LEAL SPOT 5×1000

ASCOLTA IL NOSTRO SPOT!

 

 


CATEGORIE LEAL informa |

Lascia un commento

IL MINISTERO DELLA SALUTE RISPONDE PICCHE ALLA RICHIESTA DI ABOLIZIONE ALLA DEROGA DELLA SOSTA DEGLI AGNELLI AL MATTATOIO

LEAL con associazioni, movimenti e singoli attivisti si è attivata per chiedere l’abrogazione della crudele sosta di 72 ore degli agnelli al mattatoio. La risposta del Ministero arriva motivando la sosta con la prevenzione per la Blue tongue (BT) malattia infettiva che colpisce gli ovini.

Potete leggere la lettera del Ministero qui.

LEAL conferma quanto sempre sottolineato: ogni specie animale ha diritto ad una vita libera e possibilmente felice e per cercare di garantire loro questo diritto LEAL sceglie e diffonde la scelta vegana.

→ Sanità Animale Blue tongue
→ LEAL mail bombing al Ministero


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Legislazione, Proteste e Incontri |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

LEAL IN AIUTO ALLE VOLONTARIE SANZIONATE PERCHÉ FUORI CASA PER PORTARE IL CIBO A CANI E GATTI

Durante l’emergenza sanitaria dettata dal coronavirus Covid-19 come misura di contenimento della pandemia sono state imposte a tutta la popolazione delle norme restrittive che limitano o vietano uscite e spostamenti. Grazie a deroghe ministeriali ad hoc i volontari e le volontarie che alimentano e accudiscono colonie feline e randagi possono avvalersi di deroghe ad hoc per garantire agli animali liberi una continuità di assistenza (*).

Purtroppo dalle tante segnalazioni in sede e al nostro ufficio legale apprendiamo che molti volontari e volontarie in numerose città italiane vengono fermati per controlli e sanzionati nonostante in quel momento dimostrino di esercitare un diritto oltre che a mettere a disposizione il proprio tempo e personali risorse economiche per vicariare le istituzioni spesso latitanti.

LEAL ha chiesto al proprio consulente legale avvocato Aurora Loprete di preparare un facsimile (potete scaricarlo qui) da compilare e presentare in Prefettura per chiedere l’annullamento dei verbali.

Per richiesta di contatto o consulenza con l’avvocato Loprete potete scrivere a:
leal.sede@libero.it


(*)
I volontari possono accudire colonie di animali randagi come previsto dal Decreto del Ministero della Salute 12 marzo 2020 dotandosi di una autocertificazione e atti giustificativi quali nomina di delegata/o, volontario di associazione, riconoscimento colonia del Comune. Nel caso di colonia ancora non riconosciuta produrre la domanda di riconoscimento se in corso o materiale utile a provarne l’esistenza (foto o altra documentazione). L’accudimento e la cura delle colonie feline e dei gatti in stato di libertà sono garantite dalla Legge 281/91, come si evince dal DPCM del 22 marzo 2020 che richiama l’ordinanza del Ministero della Salute del 2 marzo 2020 da cui si ricava la legittimità di provvedere alla cura e somministrazione di acqua e cibo agli animali per tutelare la loro sussistenza.
Ci si può recare presso strutture gestite da volontari per “accudimento e gestione degli animali presenti nelle strutture zootecniche registrate/autorizzate dal servizio veterinario ivi compresi canili, gattili” (Decreto Ministero Salute 12 marzo 2020). In ogni caso attenersi a quanto stabilito dai gestori della struttura stessa.

→ Animali e coronavirus: il vademecum di LEAL


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Legislazione |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

LEAL – MAIL BOMBING AL MINISTERO PER CHIEDERE L’ABROGAZIONE DELLA DEROGA CHE CONSENTE UNA SOSTA DI 72 ORE AL MATTATOIO AGLI AGNELLI MANDATI A MORTE PER LA PASQUA

Apprendiamo dai comunicati che anche quest’anno è stato prolungato fino a SETTANTADUE (72) ore il tempo di attesa degli agnelli prima di essere uccisi.

Un tempo così prolungato può essere equiparato ad una barbarie che viene a rendere ancora più traumatica la breve vita di queste creature. I cuccioli di ogni specie dovrebbero stare con le madri e non essere fatti nascere per essere mangiati, né, tantomeno, dovrebbero trascorrere le ore piangendo, terrorizzati, in attesa della macellazione. Una scelta che privilegia le ragioni economiche a tutela di un comparto sempre molto garantito.

Il direttivo di LEAL ha inviato una Pec al Ministro Roberto Speranza e al Direttore Generale Silvio Borrello per chiedere di abrogare questa crudele agonia. Scriviamo tutti utilizzando il testo facsimile che vi proponiamo, e ricordiamo che ogni essere ha diritto alla vita e l’unica soluzione compassionevole è la scelta vegana da adottare e diffondere.

