abbiano diritto a una vita libera e dignitosa.

FATTORIA FERRARA LA STALLA 3

La Fattoria “L’Arca” di Lella e Gaetano, seguita da Stefania Corradini, responsabile LEAL sezione di Ferrara, è stata ufficialmente inaugurata il 28 luglio. Situata a Jolanda di Savoia, in una posizione privilegiata in mezzo alle campagne ferraresi. Una incantevole realtà rurale lontana dal traffico e dai centri abitati. Qui sono ospitati animali salvati dal mattatoio, da allevamenti intensivi, maltrattamento e abbandono: pony, conigli, galli e galline, maiali vietnamiti, pecore e caprette, 10 cani, 20 gatti, una volpe e delle tartarughe. Tutti questi animali riscattati da pericoli e indifferenza sono ospiti amati che vivono liberi, curati e accuditi per tutta la loro vita.

Tra loro ci sono degli animali che sono dei veri e propri personaggi: il cane Dino ha vissuto per nove lunghi e terribili anni nel canile di Palermo ed ora si gode le capriole sull’erba e una vita piena di attenzioni, la capretta Anima, resa disabile da un involontario calcio sferratole da un cavallo, ora si gode le passeggiate e la compagnia dei suoi simili grazie ad un carrellino costruito appositamente per lei, poi c’è la maialina Peppa che insaziabile di coccole e bocconcini non abbandona mai Lella e Gaetano e non diserta mai le occasioni conviviali! Gaetano ha realizzato uno splendido laghetto per ospitare i pesci di cui qualcuno si è voluto liberare e che ora nuotano sul fondo o a pelo d’acqua sotto le ninfee, le cascatelle e gli arricchimenti che fanno di questo specchio d’acqua un piccolo paradiso. Sotto il salice grande sono sistemati l’amaca e un tavolone dove durante la bella stagione si radunano gli ospiti per pranzi e merende a base di angurie e melone.

Lo spazio della Fattoria è davvero esteso, i tanti fiori, le piante di camomilla, i banani, il melograno, la vigna con uva dolcissima, e tante varietà di verdure coltivate con passione e senza alcun additivo chimico da Gaetano garantiscono bontà e profumi ad ogni pasto.

Chi ama gli animali, la natura, la pace può venire alla Fattoria “L’Arca” per una visita guidata previo appuntamento. Potrete godere della compagnia Lella e Gaetano e dei nostri amici; ingresso con offerta libera, con omaggio di alcuni prodotti stagionali dell’orto. Prenotazione al numero 3388852228.

Questo slideshow richiede JavaScript.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 

 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI!


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri, Sezioni |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

La lotta di LEAL al maltrattamento continua anche in vacanza

LEAL augura buone vacanze a chi ha a cuore il benessere e la tutela degli animali. Vi auguriamo di non vederne “delle belle” ma se vi dovesse
capitare di scoprire animali sofferenti e qualcosa che non va non delegate, non lanciate appelli a vuoto su fb. Voi siete lì sul posto a km zero: denunciate, intervenite, soccorrete! Un ritardo non cambia la vita ma per un animale in difficoltà può essere letale. SE TACI ACCONSENTI.

 Leggi e scarica gratuitamente 
→ Rapporto Maltrattamento Animale in Italia 2017
→ Rapporto Maltrattamento Animale in Italia 2016

DEF SE TACI ACCONSENTI 1


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Legislazione |
T A G , , , , , , , |
Lascia un commento

Kaos, il cane eroe del sisma di Amatrice, è morto avvelenato: LEAL ha già denunciato l’aumento di casi di avvelenamento e la necessità di modificare il nostro ordinamento

La morte di Kaos, giovane pastore tedesco, avvelenato nel cortile della sua casa a Sant’Eusanio Forconese in Abruzzo, ha colpito tantissime persone: era diventato un eroe da quando aveva affiancato i soccorritori nella ricerca dei dispersi nel terremoto del 24 agosto 2016 che distrusse Amatrice e altri paesi circostanti.

foto cane Kaos morto avvelenato_logo

Gian Marco Prampolini, presidente LEAL, condanna l’assassinio del cane: “La morte di Kaos fa capire quanta ignoranza e cattiveria regna nel genere umano. LEAL era ed è presente ad Amatrice contribuendo con aiuti per gli animali e la popolazione in difficoltà e continuerà ad essere solidale in memoria di questo fratello animale e delle tante persone locali che pur avendo perso tutto erano in prima fila per soccorrere umani e animali. Perché le persone pure e di buon cuore aiutano tutti dove possibile. Prossimamente torneremo ad Amatrice per nuovi aiuti destinati a chi si batte per i diritti degli animali e per dimostrare che troppa gente ignorante, ottusa e cattiva li sfrutta e li maltratta per crudeltà o per interesse economico. Onore quindi a questo eroico cane ed a quella gente civile che rende dignità all’Abruzzo”.

LEAL, che sta lavorando con il proprio team per le impellenti modifiche alla nostra Costituzione, aveva già denunciato con un comunicato stampa lo scorso 19 luglio l’aumento di casi di esche avvelenate e dell’impennata del numero di casi di morte per avvelenamento di tante specie animali, casi documentati nel “Rapporto Maltrattamento Animale in Italia” proprio in occasione del rinnovo dell’Ordinanza “Norme sul divieto di utilizzo e di detenzione di esche o di bocconi avvelenati” (http://www.gazzettaufficiale.it/eli/…/2018/07/13/18A04714/SG) ormai giunta alla sua settima proroga. LEAL giudica l’Ordinanza un deterrente, ma aveva ribadito la necessità di una modifica della nostra Costituzione che garantisca pene più severe per chi maltratta o uccide un animale.

 Leggi e scarica gratuitamente 
→ Rapporto Maltrattamento Animale in Italia 2017
→ Rapporto Maltrattamento Animale in Italia 2016


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega Antivivisezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE o BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT48U0335901600100000061270
. PayPal – online

LEAL DA 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE. AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri |
T A G , , , , |
Lascia un commento