TESTO PER SILVIO BORRELLO – SANITÀ ANIMALE

sanita.animale@sanita.it
PEC: dgsa@postacert.sanita.it

Al Direttore Generale della Sanità animali e farmaci veterinari
dott. Silvio Borrello

Nel momento in cui il paese sta vivendo l’emergenza covid 19, è da ritenersi quantomeno inconcepibile la nuova ed ulteriore deroga ad opera del Ministero della Salute per il trasporto e la macellazione di ovini e caprini.
La circolare emanata dal ministero della salute firmata dal Direttore Generale dott. Borrello conferma per quest’anno, come negli anni precedenti, una grave deroga alle disposizioni di legge permettendo che gli agnelli sostino fino a 3 giorni prima della macellazione. Questo provvedimento, emanato ad esclusivo favore del comparto zootecnico (allevatori di ovini e caprini) non solo non tiene conto della sofferenza degli animali (stressati poiché tolti alle madri, sottoposti a lunghi viaggi stipati su camion e costretti a vivere per giorni ammassati senza la sicurezza che siano rispettate le adeguate condizioni igieniche) ma neppure della salute pubblica.
In quanto associazione che si adopera per il benessere animale, e in quanto cittadini che rispettano le normative, non possiamo accettare che in questo comparto specifico si agisca in virtù di una deroga che rischia di aumentare l’attuale crisi sanitaria in atto. Riteniamo quanto meno irresponsabile, nei confronti degli animali e della salute pubblica, un provvedimento di tale natura che consente di bypassare le regole in un comparto in cui dove l’assembramento e l’ambiente risultano già di per sè non salutari.
Qualora, per deroghe o inadempienze, venissero disattesi i minimi standard di sicurezza, riportati nei DPCM (distanze di sicurezza e divieto di assembramento), e si verificassero contagi di coronavirus tra gli addetti e/o i consumatori di carne, gli animali verrebbero automaticamente accusati di aver diffuso il virus e questo porterebbe in ogni caso ad un peggioramento delle loro condizioni di vita, già miserabili in molti casi, oltre che ad un peggioramento dell’emergenza in corso.
CHIEDIAMO di attenersi alla legge e di NON DEROGARE DALLA NORMA NEL MOMENTO ATTUALE. CHIEDIAMO altresì di EVITARE DEFINITIVAMENTE DI CONTRAVVENIRE ALLA LEGGE in futuro emanando deroghe simili, cosa che invece accade da anni.

Nome Cognome e città

 

TESTO PER IL MINISTRO SPERANZA

segreteriaministro@sanita.it

Al Ministro della Salute
Onorevole Roberto Speranza

Nel momento in cui il paese sta vivendo l’emergenza covid 19, è da ritenersi quantomeno inconcepibile la nuova ed ulteriore deroga ad opera del Ministero della Salute per il trasporto e la macellazione di ovini e caprini. La circolare emanata dal ministero della salute firmata dal Direttore Generale dottor Silvio Borrello conferma per quest’anno, come negli anni precedenti, una grave deroga alle disposizioni di legge permettendo che gli agnelli sostino fino a 3 giorni prima della macellazione. Questo provvedimento, emanato ad esclusivo favore del comparto zootecnico (allevatori di ovini e caprini) non solo non tiene conto della sofferenza degli animali (stressati poiché tolti alle madri, sottoposti a lunghi viaggi stipati su camion e costretti a vivere per giorni ammassati senza la sicurezza che siano rispettate le adeguate condizioni igieniche) ma neppure della salute pubblica.
In quanto associazione che si adopera per il benessere animale, e in quanto cittadini che rispettano le normative, non possiamo accettare che in questo comparto specifico si agisca in virtù di una deroga che rischia di aumentare l’attuale crisi sanitaria in atto. Riteniamo quanto meno irresponsabile, nei confronti degli animali e della salute pubblica, un provvedimento di tale natura che consente di bypassare le regole in un comparto in cui dove l’assembramento e l’ambiente risultano già di per sè non salutari.
Qualora, per deroghe o inadempienze, venissero disattesi i minimi standard di sicurezza, riportati nei DPCM (distanze di sicurezza e divieto di assembramento), e si verificassero contagi di coronavirus tra gli addetti e/o i consumatori di carne, gli animali verrebbero automaticamente accusati di aver diffuso il virus e questo porterebbe in ogni caso ad un peggioramento delle loro condizioni di vita, già miserabili in molti casi, oltre che ad un peggioramento dell’emergenza in corso.
CHIEDIAMO perciò a Lei, Ministro, di farsi portavoce delle nostre richieste chiedendo al Ministero della Salute e al Direttore Generale dott. Silvio Borrello di attenersi alla legge e di NON DEROGARE DALLA NORMA NEL MOMENTO ATTUALE. CHIEDIAMO altresì di EVITARE DEFINITIVAMENTE DI CONTRAVVENIRE ALLA LEGGE in futuro emanando deroghe simili, cosa che invece accade da anni.

Nome Cognome e città


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Legislazione, veganismo, Vivere eticamente |
T A G , , , , , , , |
Lascia un commento

BURIONI E CORONAVIRUS: “ANIMALI CONTAGIATI? POSSIAMO SPERIMENTARE IL VACCINO”

Il controverso televirologo Roberto Burioni, fondatore dell’ancora più controverso Patto Trasversale per la Scienza da ultimo è stato attaccato da più parti per una sua personale crociata a favore della censura [**] contro le fake news di colleghi, ricercatori (tra questi il dottor Stefano Montanari nei confronti del quale ha presentato un esposto in Procura) e dei media non allineati al pensiero unico scientifico.

Ma è stato durante la puntata di domenica 5 aprile, ospite a Che tempo che fa (*) di Fabio Fazio che Burioni ha giocato l’asso. Una mossa volta a far vacillare ancora una volta la sua credibilità.

“Sembra che gli animali possano essere contagiati, non sappiamo se possano contagiarci, non c’è evidenza di questo. Il fatto che gli animali possano essere contagiati non è solo un elemento negativo… Nel pieno rispetto degli animali e senza farli soffrire, il fatto che possano contrarre la malattia in forma molto lieve ci potrà dare un notevole vantaggio nella sperimentazione dei vaccini. Potremo sperimentare i vaccini su di loro e vedere se sono protetti i nostri amici a quattro zampe possono aiutarci a sconfiggere questa malattia”. Sono le affermazioni di Roberto Burioni e le rassicurazioni irrisorie sul fatto che gli animali non saranno fatti soffrire sono di fatto offensive per tutti i cittadini, gli scienziati, i medici e i ricercatori che chiedono e difendono la ricerca senza animali.

Di fronte ad una “scienza” vivisettoria che vive di postulati e che si pone in modo sprezzante nei confronti dell’etica e del rispetto della vita e della dignità di ogni vivente LEAL ricorda che grazie grazie agli animali uccisi nei laboratori i ricercatori hanno sicuramente sempre ottenuto finanziamenti e progredito nella loro carriera ma la ricerca ha subito ritardi a discapito di tanti malati che sono morti con la speranza di una guarigione o di un rimedio alla loro sofferenza.

(*)
→ Link alla puntata di Che tempo che fa Rai2

[**]
→ ll pensiero del dottor Stefano Montanari

→ Ministero della Salute. GLI ANIMALI DOMESTICI NON CI CONTAGIANO

→ ISS Istituto Superiore della Sanità


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivisezione |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

COVID-19: La Prof. MIRTA BAIAMONTE, Consulente Scientifico LEAL Lega AntiVIVIsezionista, CONTESTA I METODI SCIENTIFICI CHE NON HANNO NESSUN RISCONTRO SUI RISULTATI OTTENUTI TRAMITE LA SPERIMENTAZIONE ANIMALE

… “ancora una volta, anche per il COVID-19, non si è certi in modo netto e chiaro dei risultati e che tutto ciò che ancora oggi viene sperimentato sull’animale trova il suo fallimento nell’applicazione clinica sull’uomo.”

“Per entrare nel merito dell’attuale pandemia, la cui causa è il nuovo Corona virus, scientificamente SARS-CoV2, responsabile di una patologia che colpisce le vie respiratorie chiamata COVID-19, la proiezione di ricerca al fine di trovare soluzioni terapeutiche per coloro che hanno la malattia, e di natura preventiva per chi ne e’ oggi esente, non da’ neanche in questo caso segnali di cambiamenti di rotta in termini di scelta degli studi diretti sull’uomo, ma reitera il fallimento dello studio sull’animale.
Vero e’ che dalle indagini fatte, il SARS-CoV2 parte dalle specie animali, ma e’ altrettanto scientificamente verificato che il ceppo virale cambiando continuamente ospite e quindi progredendo da una specie animale ad un’ altra abbia subito delle mutazioni che hanno reso il ceppo di attacco alla specie animale “uomo” specie specifico, motivo per cui la trasmissione avviene esclusivamente da uomo a uomo. Cio’ rende obbligatorio il concentrare gli sforzi sulla sperimentazione umana, abolendo le arcaiche metodologie di sperimentazione animale.”

TESTO INTEGRALE

La PhD. Prof. Mirta Baiamonte, Biomedico, Biotecnologo, Embriologo Clinico specializzato in Fisiopatologia della Riproduzione Umana e Bio Banche di Organi e Tessuti Umani per la Ricerca Human Based, Dottore in Ricerca in Neuroscienze e Neuropsicobiologia, Vice Direttore Generale dell’Istituto C.E.R.H.M. per lo studio di Microbioma Umano, Presidente di PENCO Bioscience, Vice Presidente LIMAV OdV Italia, Consulente Scientifico LEAL LEGA ANTIVIVISEZIONISTA e Direttore Scientifico LIMAV Internazionale, ha voluto precisare che le affermazioni riportate da stampa e interviste in cui vengono rese pubbliche metodi scientifici che non hanno nessun riscontro sui risultati ottenuti tramite la sperimentazione animale, ancora una volta, anche per il COVID-19 non si è certi in modo netto e chiaro dei risultati e che tutto ciò che ancora oggi viene sperimentato sull’animale trova il suo fallimento nell’applicazione clinica sull’uomo. Precisa la Prof. Mirta Baiamonte, ad oggi patologie come Alzheimer, Parkinson, SLA, Sclerosi Multipla, Autismo, Disturbi bipolari, Diabete, diverse forme di K ( carcinoma ), diverse forme di patologie degli apparati riproduttivi maschile e femminile ( cause di infertilità o sterilità ) trovano terreno fertile nell’uomo perché’ mai indagate in modo diretto sulla specie umana.

Per entrare nel merito dell’attuale pandemia, la cui causa è il nuovo Corona virus, scientificamente SARS-CoV2, responsabile di una patologia che colpisce le vie respiratorie chiamata COVID-19, la proiezione di ricerca al fine di trovare soluzioni terapeutiche per coloro che hanno la malattia, e di natura preventiva per chi ne e’ oggi esente, non da’ neanche in questo caso segnali di cambiamenti di rotta in termini di scelta degli studi diretti sull’uomo, ma reitera il fallimento dello studio sull’animale.

Vero e’ che dalle indagini fatte, il SARS-CoV2 parte dalle specie animali, ma e’ altrettanto scientificamente verificato che il ceppo virale cambiando continuamente ospite e quindi progredendo da una specie animale ad un’ altra abbia subito delle mutazioni che hanno reso il ceppo di attacco alla specie animale “uomo” specie specifico, motivo per cui la trasmissione avviene esclusivamente da uomo a uomo. Cio’ rende obbligatorio il concentrare gli sforzi sulla sperimentazione umana, abolendo le arcaiche metodologie di sperimentazione animale. Ancora oggi si parla di vaccino (probabilmente pronto tra 2 anni ) e di farmaci antivirali. I primi dati che arrivano circa l’uso dell’antivirale, e in questo ambito di molecole differenti, e che non fanno nulla.

Nessuno, se non pochi e non ascoltati, spinge verso l’ozonoterapia: l’ozono è un gas che, in natura, si forma nell’atmosfera grazie a scariche elettriche che modificano la stabile struttura molecolare dell’ossigeno (O2), trasformandolo in O3. Proprio dall’instabilità di questo gas derivano le sue proprietà benefiche. Esponenti della SIOOT confermano che l’ozono e’ in grado di distruggere batteri e virus. Grazie alla sua capacità di ossidazione, uccide i batteri attaccando la struttura molecolare delle loro membrane protettive e alterandone gli enzimi interni. Modificando la composizione molecolare di muffe, funghi e alghe, riesce ad annientarli. L’ozono è inoltre in grado di penetrare nelle strutture interne dei virus, danneggiando gli acidi nucleici virali e impedendo così la loro replicazione. Non esiste quindi batterio, virus o fungo che possa resistere a una corretta dose di ozono, somministrata nei tempi giusti. Inoltre, normalizza e riequilibra il sistema immunitario, intervenendo contro le immunodeficienze e contro le risposte in eccesso come, per esempio, nel caso delle allergie. Senza dimenticare le sue proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie, e la capacità di migliorare il metabolismo cellulare. La terapia con ossigeno ozono ha un’azione virustatica nel momento in cui il virus è presente all’interno dell’organismo umano, fermando così la replicazione del virus.

Ci si chiede come si possa ancora oggi, dinanzi a drammatiche situazioni che stanno mettendo in ginocchio le differenti nazioni del mondo , dinanzi ad una pandemia che sta mietendo vittime in modo determinato e veloce , utilizzare sempre le stesse note musicali, stonatissime, nel valutare lo studio per prendere in mano la situazione da un punto di vista di ricerca scientifica che possa dare i giusti protocolli clinici, non grazie a studi diretti sull’uomo, visto che il ceppo virale del nuovo coronavirus e’ divenuto altamente specie specifico, ma ancora sull’animale. A questo si aggiunge la scelta di inoculare il virus, e a concentrazioni elevatissime, su cani e gatti, partendo dalla Cina, seguita adesso dagli Stati Uniti, per scoprire che il gatto e’ resistente al virus, il cane sviluppa dei sintomi, e che i proprietari sembra che abbiano trasmesso il virus al proprio animale domestico, quindi, addirittura, essendo l’uomo ad essere il danno per l’animale e non il contrario. Ci si chiede quindi perche’ causarne la malattia artificialmente. Quid prodest? Sorge una riflessione doverosa e che fermi soprattutto l’offesa all’intelligenza dell’ essere umano, soprattutto per gli “addetti ai lavori”: a cosa serve andare ad inoculare il virus, e anche ad alte dosi al cane e al gatto, creando un contesto di patologia artificiale ( indotta farmacologicamente ) e non naturale, dove il sistema immunitario dell’animale viene sottoposto ad una condizione di stress, scelta dalla mano dell’uomo e non da un percorso naturale, a maggior ragione dopo che e’ stato gia’ ampiamente spiegato dalla Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani ( FNOVI) che gli animali non si ammalano di COVID-19 e non lo trasmettono?; e come si puo’ accettare che in questi giorni la Federazione Italiana Scienze della Vita torna a chiedere che in Italia si possano fare le sperimentazioni animali cosi’ come sono possibili gia’ negli altri paesi europei, anche per il COVD-19 ?; non e’ ammissibile che non si tenga conto della rivoluzione che sta nascendo nell’ambito della produzione dei farmaci, ovvero la nuova era dei farmaci a DNA. Infatti, il sequenziamento del genoma umano e la possibilita’ di sintetizzare su misura brevi sequenze di acidi nucleici, hanno aperto la strada allo sviluppo di terapie che intervengono direttamente sul DNA umano, e non su DNA di primati non umani; ovvero la costruzione di nuovi geni per la sostituzione di quelli mal funzionanti, o di costruirne dei nuovi per “silenziare” i geni umani causa di patologie umane. Questo tipo di principi attivi sono definiti SNA, Acidi Nucleici Sferici, di estrema efficacia, dotati di alta capacita’ di introduzione nelle cellule umane, addirittura aprendo alla possibilita’ di differenziare la tipologia di terapie rispettando le differenze etniche, verificando infatti gia’ risultati su soggetti di pelle bianca per alcune patologie, non considerando varianti geniche che provocano malattie differenti in persone non bianche. Gia’ un tale dato frutto di studio sull’uomo, rende perfettamente chiaro un altro dato: se le variabili all’interno della specie umana sono cosi’ dettagliatamente alte, affidate al DNA, come si puo’ concepire ancora oggi lo studio di patologie su altre specie animali differenti dall’uomo, dove le altrettante variabili sono specie specifiche e intra specifiche ?. Per restare sulla SARS-COV2, le SNA possono essere sia molecole di DNA che molecole di RNA, e possono essere in grado di aggredire tumori cerebrali e altre malattie che sfuggono ai farmaci progettati in modo convenzionale, come prima riportato. Pertanto, in presenza dei tragici eventi confermati dai numeri impressionanti di deceduti, dove si possono sviluppare in ambito di terapia medica farmaci di dimensioni nanometriche che viaggino nel corpo, composti da oligonucleotidi, cioè’ filamenti di DNA o RNA (quest’ultimo utile nel caso dei virus) in grado di dire alla cellula cosa deve fare cosa non deve fare, e’ inaudito che si debba sentire un politico come Matteo Renzi che in una intervista di questi giorni invita gli italiani a prepararsi a convivere con il Coronavirus per almeno 2 anni, il tempo per produrre il nuovo vaccino in questione. Ci si domanda, per cosa ?. I tempi di un fantomatico altro vaccino, frutto di sperimentazione animale, che, nel momento in cui va in commercio, risulta “operativo” su un circuito dove il SARS-CoV2 e’ gia’ nuovamente mutato molte volte, per assumere un “volto” genetico differente e nuovo ?. Al contrario, si parla gia’ di applicazione delle SNA direttamente sull’uomo, e quindi, sarebbe utile iniziare ad indirizzare gli sforzi verso nuove metodologie, mirate, “chirurgiche” a livello biomolecolare, dirette, radicali, veloci. E noi cosa pensiamo ? su cosa argomentiamo ? ancora di sperimentazione animale ? e con quale rispetto verso tutti i defunti da COVD – 19 ? e con quale rispetto verso chi ancora risulta esente da sintomi ?. Gli SNA oggi eviterebbero i problemi che hanno pesato sui tentativi di sviluppo dei farmaci tradizionali. Questi ultimi sono aspecifici, ovvero sono farmaci che possono agire su molti organi e cellule, non soltanto su quelli malati, e quindi generano diversi effetti collaterali, dove, gli attuali foglietti illustrativi delle scatole dei farmaci, ne riportano quantità’ industriali, e’ proprio il caso di definirli “industriali”. Gli SNA, possono invece essere progettati per interferire ed agire solo sui geni che vengono identificati come cause di determinate malattie, o con le molecole che trasmettono le istruzioni date dai geni per controllare e direzionare il comportamento di una cellula o di un organo. Per tale motivo, il National Institutes of Health, gia’ dal 2018, ha lanciato un programma di reclutamento dati a un milione di persone, di differente provenienza etnica, di fornirci informazioni sanitarie di ogni genere lungo il corso della propria vita.

Hanno gia’ aderito 250.000 persone, e possono aderire tramite un sito web, attraverso il quale mettono a disposizione della ricerca cartelle cliniche, rispondono a questionari su salute, stili di vita, aggiungendo punti di reclutamento in ospedali e centri medici dove gli aderenti allo studio human based possono portare campioni di sangue e urine per aiutare i ricercatori a studiare il loro DNA. Questa deve essere la nuova proiezione della ricerca scientifica. Lo studio sull’uomo per l’uomo. Lo studio sul Microbioma Umano oggi sta dando risultati sorprendenti per comprendere l’origine di molte patologie e il metodo per la loro prevenzione oltre per la loro cura. E anche qui si studia l’infinito mondo dei virus, dei batteri e dei miceti (funghi) che vivono in simbiosi con noi, e che delle variabili dello stato della nostra salute sono spessissimo causa. Il dramma della SARS-CoV2, causa del COVID-19, richiede lo studio su specie umana, e la sperimentazione direttamente sull’uomo. In ambiti scientifici human based, dove si studiano le funzioni degli organi on chips, dove si riproducono organi e tessuti su stampanti 3D, le pagine della arcaica ricerca si muovono sulle note della sperimentazione animale, sul pensare a come produrre il nuovo vaccino dell’era attuale, vaccino si ma non proveniente da studi sull’animale, piuttosto e soltanto da studi sull’uomo. Aggiungo, infine, nel rispetto di tutti gli esseri senzienti, altresì’, immorale, oltre che irresponsabile fare delle dichiarazioni alimentando solo ed esclusivamente ulteriori allarmismi inducendo confusione presso l’opinione pubblica che non essendo addetta ai lavori, penserà bene di sbarazzarsi dei propri animali domestici causando altre forme di isteria di un popolo che versa ormai nel totale sbaraglio frutto di un potenziale caos irrazionale. Preciso che la mia volontà’ cosi’ come quella di tanti altri miei colleghi vuole essere quella di fare chiarezza sugli aspetti scientifici nell’interesse soprattutto della popolazione, oltre che degli animali tutti.

Antonino Mario D’Agostino

→ Fonte L’Ora


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Vivisezione |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

I cinque articoli più letti di marzo 2020

→ ISCRIVITI A LEAL!



LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Proteste e Incontri, Vivere eticamente, Vivisezione |
T A G , , , , , , , , , , , , , , , , , |
Lascia un commento

LEAL – AGNELLI E CAPRETTI: VOGLIONO INVERTIRE I RUOLI NEL GIOCO DELLE PARTI, GLI ALLEVATORI DA CARNEFICI A VITTIME!

Il riconoscimento dei diritti di ogni essere vivente parte dal diritto alla vita. Nel pieno rispetto di questa verità LEAL diffonde la scelta vegana come l’unica davvero sostenibile. Questa filosofia coerente e rigorosa è imprescindibile da uno stile di vita senza crudeltà nei confronti di animali e ambiente.

La raccomandazione di una conversazione al vegan in ogni momento in occasione delle festività, si contrappone con forza rispetto alle scelte alimentari e agli incitamenti di consumo da parte dei portatori di interesse che nascondono la brutalità, la sofferenza, l’agonia e la morte al fine di un ideale e sempre crescente aumento dei guadagni.

Ed ecco che Confagricultura e Coldiretti scendono in campo a gamba tesa e fazzoletto in mano ripetendo il mantra del mantenimento delle tradizioni e chiedendo di sostenere lo sporco mercato di animali allevati e uccisi per le festività pasquali. In previsione della ricorrenza viene abitualmente programmato un aumento di nascite di agnelli e capretti del 90% e le associazioni di categoria stimano che in Italia si allevino 2,8 milioni di ovini e 150mila di caprini. Cifre forse anche sottostimate visto che nel comunicato diffuso da Agensir si parla di 60 mila pastori (ovvero ALLEVATORI) da salvare. (*)

Inoltre Confagricoltura afferma cinicamente che “le vendite sono ferme ma la produzione continua, così come i costi. Gli animali non si possono fermare, vanno nutriti e continuano a fare latte, e questo porta ad un esubero di prodotti”.

“Gli animali morti non sono prodotti – sottolinea Gian Marco Prampolini presidente LEAL –. Come sempre e non solo in occasione della Pasqua o delle festività comandate raccomandiamo di rinunciare al consumo di carne e prodotti di origine e animale e ci auguriamo che il drastico calo dei consumi derivato da una necessaria conversione verso uno stile di vita vegano convinca tanti allevatori a riconvertire la propria attività nella coltivazione di prodotti ortofrutticoli biologici, ecosostenibili e biodinamici verso i quali esiste una domanda sempre in crescita. Cambiare si può e si deve, facciamo in modo che questa terribile contingenza porti ad una maggiore propensione al rispetto e a modificare il proprio stile di vita”.

(*)
→ Agensir – Coldiretti


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE LEAL informa, veganismo, Vivere eticamente |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

ANIMALI IN TEMPO DI CORONAVIRUS: VITTIME DELLA BUROCRAZIA E DELLA DISINFORMAZIONE

Troppo spesso LEAL, come associazione animalista, si trova a dover affrontare ostacoli burocratici nel cercare di far rispettare le leggi che tutelano gli animali in materia di prevenzione (Legge 281/91).

È importante ricordare che ogni Sindaco è responsabile oltre che dei cittadini anche degli animali. Quindi deve rispondere anche dei canili o gattili del luogo di pertinenza così come dei randagi.

In questi giorni di decreti e di zone rosse troppo spesso ci siamo imbattuti in divieti inesistenti, come quello di poter portare cibo ed acqua ed eventuali cure agli animali bisognosi. Divieti che non hanno ragione di esistere dal momento che i Comuni stessi dovrebbero fare informazione per ribadire che gli animali non sono portatori di questo virus contribuendo in questo modo ad evitare l’abbandono degli animali stessi. L’opera di sensibilizzazione contro l’abbandono andrebbe portata avanti in modo continuativo tenendo conto che l’abbandono oltre ad essere un terribile trauma per l’animale diventa anche un costo per la società. Il denaro pubblico dovrebbe essere usato non per sovvenzionare canili che spesso non rispettano il benessere animale ma utilizzato in campagne di sterilizzazione. La riduzione del randagismo porterebbe ad aver meno bisogno di strutture che equivalgono a prigioni per gli animali e come detto ad una riduzione di costi.

Sarebbe importante inoltre che le associazioni animaliste potessero entrare come organo di controllo nelle strutture che accolgono gli animali. Lo stesso canile dovrebbe diventare un luogo di cultura dove poter portare alunni per spiegare il fenomeno del randagismo ed incrementare le adozioni.

Troppo spesso veniamo a conoscenza di deportazioni di animali che diventano invisibili dopo essere stati spostati verso chissà quali terribili destinazioni: vivisezione, zooerastia, traffici in generale e magari cucine. Sembra impossibile ma ogni anno migliaia di cani spariscono nel nulla per questi traffici illeciti.

Quindi aiutare gli animali in difficoltà significa sempre, e mai come in questo momento, svolgere un servizio alla comunità senza chiedere risorse pubbliche. Lo Stato e di conseguenza anche i Comuni come Istituzione dovrebbero allertarsi per vigilare e sostenere questo percorso non lasciando solo al volontariato, e purtroppo a volte contrastandolo, il compito di portare avanti una battaglia di civiltà.

Gian Marco Prampolini
Presidente LEAL Lega AntiVIVIsezionista


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Legislazione, Vivisezione |
T A G , , , , , , |
Lascia un commento

28 MARZO 2020 LEAL CELEBRA LA GIORNATA MONDIALE PER LA FINE DELLA PESCA

Una giornata mondiale che si celebra ogni anno il quarto sabato di marzo. Un momento di ripensamento al quale LEAL oggi in una contingenza di lockdown per le disposizioni di contenimento della diffusione del coronavirus Covid-19 aderisce solo virtualmente ma che ha sostenuto anche facendo informazioni nelle piazze per sensibilizzare su quella che ormai è diventata una assoluta e inascoltata necessità e una doverosa scelta morale: l’abolizione dello sfruttamento degli animali acquatici.

Ricordiamo che la pesca con l’inquinamento e la plastica sta causando la distruzione di tutto l’ecosistema. LEAL sottoscrive la richiesta di ABOLIZIONE DELLA PESCA e totale chiusura degli allevamenti ittici perché doveroso e coerente. È necessario denunciare la strage di pesci e porre l’accento oltre che sulla distruzione ambientale anche sulla totale mancanza di etica che deriva dallo sfruttamento degli abitanti di mari, fiumi e laghi. Esseri senzienti e individui uccisi da una umanità in balia di un istinto predatorio fuori controllo che fa prevedere che nel 2048/2050 gli ambienti marini saranno parzialmente o totalmente vuoti e questo darà il via ad una seria minaccia per la vita di ogni essere presente sul pianeta.

Il concetto di violenza è uno e deve valere per tutti i viventi e tutto quello che facciamo contro gli animali acquatici è inaccettabile in quanto violenza. LEAL promuove una scelta vegana e uno stile di vita che rispetti il pianeta e tuteli ogni forma di vita.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323


LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa, Vivere eticamente |
T A G , , , , , |
Lascia un commento

Animali e coronavirus: il vademecum di LEAL

L’attuale emergenza sanitaria sta cambiando i nostri comportamenti e i nostri rapporti con gli animali, sia domestici che selvatici o randagi.
LEAL ha approntato un vademecum, che verrà costantemente aggiornato con le disposizioni normative, invitandovi a verificare e rispettare Ordinanze Regionali o Comunali più restrittive al link della → Protezione Civile. Per ulteriori informazioni più generali vi invitiamo a documentarvi attraverso i canali ufficiali del → Ministero della Salute.

Per emergenze gli uffici di LEAL Nazionale sono operativi al numero della sede nazionale al numero 02 29401323.

1. Gli animali domestici non si ammalano né trasmettono il Covid19 come affermano il → Ministero della Salute e la Federazione Nazionale Ordini Veterinari Italiani → FNOVI.

2. Rispettare le disposizioni normative: no assembramenti, tenere distanza interpersonale di almeno un metro, lavarsi spesso le mani, indossare mascherina e guanti, uscire solo se strettamente necessario.

3. Avere con sé l’autocertificazione (puoi scaricarla → a questo link) e un documento di identità. Per chi non avesse a disposizione una stampante, può anche trascriverne a mano il contenuto. In ogni caso le Forze di Polizia, i Carabinieri ecc. dovrebbero averne una copia da compilare al momento.

4. Le regolari uscite del cane in quanto stato di necessità devono rispettare la disposizione che prevede una distanza massima dall’abitazione di 200 metri. Nelle aree cani bisogna mantenere la distanza di un metro tra le persone. Verificare che l’area non sia stata chiusa da Ordinanza Comunale.

5. Volontari e tutor possono accudire colonie di animali randagi come previsto dal Decreto del Ministero della Salute 12 marzo 2020 dotandosi di una autocertificazione e atti giustificativi quali nomina di delegata/o, volontario di associazione, riconoscimento colonia del Comune. Nel caso di colonia ancora non riconosciuta produrre la domanda di riconoscimento se in corso o materiale utile a provarne l’esistenza (foto o altra documentazione). L’accudimento e la cura delle colonie feline e dei gatti in stato di libertà sono garantite dalla Legge 281/91, come si evince dal DPCM del 22 marzo 2020 che richiama l’ordinanza del Ministero della Salute del 2 marzo 2020 da cui si ricava la legittimità di provvedere alla cura e somministrazione di acqua e cibo agli animali per tutelare la loro sussistenza.

6. Ci si può recare presso strutture gestite da volontari per “accudimento e gestione degli animali presenti nelle strutture zootecniche registrate/autorizzate dal servizio veterinario ivi compresi canili, gattili” (Decreto Ministero Salute 12 marzo 2020). In ogni caso attenersi a quanto stabilito dai gestori della struttura stessa.

7. Si può portare il proprio animale dal medico veterinario in caso di urgenza o terapia. In questi casi è necessaria l’autodichiarazione che sarà poi accompagnata da una dichiarazione del veterinario. Si ricorda che “Gli spostamenti relativi alla cura degli animali di affezione rientrano nell’ambito della deroga relativa ai motivi di salute in quanto sono da estendersi anche alla sanità animale, in conformità delle disposizioni previste dai DPCM”
(aggiornamento nota 2 marzo 2020 Ministero della Salute a questo link).

Invitiamo tutti a rispettare le restrizioni indicate con senso di responsabilità e della collettività a massima tutela del nostro prossimo. Ricordiamo che in questi momenti i nostri amici animali domestici hanno maggiormente bisogno di protezione e aiuto così come le volontarie, che con sempre più fatica e difficoltà economiche li accudiscono con molti sacrifici e privazioni.


LEAL_5x1000_animata_det → IL TUO 5×1000 A LEAL C.F. 80145210151 
 
 → SOSTIENI LEAL: DONA ORA! 

EFFETTUA IL TUO VERSAMENTO INTESTATO A:
LEAL Lega AntiVIVIsezionista, via L. Settala 2, 20124 Milano
indicando sempre nome, cognome, indirizzo
e precisando nella causale: “LIBERA DONAZIONE” o “BORSA DI STUDIO RICERCA METODI SOSTITUTIVI”

MODALITÀ DI VERSAMENTO
. tramite C/C Postale 12317202
. bonifico bancario Codice Iban: IT04Q0306909606100000061270
. PayPal – online
. per qualsiasi chiarimento contattaci al +39 02 29401323

LEAL DA OLTRE 40 ANNI SI BATTE PER L’ABOLIZIONE DELLA VIVISEZIONE E DAL 1981 FINANZIA LA RICERCA SENZA ANIMALI. Grazie al sostegno di medici e ricercatori antivivisezionisti si può contare su una ricerca etica e scientificamente attendibile che salvaguardi la vita di uomini e animali.
MA SERVONO FONDI PER FINANZIARE I METODI SOSTITUTIVI CHE NON USUFRUISCONO DI SOVVENZIONI PUBBLICHE.
AIUTA LEAL A SOSTENERE LA RICERCA SENZA ANIMALI! 


CATEGORIE Argomenti, LEAL informa |
T A G , , , , |
Lascia un commento